PNRR, l’Italia inizia la sperimentazione dell’idrogeno nel trasporto stradale

Pubblicato in Gazzetta il decreto ministeriale recante le modalità attuative per finanziare lo sviluppo di almeno 40 stazioni di rifornimento a base di idrogeno per veicoli leggeri e pesanti

idrogeno nel trasporto stradale
via depositphotos.com

Al via la sperimentazione dell’idrogeno nel trasporto stradale

(Rinnovabili.it) – Gli autocarri a lungo raggio rappresentano uno dei segmenti più inquinanti nel settore dei trasporti, responsabile per circa il 5-10% delle emissioni di CO2 complessive. Ecco perché tra le misure finanziate dal PNRR italiano sono stati inseriti anche interventi di decarbonizzazione dei veicoli pesanti. Tra questi, il Piano stanzia ben 230 milioni di euro a favore della sperimentazione dell’idrogeno nel trasporto stradale. L’obiettivo? Promuovere la creazione di stazioni di rifornimento ad H2 e implementare i progetti di sperimentazione delle linee a idrogeno.

La misura entra in questi giorni nel vivo con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Ministeriale del 1 luglio 2022. Il provvedimento reca le modalità attuative per l’assegnazione e l’utilizzo delle risorse e spiega che il finanziamento ha lo scopo di sostenere la realizzazione di almeno 40 stazioni di rifornimento per veicoli leggeri e pesanti.

leggi anche Nel futuro dei motori diesel c’è l’idrogeno?

Per la localizzazione degli impianti si considerano prioritarie le aree strategiche per i trasporti stradali pesanti, ossia le zone prossime a terminal interni e le rotte più densamente attraversate dai mezzi a lungo raggio e del TPL.

Si legge nel decreto:

“La  localizzazione delle stazioni di rifornimento deve rispondere, in via prioritaria, alle esigenze delle seguenti aree: 

  • l’asse stradale del Brennero  in  direzione  nord-sud  sino  alla pianura padana, e le infrastrutture di trasporto ad esso contigue;
  • il corridoio est-ovest da Torino a Trieste e le infrastrutture di trasporto ad esse contigue; 
  • i corridoi delle reti trans-europee di trasporto (TEN-T) e i punti transfrontalieri (cross-border);
  • l’ambito territoriale di riferimento dei  servizi  di trasporto pubblico locale e/o regionale con  materiale  rotabile alimentato a idrogeno; 
  • l’ambito delle hydrogen valleys e le relative infrastrutture di trasporto”. 

I distributori saranno adatti per camion e auto, funzionanti anche a pressioni di oltre 700 bar. Il PNRR stima che, grazie a tale misura, il segmento degli autocarri a lungo raggio potrebbe registrare una penetrazione significativa dell’idrogeno fino al 5-7 per cento del mercato entro il 2030.

Articolo precedenteCelle di Grätzel, fino al 30% di efficienza con la luce diffusa. È record
Articolo successivoGeneral Motors: per produrre le auto? Solo energia rinnovabile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui