Remissione in bonis, ultimo giorno per presentare in ritardo la comunicazione della cessione del credito

In caso di errore o ritardo nella comunicazione della cessione del credito è possibile sfruttare entro oggi la remissione in bonis, con una sanzione da 250 euro con F24 messa a disposizione del Fisco

Ritardo comunicazione cessione del credito
Photo by Matt Botsford on Unsplash

Le indicazioni sul come compilare l’F24 sono contenute nella risoluzione 2022/58/E

(Rinnovabili.it) – Come stabilito dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n.33/E entro oggi, 30 novembre 2022, è possibile sfruttare la remissione in bonis, ovvero la sanzione da 250 euro che permette di avvalersi di un ritardo nella comunicazione della cessione del credito o dello sconto in fattura. La possibilità è offerta ai soggetti IRES, IRPEF e titolari di partita Iva, che ancora non abbiano presentato al Fisco le opzioni alternative alla detrazione diretta dei bonus edilizi, ovvero uno sconto in fattura o una cessione del proprio credito.

Comunicazione tardiva perchè le scadenze di comunicazione per privati era fissata al 29 aprile, mentre per i soggetti IRES e partite IVA era fissata al 15 ottobre 2022.

Come sfruttare la remissione in bonis

Coloro che intendono avvalersi del ritardo nella comunicazione della cessione del credito, o coloro che si siano accorti di aver commesso eventuali errori sostanziali o mancanze nella compilazione del modulo, potranno sfruttare la remissione in bonis. Come fare? La procedura è abbastanza semplice ed è individuata dalla risoluzione dell’11 ottobre 2022 n.58/E pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate. La remissione in bonis prevede il pagamento di una sanzione da 250 euro da effettuare tramite modello F24 ELIDE e codice tributo “8114”.

Leggi anche Cessione crediti bonus edilizi: cosa fare in caso di errore o ritardo nella comunicazione

La stessa risoluzione fornisce un valido aiuto anche alla compilazione corretta di tutti i campi dell’F24 sia riferiti a lavori eseguiti su parti comuni di condomini, o in caso in cui il cessionario sia un erede o un genitore.

Per gli Errori formali basta la pec

Attenzione, è bene distinguere tra tre tipi di errori commessi nella compilazione dell’opzione alternativa alla detrazione diretta: errore nella compilazione, errore formale o errore sostanziale. Se l’errore è solo nella comunicazione, sarà sufficiente inviare una comunicazione sostitutiva della prima entro il quinto giorno del mese successivo all’invio, che in questo caso sarà il 5 dicembre. Se l’errore è formale, ovvero sono stati omessi dei dati non essenziali alla detrazione, come ad esempio errori nei codici di ENEA o nei recapiti, basterà inviare una Pec all’Agenzia delle Entrate tramite questo indirizzo annullamentoaccettazionecrediti@pec.agenziaentrate.it.

Se invece l’errore è sostanziale, ovvero l’errata indicazione del codice dell’intervento, o del limite di spesa, o nei visti di conformità, ecco che entra in gioco la remissione in bonis.

Quando è consentita la remissione in bonis

Procedere con la remissione in bonis tuttavia è possibile solo se non sono in corso controlli sui crediti oggetto della sezione. Inoltre è essenziale che l’accordo tra cessionario e cedente o lo sconto in fattura siano stati stipulato prima delle scadenze originarie del 29 aprile e del 15 ottobre.

Articolo precedenteI proventi del mercato del carbonio Ue? Usati soprattutto per inquinare
Articolo successivoABB lancia un sistema di gestione dell’energia per l’idrogeno verde

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui