Helsinki, quando a progettare l’asilo nido sono gli stessi bambini

Dal Mar Baltico arriva l’esempio unico di una struttura progettata dagli stessi studenti dove l’attenzione ai materiali ed agli spazi cambia completamente la percezione del luogo

progettare-asilo nido
Credit photo: Riikka Kantinkoski per gentile concessione di v2com

Il progetto per la New Nordic School by the Sea si trova nel quartiere di Jätkäsaari di Helsinki

(Rinnovabili.it) – Le scuole stanno per riaprire e purtroppo con esse torneranno ad affacciarsi i soliti problemi, tutti nazionali, della mancanza di servizi e della scarsa qualità delle strutture. Dal Pnrr sono in arrivo stanziamenti su più fronti per sopperire alle carenze nella speranza di migliorare un comparto tra i più obsoleti e fatiscenti nonostante l’incredibile valore di “coloro” che è destinato ad ospitare. Gli esempi da cui trarre ispirazione sono moltissimi e spesso provengono dai Paesi del Nord Europa. E’ il caso di Helsinki, dove a progettare l’asilo nido ci hanno pensato gli stessi bambini, raggiungendo un livello decisamente alto.

Siamo sulle coste del Mar Baltico, nella nuova della famosa azienda sviluppatrice di giochi per dispositivi mobili Supercell. All’interno dell’esclusiva Wood City, la società ha deciso di ampliare i propri spazi fornendo un asilo per i figli dei dipendenti. Il progetto per la New Nordic School by the Sea è stato affidato al team di Fyra, una delle principali aziende di interior design della Finlandia, specializzata in ambienti di lavoro e servizi che hanno come fulcro del progetto il benessere umano.

Un elemento di fondamentale importanza per i piccoli ospiti destinatari degli spazi.

Ma uno degli aspetti forse più interessanti è che a progettare l’asilo nido sono stati gli stessi bambini.

In realtà non si tratta di una cosa insolita per la Finlandia. Il progetto è gestito da Akki, un programma nato proprio in questo Paese, che utilizza l’architettura ed il design come strumento educativo di insegnamento per i bambini. Il punto del processo di progettazione era creare uno spazio funzionale in grado di sostenere lo sviluppo dei bambini, ispirando creatività, sicurezza e gioia.

Materiali naturali ed ambiente accogliente

Il risultato sviluppato dallo studio Fyra è di grande impatto con un’attenzione particolare all’impiego di materiali naturali, atossici e resistenti. La natura ed il mare sono ovviamente il fil rouge che lega gli spazi del progetto. Il linguaggio del design organico e l’uso abbondante del legno parlano sia dell’edificio che all’ambiente circostante. Le forme ondulate e rotonde ammorbidiscono lo spazio scandito dalle pareti di legno. Ogni funzione ha il suo spazio garantendo silenzio ed isolamento negli ambienti che necessitano tranquillità e giocosità e animazione in quelli per le attività creative quotidiane.

Articolo precedenteRimbalzano anche i sussidi fossili: l’anno scorso sono raddoppiati
Articolo successivoL’Ue ha già raggiunto gli obiettivi di stoccaggio gas di novembre

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui