Schneider Electric, l’edificio senziente del futuro Net Zero ha un nome: IntenCity

Uno smart building a impatto energetico neutro, fiore all’occhiello dell’innovazione firmata Schneider Electric. È IntenCity, una vetrina di soluzioni digitali e tecnologie applicate pronte a rivoluzionare il settore delle costruzioni

IntenCity
Credits: Schneider Electric

Grazie a 60.000 sensori integrati alla piattaforma EcoStruxure™ Building, IntenCity aumenta efficienza e comfort

(Rinnovabili.it) – Crescono i numeri del comparto edilizio e con esso crescono le emissioni ed i consumi. Dal 2000 ad oggi la superficie costruita è aumentata del 65%, raggiungendo i 245 miliardi di m2. Allo stesso tempo però, come confermano i dati IEA, il consumo medio di energia per metro quadro è diminuito solo del 25%. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una progressiva presa di coscienza che ha spinto i Governi stessi ad adottare misure più stringenti per aumentare il livello di efficienza del comparto immobiliare, ma la strada verso il traguardo Net Zero fissato al 2050, è ancora lunga. Ma costruire edifici intelligenti non è più un’utopia. Lo sanno bene i professionisti di Schneider Electric, multinazionale leader attiva nella trasformazione digitale della gestione energetica e dell’automazione.

Attraverso l’uso sapiente di tecnologie adattive, soluzioni IoT (Internet of Things), digitalizzazione e, soprattutto, tramite una grande attenzione alle esigenze dei futuri occupanti, la società sta dimostrando concretamente le infinite possibilità offerte dagli smart building. E per farlo è partita innanzitutto dai suoi stessi edifici aziendali. Architettura di punta della flotta di Schneider Electric è senza dubbio IntenCity, situata nel Poligono Scientifico (Presqu’île) di Grenoble. L’edificio è oggi uno dei più efficienti al mondo in termini di utilizzo dell’energia e, grazie ad una serie di impianti e tecnologie digitali, si presenta come un vero e proprio modello di sostenibilità.

IntenCity, l’architettura che promuove collaborazione, efficienza e comfort

L’innovativo headquarter di Schneider Electric fa parte di un vasto progetto di riorganizzazione degli impianti della società per Grenoble, che ha avuto inizio nel 2016. L’obiettivo era raggruppare in 4 grandi edifici, gli oltre 5.000 lavoratori sparsi su 13 differenti siti. Il risultato: una netta riduzione delle emissioni di carbonio, un rafforzamento della collaborazione tra i dipartimenti e la soddisfazione a 360° delle esigenze degli occupanti. 

IntenCity ha aperto i battenti nel 2021; nei suoi 26.000 metri quadri ospita tre laboratori ed un ufficio con 1.500 dipendenti. Gli spazi sono organizzati secondo il concetto di flex office, con postazioni di lavoro condivise che incoraggiano alla collaborazione e all’innovazione. Sin dalle fasi di organizzazione iniziale, i futuri residenti della struttura sono stati coinvolti nel processo decisionale per definire la disposizione delle aree di lavoro e convivialità, nella scelta dei materiali impiegati, fino alla selezione dell’arredamento stesso. Creando un senso di appartenenza ed uno spirito collaborativo unico nel suo genere.

La nuova generazione di edifici intelligenti 

Ma è nelle soluzioni applicate per l’efficienza e la sostenibilità che IntenCity da il meglio di sé, trasformandosi in un modello di riferimento a livello globale. Lo Smart Building Schneider Electric di Grenoble segna di fatto l’inizio di una nuova generazione di edifici, in grado di compensare i consumi con la produzione e massimizzare l’efficienza. A pieno regime l’edificio avrà un consumo di 37 kWh/mq/anno, un traguardo incredibile se si pensa che in Europa, mediamente, gli edifici esistenti superano i 330 kWh/mq l’anno. Grazie all’energia prodotta in loco dai 4.000 mq di pannelli fotovoltaici in copertura e dalle due turbine eoliche verticali che produrranno 970 MWh l’anno, l’edificio sarà completamente autonomo dal punto di vista energetico. Inoltre, l’energia immagazzinata entrerà a far parte della Smart Grid del quartiere, condividendola quando necessario con gli edifici vicini.

Tutti i dati energetici rilevati dai misuratori installati in Intencity – acqua, energia, temperatura – sono raccolti in un sistema di supervisione centrale ed elaborati dalla piattaforma ARC di GBCI” ci ha spiegato Francesco Rossi, Real Estate & Luxury Retail Segment Manager di Schneider Electric, “ARC consente il monitoraggio in tempo reale delle prestazioni dell’edificio e di apportare miglioramenti e potenziare le proprie performance di riferimento. La piattaforma ARC, di cui Schneider Electric è trusted provider tecnologico, si aggiunge alla certificazione LEED e agli altri sistemi di rating: permette agli edifici di collegarsi all’ambiente costruito in un modo nuovo, confrontando i parametri di rendimento”.

Una vetrina di know-how energetico

IntenCity è una vera e propria vetrina di soluzioni performanti, un ecosistema dove la tecnologia svolge un ruolo chiave. All’interno dei tre laboratori digitali che arricchiscono l’edificio, i clienti e i players dell’ecosistema tecnologico potranno toccare con mano le potenzialità offerte dalle soluzioni smart di Schneider Electric. 

Il laboratorio Stallman, dedicato alla cybersecurity, dove verrà testata la resistenza dei prodotti e dei sistemi Schneider Electric agli attacchi informatici. Il laboratorio IoT Sensors, dedicato ai testi e alle prestazioni dei sensori smart necessari ai sistemi Internet of Things. E il laboratorio EcoStruxure™, sistema end-to-end dotato di un’area dimostrativa per presentare le innovazioni Schneider in materia di Analytics, Big Data, Machine Learning, Edge Control, tutte in fase di sperimentazione. Innovazione da testare e portare sul mercato ma anche da applicare nella quotidianità delle proprie operazioni. Come nel caso di EcoStruxure™ Building, la piattaforma collaborativa creata da Schneider Electric per abilitare l’edilizia intelligente.

EcoStruxure Building, una soluzione intelligente per la gestione degli edifici

IntenCity rappresenta uno smart building modello per il mondo delle costruzioni, ed EcoStruxure Building necostituisce il sistema nervoso centrale. 

Di cosa si tratta? Di una piattaforma tecnologica per la gestione energetica e il monitoraggio ambientale dell’edificio in grado di migliorarne la sicurezza, il comfort, l’efficienza e la sostenibilità. e offrire nel contempo una maggiore connettività e interoperabilità. Fa parte della nuova generazione di BMS (building management systems), sistemi aperti capaci di orchestrare i dati provenienti da diversi sistemi, andando oltre la semplice gestione dei consumi elettrici. EcoStruxure Building fornisce un vero e proprio hub intelligente in grado di plasmarsi sulle esigenze degli utenti finali per garantire che il risparmio energetico vada di pari passo con il benessere personale e la produttività. Aumentando anche il valore stesso dell’immobile.

Nel caso di IntenCity grazie all’impiego di oltre 60.000 punti dati che raccolgono informazioni ogni 2 minuti, la piattaforma gestisce al meglio i consumi energetici e migliora le prestazioni dell’edificio. Ad esempio, quando un ambiente non è utilizzato, il sistema entra nella modalità “risparmio energetico”, evitando qualsiasi consumo inutile. Allo stesso modo attraverso un’unica interfaccia, è possibile gestire i costi di manutenzione e gli impianti applicando un vero e proprio sistema predittivo, che sfrutta i dati raccolti in tempo reale su temperatura, luminosità, livelli di CO2, occupazione, ecc. Ciò significa assicurare alla struttura le massime prestazioni, ma con un budget limitato. Ogni utente ha inoltre la possibilità di gestire la propria postazione lavorativa scegliendo il comfort ottimale ed intervenendo puntualmente nella gestione dei problemi dettati ad esempio dal malfunzionamento di un dispositivo o dalla pulizia di un impianto.

Attraverso il Building Information Modeling (BIM), l’edificio francese di Schneider Electric si affida ad una copia digitale della struttura, fedele alla realtà. La raccolta dinamica dei dati ed un sistema predittivo, creano un modello di visualizzazione 3D per il monitoraggio in tempo reale dell’edificio, integrato nella piattaforma software del BMS. In questo modo è possibile inventare nuove soluzioni per la gestione dello spazio, dell’energia, della manutenzione o dei sistemi tecnici, adattando la struttura al mutare delle esigenze.

L’attenzione ai dettagli e l’aspirazione alla massima qualità di Schneider Electric sta portando IntenCity verso la certificazione LEED Platinum Operations & Maintenance, uno dei riconoscimenti più severi a livello mondiale in termini di efficienza e abbattimento delle emissioni.

In collaborazione con Schneider Electric

Articolo precedenteL’Europa può superare un inverno senza forniture di gas dalla Russia?
Articolo successivoAccelera il consumo di suolo in Italia, il cemento si mangia 70 km2 nel 2021

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui