Il primo Festival del New European Bauhaus al via a Bruxelles

Il festival permetterà di conoscere da vicino gli obiettivi di sostenibilità, inclusione e bellezza alla base del New European Bauhaus

New European Bauhaus:
Foto di Walkerssk da Pixabay

Tra i relatori dell’evento anche il connazionale Stefano Boeri

(Rinnovabili.it) – Dal 9 al 12 giugno aprirà le porte il primo Festival del New European Bauhaus. Un evento ideato dalla Commissione per coinvolgere più cittadini possibile e di ogni estrazione sociale, nella missione di trasformare il nostro futuro rendendolo bello, inclusivo e sostenibile.

Così come gli ideali stessi del movimento, il Festival servirà ad abbattere il confine tra le discipline, creando un legame volto prima di tutto a rendere il futuro maggiormente sostenibile. Lo stesso presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, lo ha definito un “nuovo progetto culturale per l’Europa“.

Tra i pilastri secondo cui si articolerà il festival che si terrà dal vivo e online: Forum, Fiera e Fest.

Il Forum e i vincitori dei New European Bauhaus Awards

Il primo pilastro che darà modo al pubblico di conoscere i contenuti del NEB è il forum. Tra i prestigiosi relatori internazionali anche le archistar Rem Koolhass, Shigeru Ban ed il nostro Stefano Boeri. Non mancheranno gli appuntamenti istituzionali con l’intervento della Presidente Ursula von der Leyen, i commissari Johannes Hahn, Mariya Gabriel, Elisa Ferreira e Kadri Simson che illustreranno nel dettaglio gli obiettivi del movimento.

Inoltre in occasione del Forum dell’11 giugno, saranno annunciati i vincitori delle quattro categorie lanciate dal New European Bauhaus Prize: riconnettersi con la natura; ritrovare il senso di appartenenza; dare priorità ai luoghi e alle persone che ne hanno più bisogno e plasmare un ecosistema industriale circolare e sostenere il pensiero del ciclo di vita.

Una Fiera all’insegna dell’innovazione green

Per i più curiosi che vogliono scoprire a livello pratico quali cambiamenti porterà con se il NEB, quale migliore occasione di una Fiera dedicata. Durante il Festival la città sarà costellata di laboratori locali che esporranno le soluzioni più pionieristiche, i prototipi più innovativi pronti a rivoluzionare le nostre vite, e messe in pratica grazie a i fondi Horizon Europe. Delle oltre 316 candidature arrivate, sono stati scelti 100 progetti da esporre alla Fiera, alcuni dei quali a disposizione degli stessi visitatori, come ad esempio i mezzi per la mobilità sostenibile.

Una Festa co-creata

Come per tutti gli altri eventi del Festival, l’idea era di coinvolgere i visitatori ed i cittadini in prima persona. Il terzo pilastro, il Fest, prevederà spettacoli, concerti, installazioni, mostre, il tutto con l’ausilio dei tutti coloro che hanno fatto richiesta di co-partecipazione. In questa occasione ci sarà anche la possibilità di seguire lavoratori ed esperimenti scientifici dedicati al tema del riciclo, della sostenibilità e dell’innovazione.

Anche se la sede del Festival del New European Bauhaus è Bruxelles altri 20 Stati Membri hanno organizzato manifestazioni contemporanee. Per l’Italia numerosi eventi sparsi lungo tutta la penisola, dai grandi centro urbani alle piccole località. Dopo questa prima edizione pilota, il festival dovrebbe viaggiare negli anni a venire in altre città europee per diffondere la consapevolezza del movimento in tutti gli angoli dell’Unione.

Articolo precedenteAthenathon riparte, si rafforza la rete delle università europee
Articolo successivoAcque di balneazione: in Europa la maggior parte è di alta qualità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui