Mercato auto ad alimentazione alternativa, boom di vendite

ACEA ha reso noto i dati di vendita 2021 per le auto ad alimentazione alternativa in Europa. L’Italia è leader per le auto a gas

auto ad alimentazione alternativa
via Pixabay

di Andrea Barbieri Carones

(Rinnovabili.it) – Le vendite di auto ad alimentazione alternativa sono in aumento in tutta l’Unione Europea. Una tendenza che va consolidandosi, accompagnata da un trend di senso contrario per i veicoli a benzina e diesel. A renderlo noto è ACEA, l’associazione continentale dei costruttori, pubblicando oggi i dati 2021 del mercato europeo (inclusi Regno Unito, Svizzera, Norvegia e Islanda).

L’area analizzata conta, per il periodo gennaio-dicembre 2021, circa 11,8 milioni di nuove immatricolazioni, l’1,5% in meno rispetto all’intero 2020.

Nel periodo considerato, le immatricolazioni di auto a benzina hanno registrato una diminuzione del 17,4%. In calo costante anche le vendite delle autovetture diesel (-33,1%) mentre nel complesso, le autovetture ad alimentazione alternativa crescono del 59,7%.

Nel dettaglio le PHEV (plug-in hybrid) hanno mostrato la crescita più significativa grazie ad un più 68,5% sull’anno precedente. A seguire, le elettriche a batteria (+63,4%) e le ibride tradizionali (+58,5%). Le auto a gas naturale e le altre ad alimentazione alternativa (inclusi LPG ed Etanolo) costituiscono invece una porzione molto marginale del mercato: solo il 2,3% del totale. Queste ultime registrano rispettivamente un calo del 21,7% e una crescita del 47,6% sullo stesso periodo dell’anno precedente.

Nel cumulato del 2021 sono stati immatricolati prevalentemente modelli elettrificati, che registrano le seguenti quote di mercato: 19,2% per le ricaricabili (di cui il 10,3% sono pure elettriche e l’8,9% PHEV) e 20,5% per le ibride tradizionali. Nel complesso, sono state immatricolate 4.716.403 vetture ibride ed elettriche, che rappresentano insieme quasi il 40% del mercato. 

Per quanto riguarda i singoli paesi, la Germania resta quello dove le auto ad alimentazione alternativa hanno venduto di più nel 2021: oltre 1,1 milioni. A seguire: Regno Unito e Italia. Nella Penisola abbiamo immatricolato poco meno di 700.000 vetture non solo benzina e non solo Diesel, con una preponderanza di ibride. Restiamo  però leader europei nelle “altre alimentazioni”, composte prevalentemente da auto a gas naturale (NGV).

In questo caso, “surclassiamo” numericamente gli altri paesi: oltre 31.000 immatricolazioni nel 2021 contro poco meno di 4.000 per la Germania, che è al secondo posto.

Interessante poi dare uno sguardo ai dati relativi alle infrastrutture di ricarica. Innanzitutto, emerge che solo il 15,3% delle colonnine europee è a ricarica veloce (maggiore di 22 kW). I numeri sono stati rapportati con i chilometri di autostrada presenti in ciascun paese.

Ebbene: al primo posto c’è la Norvegia, con quasi 3.736 colonnine ogni 100 km di autostrada. Al secondo e al terzo posto: Olanda e Islanda. L’Italia è all’11° posto con 323,6 colonnine, dietro la Germania che ne conta 385.

Articolo precedenteEuroparlamento: servono norme più severe per rendere le batterie sostenibili
Articolo successivoBonus fiscali 2022, dai Notai la guida gratuita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui