Incrementare la mobilità elettrica nel trasporto pubblico, la nuova sfida di Enel X

Enel X inaugura una nuova challenge sulla piattaforma Open Innovability®. L’obiettivo: trovare soluzioni innovative per l’elettrificazione della flotta di veicoli del trasporto pubblico

mobilità elettrica nel trasporto pubblico

(Rinnovabili.it) – Soluzioni innovative per amplificare la diffusione della mobilità elettrica nel trasporto pubblico. Questo uno degli obiettivi su cui sta lavorando Enel X per spalancare le porte alla e-Mobility Revolution e stimolare la diffusione su larga scala dei veicoli elettrici. Un target su cui chiama a raccolta innovatori da tutto il mondo che si vogliano cimentare con questa sfida. Enel X infatti ha lanciato una nuova challenge sulla piattaforma Open Innovability®, l’ambiente virtuale di crowdsourcing per startup, imprenditori, inventori e aziende. In palio c’è una collaborazione con la società energetica.

Una sfida perfettamente in linea con la visione di sostenibilità che contraddistingue la società nel settore dell’e-mobility: coniugare la ricerca tecnologica ad alto tasso di innovazione con gli sviluppi pratici. Una strategia che innerva il Piano nazionale per la mobilità elettrica, lanciato da Enel X nel 2017, che punta a installare entro il 2022 14mila colonnine, pari a circa 28mila punti di ricarica per veicoli elettrici, distribuiti in modo capillare sull’intero territorio italiano. Una rete di charger point che viene sviluppata sia con privati sia con soggetti pubblici attraverso una collaborazione con i Comuni e le Regioni interessate. 

A coordinare e organizzare queste attività è Enel X, la linea di business globale di Enel dedicata allo sviluppo di soluzioni innovative per le persone, le aziende e le città che possano facilitare la transizione verso un uso sostenibile dell’energia: sistemi d’illuminazione intelligente, mobilità elettrica e servizi di ricarica rapida, strumenti per la gestione di energia e impianti in abitazioni, edifici e città, e software per controllare lo scambio di energia nei sistemi di autogenerazione distribuita. 

Enel cerca tecnologie pionieristiche per la mobilità elettrica

L’innovazione al cuore della sfida proposta sulla piattaforma Open Innovability® non si deve però fermare a nuove soluzioni per l’elettrificazione della flotta di veicoli del trasporto pubblico. Al centro dell’interesse di Enel X rimane l’utente e la qualità della sua esperienza. Non potrebbe essere diversamente visto l’impegno del Gruppo Enel nel settore, che fa perno sia sulla fornitura di servizi e prodotti funzionali alla ricarica dei veicoli elettrici, sia sullo sviluppo dell’infrastruttura necessaria a trasformare la mobilità low-carbon in una solida e diffusa realtà superando quella “range anxiety” degli utenti, l’ansia di rimanere a batterie scariche che frena la preferenza dell’elettrico su altre soluzioni di mobilità. 

Un approccio che permette alla società di posizionarsi all’avanguardia, traducendo la strategia di innovazione e digitalizzazione con cui sta accompagnando la transizione energetica in corso in soluzioni pratiche, come la moltiplicazione dei punti di ricarica ultraveloce e la sperimentazione di tecnologie di ricarica bidirezionale, grazie alle quali il Vehicle-to-Grid crea una sorta di ecosistema energetico in cui i veicoli elettrici sono in grado di scambiare energia con la rete pubblica e quella domestica a seconda della domanda e delle abitudini degli utenti (aiutando anche a stabilizzare la rete).

In questa challenge, Enel X cerca innovazioni tecnologiche concrete e realistiche. Le soluzioni proposte dai partecipanti devono essere validate e pronte per l’implementazione. Un requisito che impone, tra gli altri aspetti, il rispetto delle leggi e dei regolamenti delle amministrazioni pubbliche locali dove la soluzione deve trovare applicazione. 

Tra i criteri di valutazione delle proposte, infatti, hanno un posto di rilievo sia il livello di maturità e il grado di realismo della soluzione proposta, sia la sua fattibilità complessiva dal punto di vista tecnico e scientifico. I valutatori di Enel X daranno anche priorità alla innovatività e alla creatività della proposta progettuale, al potenziale economico del concetto e al potenziale di business per il Gruppo, oltre agli eventuali margini per fare della proposta una tecnologia proprietaria. 

Per prendere parte alla challenge sulla diffusione della mobilità elettrica nel trasporto pubblico c’è tempo fino al 30 settembre. La sfida contribuirà anche ad avvicinare gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) definiti dall’agenda 2030 delle Nazioni Unite. In particolare, offrirà uno strumento per avvicinare l’SDG 7 “Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni”, l’SDG 9 “Costruire un’infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile” e l’SDG 11 “Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili”. Per la o le proposte vincenti, la collaborazione con Enel può riguardare una o più di queste attività: lancio di un test, fornitura di prototipi (in caso la proposta premiata consista in un’apparecchiatura), installazione e test in sito, follow-up e monitoraggio del comportamento dell’idea. 

Qui tutte le informazioni. 

#EnelOpenInnovability 

In collaborazione con Enel

1 commento

  1. La challenge lanciata da Enel X è un ottimo input per rendere alla portata di tutti l’utilizzo di mezzi di trasporto elettrici. Infatti, il trasporto pubblico ricopre un ruolo molto importante nel territorio italiano, sia nelle grandi città sia nei paesini più piccoli: renderlo più efficiente e sostenibile significa migliorare la vita di tutti e la salute dei nostri territori. Per raggiungere degli obiettivi così ambiziosi, però, serve una grande sinergia tra fornitori di energia elettrica ed enti pubblici: la challenge è sicuramente un buon punto da cui partire per spingere ancora di più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui