Auto elettriche, nel 95% del mondo sono una soluzione “salva clima”

I ricercatori delle Università di Exeter, Nijmegen e Cambridge dimostrando che, anche quando la produzione di elettricità comporta ancora l’uso di combustibile fossile, si registra comunque un risparmio di anidride carbonica.

Una ricerca mostra che, nel complesso, le auto elettriche sono davvero meno inquinanti di quelle a combustione

(Rinnovabili.it) – I detrattori della mobilità elettrica sostengono che la CO2 emessa durante il processo di produzione delle auto elettriche, così come quella generata dall’uso dell’elettricità se prodotta da impianti fossili, superi ampiamente i benefici ambientali di questo tipo di veicoli. Infatti, sebbene le auto elettriche siano ritenute essenziali per ridurre le emissioni complessive, la loro efficacia dipende anche da come viene generata l’elettricità, dall’efficienza della fornitura e dall’efficienza del veicolo. Ciò ha indotto alcuni – esperti, decisori politici e attori economici – a chiedersi se davvero valesse la pena puntare su questo tipo di tecnologie.

Leggi anche Veicoli elettrici 2020, come si muoverà il mercato mondiale?

Per questa ragione, gli scienziati delle Università di Exeter, Nijmegen e Cambridge hanno condotto delle analisi sul ciclo di vita delle auto elettriche, dimostrando che anche quando la produzione di elettricità comporta ancora notevoli quantità di combustibile fossile, si è comunque registrato un risparmio di anidride carbonica rispetto alle auto convenzionali e a motore a combustione. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Sustainability, dimostra dunque che i veicoli elettrici producono meno anidride carbonica rispetto alle auto a benzina. Ciò avviene nella stragrande maggioranza delle regioni del mondo.

I ricercatori, infatti, hanno scoperto che in 53 regioni su 59, che comprendono il 95% del territorio globale, le auto elettriche, insieme alle pompe di calore domestiche, generano meno anidride carbonica rispetto alle auto o alle caldaie alimentate a combustibile fossile. Le uniche eccezioni riguardano i paesi fortemente dipendenti dal carbone, come ad esempio la Polonia. In paesi come la Svezia, che ottiene la maggior parte della sua elettricità da fonti rinnovabili, e la Francia, che è in gran parte alimentata dal nucleare, i risparmi di CO2 derivanti dall’uso di auto elettriche raggiungono il 70% rispetto alle loro controparti convenzionali. Nel Regno Unito, i risparmi sono circa del 30%. Tuttavia, è probabile che questa percentuale migliorerà ulteriormente man mano che i veicoli elettrici diventeranno ancora più efficienti.

Leggi anche The first and the last mile, la chiave per una mobilità urbana davvero sostenibile

“L’idea che le auto elettriche o le pompe di calore possano far aumentare le emissioni è essenzialmente un mito, ha dichiarato al Guardian Florian Knobloch dell’Università di Nijmegen, Paesi Bassi, “abbiamo visto molta disinformazione in giro, ed ecco finalmente uno studio definitivo che può sfatare quei miti. Jean-Francois Mercure, dell’Università di Exeter, ha aggiunto: “La risposta è chiara: per ridurre le emissioni di carbonio, dovremmo scegliere auto elettriche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui