New York, completata la prima parte del maxi progetto di resilienza climatica dell’East Side

Il progetto punta a migliorare la resilienza climatica dell’isola di Manhattan, trasformando il lungo mare in un sistema di protezione, ma arricchito di servizi per la comunità

resilienza climatica
credits: NYC.gov

Nei prossimi decenni NYC dovrà combattere con inondazioni e innalzamento dei mari

(Rinnovabili.it) – E’ ufficialmente completata la prima parte del progetto di resilienza climatica della costa dell’East Side della città di New York. A celebrare i lavori è stato il sindaco di NYC, Eric Adams che ha definito il progetto “più di una semplice infrastruttura […] E’ il modo in cui proteggeremo la nostra città dall’innalzamento del mare e dalle tempeste più forti”.

L’East Side Coastal Resiliency Project (ESCR) è un’iniziativa di protezione costiera finanziata congiuntamente dalla città di New York e dal governo federale. L’obiettivo è ridurre il rischio delle inondazioni dovute alle tempeste costiere e all’innalzamento dei mari nell’East Side appunto, da East 25th Street a Montgomery street. I confini di questo progetto non sono casuali, ma corrispondono ai c.d. “punti di spillo” naturali della pianura alluvionale centenaria, ovvero le aree dove il livello del terreno naturalmente risulta più alto lungo la costa, rendendo più facile chiudere il sistema dell’acqua che entra da nord e sud.

Integrare la resilienza climatica alla vita cittadina

Anzichè creare una barriera inaccessibile, il piano riqualifica il lungomare mettendolo a disposizione della comunità. Aumenta il numero di spazi aperti e crea una serie di servizi infrastrutturali e sociali aggiuntivi.

Leggi anche Gli effetti mortali del cambiamento climatico: New York si prepara a difendersi

Questo progetto creerà buoni posti di lavoro, metterà in atto tecnologia e ingegneria all’avanguardia e, soprattutto, proteggerà più di 100.000 residenti di New York City a causa di condizioni meteorologiche estreme. New York City è all’avanguardia in termini di clima e continueremo ad affrontare le minacce meteorologiche estreme che ogni quartiere deve affrontare con l’urgenza che richiede”.

L’East Side Coastal Resiliency Project (ESCR) è una piccola parte del maxi intervento destinato ad aumentare la resilienza climatica delle aree più esposte dell’isola di Manhattan. Procedendo verso sud, dopo il piano per l’East Side si incontrano i lavori per il Financial District and Seaport Climate Resilience, anche in questo caso un intervento che punta a proteggere i cittadini, senza sottrarre spazio alla città, anzi creando nuove aree verdi.

Tra gli interventi messi in atto per la protezione ci sono muri alluvionali, cancelli mobili, parchi rialzati, mettendo in sicurezza ben 2,4 miglia di costa. L’obiettivo è assicurare la massima resilienza climatica entro il 2050.

Articolo precedentePesca nel Mar Baltico, le regole UE
Articolo successivoCome dovrebbe essere un ospedale secondo Renzo Piano: i tre esempi in Grecia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui