Porte de Montreuil, ecco il quartiere a emissioni zero di Parigi

Un progetto di riconversione urbana che trasformerà un lotto periferico in un quartiere a emissioni zero, alimentato da energia pulita e costruito con biomateriali.

quartiere emissioni zero
Porte de Montreuil, quartiere a emissioni zero – credits courtesy of collective for climate – atelier georges, tatiana bilbao estudio, serie architects, bond society

Il progetto di Porte de Montreuil, quartiere a emissioni zero è satao selezionato dal concorso Reinventing Cities

(Rinnovabili.it) – Una riduzione dell’85% delle emissioni totali e innovazione ad alti livelli, permetteranno a Porte de Montreuil, nella cintura orientale di Parigi, di diventare un quartiere a emissioni zero e modello di sviluppo.

A dar vita al progetto è la governance della capitale francese che con il programma Grand Parigi ha intrapreso un intensa attività di rigenerazione urbana delle “porte d’accesso“alla città. Grazie al concorso di C40 “Reinventing Cities” è stato scelto il progetto vincitore che trasformerà Porte de Montreuil in un esempio per l’intera metropoli.

Il progetto di The Collective for Climate

Ad aggiudicarsi il primo posto è “The Collective for Climate” guidato dagli architetti di Nexity, che punta a raggiungere l’obiettivo di quartiere a emissioni zero attraverso una miriade di approcci innovativi.

ENERGIA PULITA – Il progetto prevede la produzione di energia geotermica e fotovoltaica in loco per rifornire l’intero distretto. Le emissioni saranno ridotte e compensate non solo nel comparto delle costruzioni, ma anche per la mobilità.

MATERIALI BIO – I materiali da costruzione hanno un peso importante nella sostenibilità di qualsiasi progetto. Per Porte de Montreuil il 100% delle facciate sfrutterà materiali di origine organica, come i mattoni di terracotta e canapa. L’80% della sovrastruttura sarà realizzata in Legno Lamellare francese e pietra.

FLESSIBILITA‘ – Ogni spazio costruito e ristrutturato sarà completamente flessibile e convertibile in un’altra funzione a seconda delle esigenze, eliminando il problema della demolizione e ricostruzione.

Leggi anche Con ‘Campo Urbano’, Reinventing Cities passa anche da Roma Tuscolana

VERDE PUBBLICO – Oasi verdi, giardini pensili e piazze per il drenaggio delle acque piovane ridurranno la temperatura complessiva di almeno 3 gradi, eliminando il problema dell’isola di calore. Porte de Montreuil oggi è prevalentemente a vocazione automobilistica, ma grazie all’intervento di riqualificazione guadagnerà 7.000 mq di vegetazione.

MOBILITA’ LEGGERA – Ovviamente l’attenzione urbanistica porterà a valorizzare le piste ciclo pedonali e le auto condivise, rifornendo il quartiere di tutti molteplici servizi raggiungibili a piedi da ogni angolo del quartiere.

ZERO RIFIUTI – La promozione di una cultura a zero sprechi sarà una delle chiavi del progetto, che metterà in piedi anche un caffè a zero rifiuti ed una Grand Hall dedicata ad un mercato dell’usato.

ECONOMIA CIROLARE – Il progetto di The Collective presta grande attenzione anche al potenziamento di un’economia circolare che favorisca le aziende locali. L’80% dei materiali da costruzione proverrà dai dintorni di Parigi.

Il quartiere di Porte de Montreuil è totalmente di proprietà della Città di Parigi che al momento sta assegnando i lotti per la riqualificazione. Con un budget di 103 mln di euro il progetto dovrebbe essere terminato entro il 2029.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui