La mobilità a idrogeno unisce Chevron e Toyota

L’azienda petrolifera ha firmato un memorandum d’intesa con la Toyota Motor North America con l’obiettivo di realizzare un’alleanza strategica sull’idrogeno.

mobilità a idrogeno
via depositphotos.com

Nuovi accordi strategici per la mobilità a idrogeno di domani

(Rinnovabili.it) – La mobilità a idrogeno fa incontrare Chevron e Toyota. Il combustibile è, infatti, centro nevralgico dell’intesa firmata tra la compagnia petrolifera statunitense e la holding nordamericana della casa automobilistica giapponese. Insieme le due società intendono esplorare un’alleanza strategica che catalizzi e guidi lo sviluppo di attività commerciali su larga scala nel settore dell’H2.

L’interesse dei famosi nomi del comparto fossile per l’idrogeno non è una novità. Sempre più società attive negli idrocarburi stanno riversando capitali e know-how in quello che le grandi economie mondiali definiscono come il vettore della transizione ecologica, assieme all’elettricità. In questo contesto, l’alleanza con Toyota, appare un elemento quasi naturale. La compagnia giapponese è stata la prima nell’automotive mondiale ad aver dedicato la massima attenzione a questo carburante a zero emissioni. Sia livello produttivo, sfornando mezzi a fuel cell, che di partnership internazionali.

Leggi anche Da Toyota il modulo a fuel cell da installare “ovunque”

Nel dettaglio, Chevron Products Company e Toyota Motor North America si sono impegnate a lavorare su tre azioni prioritarie: 

  • collaborare su misure di politica pubblica relative all’idrogeno che supportino lo sviluppo delle infrastrutture dedicate; 
  • comprendere la domanda attuale e futura del mercato per la mobilità a idrogeno (veicoli pesanti e leggeri); 
  • esplorare le opportunità di perseguire congiuntamente la ricerca e lo sviluppo di sistemi di trasporto e stoccaggio energetico a idrogeno.

Leggi anche Auto a idrogeno: perché non è semplice come sembra

“Siamo entusiasti di collaborare con Toyota. Lavorare verso un’alleanza strategica sull’idrogeno rappresenta un’opportunità per costruire un’attività su larga scala in un’area a basse emissioni di carbonio che è complementare alle nostre attuali offerte”, ha affermato Andy Walz, presidente di Chevron’s Americas Fuels & Lubricants. “Questa opportunità sfrutta la nostra posizione di mercato, le risorse, la tecnologia e la capacità organizzativa e supporta i nostri sforzi per contribuire a far avanzare un futuro a basse emissioni di carbonio”.

“Questo è un altro passo importante verso la costruzione di un’economia dell’idrogeno”, ha affermato Bob Carter, vicepresidente esecutivo di Toyota Motor North America. “La combinazione dei decenni di esperienza di Toyota nello sviluppo di tecnologia elettrica a celle a combustibile […] con le profonde risorse di Chevron nel settore energetico ha il potenziale per creare nuove scelte di trasporto sia per i consumatori che per le aziende che ci spingono verso il nostro obiettivo di neutralità del carbonio”.

1 commento

  1. Ma perché continuano a farci infinocchiare dall idrogeno fornito dai petrolieri ? Estratto da dove ?
    L idrogeno o si recupera dall’ acqua ,elettrolisi, utilizzando la energia solare , eolica in eccesso in determinati momenti altrimenti non ha senso .
    Idrogeno da Petrolio Ammoniaca o Metano non ci serve . Serve solo ai petrolieri a non perdere il business

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui