Passivhaus e struttura CLT di bambù per il Vancouver Forest

L’edificio progettato da Urban Agency sarà costruito con un sistema CLT in bambù incorporando accorgimenti di progettazione passivhaus

bambù
Vancouver Forest – credits: urban agency

(Rinnovabili.it) – Si chiama Vancouver Forest l’ultimo progetto di Urban Agency per il Canada che integra la progettazione Passivhaus con una struttura in bambù e legno.

L’ispirazione è arrivata direttamente dalle rigogliose foreste che caratterizzano il paesaggio della British Columbia, volendo portare ad un livello più elevato la sostenibilità del progetto.

Grazie all’impiego di materiali naturali ed alle strategie progettuali adottate, l’edificio riuscirà a raggiungere livelli di efficienza molto alti.

Struttura in CLT di bambù

bambù
Vancouver Forest – credits: urban agency

Siamo sempre più abituati a vedere il legno quale materiale da costruzione anche per edifici che svettano verso l’alto. Ancora inusuale però è l’uso del bambù, specialmente in contesti urbanizzati lontani dall’Oriente.

Grazie al Vancouver Forest avremo una dimostrazione concreta delle possibilità offerte anche da questo materiale naturale, al pari di molti altri più gettonati.

Leggi anche SAWA, il primo condominio in legno costruito al 90% in CLT

A differenza del legname tradizionale, la pianta di bamboo cresce ad una velocità 15 volte superiore, rendendola ancora più sostenibile per l’ambiente. Inoltre il bamboo ha una resistenza alla trazione del tutto simile all’acciaio, ma con offrendo molta più facilità e leggerezza di trasporto.

Nell’edificio canadese tutta la struttura ed il rivestimento sfruttano questo materiale naturale. La costruzione avverrà con il classico sistema intrecciato CLT, ma sostituendo il bambù al legno. Unica eccezione vale per le scale antincendio e la tromba dell’ascensore costruite in cemento per adeguarsi alle normative locali.

La facciata che ricorda una foresta

L’edifico sarà principalmente destinato ad accogliere appartamenti residenziali, tranne i primi tre piani del podio permeabili e riservati alla sfera pubblica, anche e soprattutto nell’ottica di ricongiungere le due strade parallele che disegnano il lotto dove sorgerà l’edificio.

Il design dell’involucro segue una serie di terrazzamenti per consentire a tutti gli appartamenti di ricevere il massimo quantitativo possibile di illuminazione naturale ed avere un accesso diretto all’esterno. Gli angoli dell’edificio sono inoltre arrotondati per ammorbidire l’aspetto dell’edificio esaltando la fluidità della facciata.

Terrazze, balconi sfalsati e colonne di bambù forniscono il giusto equilibrio tra luce e ombra.

Passivhaus e sostenibilità

Superficie vetrata e rivestimento si alternano in ritmo regolare, offrendo all’edificio un ottimo controllo termico delle dispersioni. La progettazione Passivhaus riduce i consumi sfruttando al massimo illuminazione e ventilazione naturale. Ma la sostenibilità del Vancouver Forest va oltre la costruzione. Anche il trasporto del bambù dalle foreste all’edifico è avvenuto nel rispetto dell’ambiente e della riduzione delle emissioni. I pali in bambù sono stati trasportati dal fiume fino all’edificio, semplicemente legandoli insieme secondo una griglia predefinita, senza la necessità di mezzi di trasporto ulteriori.

Una volta completato l’edificio avrà anche un rivestimento a verde, grazie alle piante ed agli alberi piantumati sia sui terrazzamenti che in copertura , rendendo l’edifico parte del paesaggio circostante.

Articolo precedentePersino la BEI boccia gas e nucleare in tassonomia verde
Articolo successivoCina, per la prima volta la capacità fossile scende al 50% del mix

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui