In California le auto elettriche diventano mini impianti

L’Utility energetica della California avvia a San Diego un progetto sperimentale per testare l’efficacia del sistema grid-to-vehicle

In California le auto elettriche diventano mini impianti

 

(Rinnovabili.it) – E se un giorno usassimo le auto elettriche come mini impianti di accumulo in grado di interagire con la rete per migliorarne la sicurezza? Quel giorno è già arrivato in California dove l’utility statale, la San Diego Gas & Electric (SDG & E), ha iniziato a fare offerte per l’energia delle flotte dei veicoli elettrici e dei sistemi di storage nel mercato energetico all’ingrosso. Il programma pilota di SDG&E, uno dei primi nel suo genere, ha lo scopo di testare questa nuova forma di generazione distribuita, stilando una serie di indicazioni su come questo tipo di risorse possano contribuire a rendere la rete elettrica più affidabile ed efficiente. Il progetto dovrebbe concludersi alla fine del 2015, termine entro il quale gli ingegneri dell’utility sperano di  raccogliere preziose informazioni sull’integrazione delle auto a batteria nella rete di trasmissione e distribuzione dell’energia. Il rapporto grid-to-vehicle è visto come un fattore chiave per la sviluppo di fotovoltaico ed eolico e per la pianificazione di un network più distribuito; network che consenta di caricare le e-car di notte quando la domanda è bassa ed utilizzarle come una risorsa quando la domanda è alta. L’idea è quella di trovare soluzioni praticabili oggi, mentre il mercato è ancora relativamente piccolo.

 

Per i 10 mesi di sperimentazione, i sistemi di storage fissi saranno combinati con siti di ricarica per l’e-mobility in cinque siti di San Diego e controllati a distanza tramite un software in grado di bilanciare le esigenze di ricarica e la domanda della griglia. Il programma informatico fornisce servizi di “risposta alla domanda”; in altre parole, le auto elettriche fanno “il pieno” fuori dalle ore di punta, quando la domanda è bassa, correlando l’attività di ricarica con prezzi dell’energia all’ingrosso. Quando la “risorsa richiesta” è usata dal mercato,  vengono inviati  istruzioni al software di ottimizzazione per fermare la ricarica, riducendo la domanda in quell’ora e riprendendola nelle ore in cui l’energia ha un prezzo inferiore, ovviamente completando la procedura entro il tempo fissato dal cliente.

Articolo precedenteMoto elettriche, accessori e ricambi green: le due ruote si fanno eco
Articolo successivoE’ la svedese Östersund la regina della mobilità sostenibile europea

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui