Tokyo, facciata in ceramica per l’ultimo grattacielo di Snøhetta

Il team di Snøhetta ha presentato il progetto per il grattacielo dalla facciata in ceramica Shibuya Upper West, una torre che unirà tradizione ed innovazione sostenibile.

La torre sarà ultimata entro il 2027

(Rinnovabili.it) – Portare un angolo di pace in una delle città più energiche e viviaci del mondo, Tokyo. E’ questo l’obiettivo della torre Shibuya Upper West Project, l’ultimo progetto in ordine di tempo firmato dal team di Snøhetta per la città nipponica. A caratterizzare l’edificio penserà la facciata in ceramica, un chiaro riferimento alla tradizione costruttiva del Paese ospitante.

L’impiego della ceramica nelle architetture non è molto diffuso, tuttavia architetti del calibro di UNStudio, KPF e ShoP hanno di recente prodotto esempi estremamente validi dell’impiego di questo materiale. Come la facciata ceramica fotocatalitica impiegata da MVRDV per il famoso complesso Ilot Queyries a Bordeaux.

Leggi anche Facciata fotocatalitica per il condominio 2.0 firmato MVRDV

Per i norvegesi di Snøhetta invece, questo materiale permetterà di “onorare le tradizioni progettando per il futuro”.

Situata nel cuore del vivace quartiere Shibuya, la torre raggiungerà i 164,8 metri e sarà ad uso misto. L’ampio basamento servirà da collegamento orizzontale con la città, generando un luogo di relax interno al caos del quartiere. Il grattacielo si inerisce a pochi passi dal centro commerciale in legno in costruzione firmato da Foster + Partners.

Come tutti i progetti di Snøhetta l’attenzione alla sostenibilità sarà tutt’altro che irrilevante. L’idea dei progettisti è di allineare l’edificio all’obiettivo carbon neutral di Tokyo fissato al 2050. La facciata in ceramica aiuterà a ridurre il fabbisogno energetico, mentre tecnologia ed impiantistica all’avanguardia assicureranno una riduzione dei consumi.

In un’area così nota e storicamente significativa in una delle città più emozionanti del mondo, il progetto rende omaggio e rispetta le tradizioni oltre a guardare avanti. Miriamo a progettare per il futuro e aspiriamo a trovare le soluzioni più sostenibili”, Robert Greenwood, partner e amministratore delegato di Snøhetta Hong Kong.

La torre dovrà essere pronta entro il 2027.

Articolo precedenteL’osservatorio UE lancia l’allarme: la siccità in Europa continua ad aggravarsi
Articolo successivoRifiuti elettronici: grafene per recuperare oro dai RAEE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui