Decreto Aiuti Superbonus: sempre più probabile slittamento CILAS al 31 dicembre e sblocco crediti

Fratelli d’Italia presenta due emendamenti al Decreto Aiuti sul Superbonus per spostare la CILAS per i condomini al 31 dicembre e sbloccare la cessione dei crediti

decreto-aiuti-superbonius
via depositphotos.com

Nell’attuale testo del Decreto Aiuti il Superbonus passa dal 110% al 90%

(Rinnovabili.it) – Posticipare il termine ultimo di presentazione della presentazione della CILAS per i condomini al 31 dicembre 2022 e sbloccare la cessione dei crediti attraverso gli F24. Sono questi i contenuti più gettonati degli emendamenti presentati al Decreto Aiuti sul Superbonus. Il percorso di conversione in legge del DL Aiuti quater n.176/2022 si sposterà tra poche ore verso il Parlamento, nel frattempo sono in molti i gruppi politici ad aver depositato emendamenti per consentire a imprese e cittadini, di sfruttare il Superbonus 110% anche per il 2023.

Ricordiamo infatti che i contenuti del Decreto Aiuti sul Superbonus prevedono una decurtazione dell’aliquota che passerebbe dal 110% al 90% in alcuni casi:

  • per i condomini che non abbiano presentato la CILAS entro il 25 novembre 2022
  • per le unifamiliari che non sono riuscite a completare il 30% dei lavori entro il 30 settembre 2022.

Leggi anche Superbonus 2023 scende al 90%: le modifiche del Dl Aiuti quater per condomini e villette

Dopo l’appello dell’intera filiera delle costruzioni, seguita dal sistema bancario, è risultata chiara la necessità di allungare i tempi. Anche e soprattutto perchè, tra l’entrata in vigore del DL Aiuti Quater (con la pubblicazione in GU) il 19 novembre e la presentazione della CILAS entro il 25 novembre, non è stata data una tempistica sufficiente per approvare in assemblea i lavori. Altro nodo cruciale è l’immediato sblocco dei crediti edilizi. I sequestri preventivi anche per i cessionari in buona fede, hanno esasperato una situazione di tensione da parte delle Banche, non più disposte ad acquistare ulteriori nuovi crediti per l’elevato rischio.

Anche Fratelli d’Italia della Meloni chiede lo slittamento della CILAS

La sempre più probabile consapevolezza dello spostamento del termine ultimo per i condomini per presentare la CILAS dal 25 novembre al 31 dicembre, lo si legge tra le righe degli emendamenti presentati. Oltre a Forza Italia, anche il Partito di Giorgia Meloni ha esposto due emendamenti su Decreto Aiuti e Superbonus.

Sblocco crediti edilizi secondo la proposta di Abi e Ance

L’altro emendamento di vitale importanza per il futuro dei bonus edilizi ed in particolare del Superbonus è quello contenenete le proposte per lo sblocco dei crediti edilizi.

Il partito di maggioranza recepisce la proposta di Abi ed Ance di utilizzare gli F24 presi in carico dalla Banche per sbloccare i crediti d’imposta già maturati. Ovviamente la il tema deve prima passare dal Mef per verificare le coperture del caso.

Leggi anche Sbloccare cessione del credito: la soluzione immediata proposta da Abi e Ance

E’ bene però sottolineare che gli stessi tecnici del Senato in una nota, avevano espresso alcuni dubbi in merito alla soluzione individuata dal DL Aiuti quater di spalmare su 10 anni la compensazione dei crediti, nel tentativo di sbloccare il meccanismo. Questa strategie era stata definita dai tecnici “poco prudenziale” perchè non affiancata da una norma di copertura degli oneri.

Articolo precedenteStagione degli uragani 2022, tornata nella norma ma quanti danni per Ian
Articolo successivoVolumi in leggera crescita per i rifiuti radioattivi in Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui