EXO, lo skateboard elettrico pieghevole per tutti gli usi

Può viaggiare in città o su pista, ma soprattutto EXO, lo skateboard elettrico pieghevole, occupa davvero poco spazio

EXO lo skateboard elettrico pieghevole per tutti gli usi 1

 

(Rinnovabili.it) – Si chiama EXO, l’abbreviazione di esoscheletro, un nome che racconta bene l’estetica dell’innovativo skateboard elettrico pieghevole. L’utilizzo è sempre quello del mezzo “analogico”, ma l’elemento fatica (così come quello acrobazia) è stato totalmente messo da parte. Lo skateboard elettrico pieghevole diventerà un sistema sostenibile per muoversi su brevi distanze, in città o anche al chiuso, senza consumare la suola delle scarpe e velocizzando i tempi di percorrenza. Senza contare che potrà comodamente essere infilato in uno zaino e portato al lavoro. Qualsiasi tragitto, dalla fermata dell’autobus, del treno o della metro, potrà essere coperto in piedi sulla piccola tavola pieghevole.

Il funzionamento è piuttosto intuitivo: all’utente basterà salire poggiando i piedi sulle apposite pedaline. Alla pressione del peso, vengono azionati 2 motori elettrici da 150 W collocati alla base di ogni ruota. Dopodiché, accelerazione, frenata e sterzo possono essere determinati attraverso movimenti del piede. Lo skateboard hi tech è in grado di capire quale gamba l’utente ha posizionato sull’anteriore, cambiando l’orientamento dei motori per rendere più comoda la guida a chi preferisce una posizione piuttosto che l’altra.

EXO lo skateboard elettrico pieghevole per tutti gli usi 31Su tutti e tue i lati di ciascuna ruota è montata una ventola per il raffreddamento dei motori elettrici, collegata a una fessura per  lo sfiato dell’aria calda, dato che a lungo andare le ruote potrebbero scaldarsi un po’.

Una volta arrivati a destinazione, per ridurre lo spazio occupato dallo skateboard elettrico basterà premere il pulsante rosso posto al centro della tavola, dove fra l’altro si trova l’alloggiamento delle batterie. Azionato il bottone, sarà possibile richiudere il mezzo in modo che occupi soltanto metà dello spazio originario. A disegnare EXO è stato Fraiser Leid, ma oltre alle belle immagini non si sa molto: né il prezzo, né la durata delle batterie.

Articolo precedenteSe il TTIP inquina anche l’acqua potabile
Articolo successivoNessun patto sul clima senza i 100 mld di aiuti ai Paesi poveri

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui