• Articolo Roma, 5 giugno 2012
  • V Conto Energia: il momento della verità

  • Nella Conferenza Unificata convocata per mercoledì 6 giugno 2012 si discuterà del nuovo incentivo per il fotovoltaico

Il Decreto MSE 5 maggio 2011, che istituiva il 4° Conto Energia in Italia, così recitava all’art. 1: il presente decreto si applica agli impianti fotovoltaici che entrano in esercizio in data successiva al 31  maggio 2011 e fino al 31 dicembre 2016,  per un obiettivo indicativo di potenza installata a livello nazionale di circa 23.000 MW, corrispondente ad un costo indicativo cumulato annuo degli incentivi stimabile tra 6 e 7 miliardi di Euro.

Dopo un anno, la potenza fotovoltaica installata nel paese è di 13.308 MW, per un costo annuo degli incentivi di 5,7 miliardi di Euro. Che cosa è successo? Perché il contatore dei costi è schizzato in alto, approssimandosi al tetto di spesa, con quattro anni di anticipo e con quasi 10.000 MW ancora da installare?

Le risposte sono da ricercare nella discutibile gestione politica e nell’uso inopportuno dello strumento incentivante, di per sé, uno dei migliori che siano mai stati approntati in Italia, sia per efficacia, sia per funzionalità. Così, si scontano oggi gli errori di ieri. Tariffe troppo alte, scarsissima prontezza nel loro adeguamento ai decrescenti costi della tecnologia, regali insperati (lèggi Salva Alcoa). Risultato: gli italiani che ancora non hanno pensato al fotovoltaico, non solo pagheranno per i prossimi 18-19 anni un incentivo esagerato per gli impianti già installati (a costo relativamente alto), ma ora, con la bozza di 5° Conto Energia allo studio della Conferenza Stato-Regioni, potrebbero veder affievolirsi le speranze di installare nuovi impianti, a causa del contingentamento della potenza installabile e delle nuove tariffe, fortemente ribassate rispetto all’ultimo sistema incentivante.

 

Tabella 1. Contatore fotovoltaico (Dati GSE[1])
Impianti in esercizio Potenza in kW Costo annuo in €
1° Conto Energia 5.729 163.447 95.168.309
2° Conto Energia 203.752 6.820.278 3.282.875.907
3° Conto Energia 38.490 1.536.692 638.761.198
4° Conto Energia 109.344 4.787.526 1.681.788.053
Totale 357.315 13.307.943 5.698.593.467

Il Quinto Conto Energia

Nel citato D.M. 5 maggio 2011 era prevista la possibilità di revisione del Conto Energia, una volta raggiunti i 6 miliardi di costo annuo complessivo (dal 1° al 4° Conto Energia). Lo scorso aprile, il MSE, di concerto con il MATTM, ha presentato la bozza di decreto che è ora oggetto di discussione.

Nella bozza si legge che, oltre all’eccessivo costo, all’incentivazione della tecnologia fotovoltaica si deve imputare anche il deflusso di risorse dalle altre fonti rinnovabili, soprattutto quelle non elettriche, e dall’efficienza energetica, meritevoli, al contrario, di un’attenzione maggiore, in quanto caratterizzate da un migliore rapporto tra costi di incentivazione e benefici ambientali connessi.

Per di più, sul lato elettrico, l’Italia è già vicina all’obiettivo del 26% dei consumi finali coperti da fonti rinnovabili, previsto per il 2020 dal Piano di Azione Nazionale inviato alla Commissione Europea nel 2010.

Entrata in vigore

Secondo lo schema di decreto presentato alla Conferenza Unificata, per l’entrata in vigore del 5° Conto Energia si deve attendere che il GSE comunichi all’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas la data di superamento del limite di costo annuo degli incentivi di 6 miliardi e che l’AEEG pubblichi un’apposita deliberazione (entro 10 giorni dal ricevimento della comunicazione del GSE). Il Governo avrà allora 30 giorni di tempo dalla data di pubblicazione della deliberazione AEEG per far entrare in vigore il decreto, comunque non prima del 1° luglio 2012.

Secondo il trend di costo cumulato osservato negli ultimi 15 giorni (20 maggio – 4 giugno), la soglia dei 6 miliardi sarà raggiunta a metà novembre 2012.

Volumi incentivabili

Il 5° Conto Energia dovrebbe durare almeno 5 semestri a partire dal mese successivo la data di pubblicazione della deliberazione dell’Autorità. Per ciascun semestre la spesa massima per incentivi è fissata in:

  • 80 milioni di € per impianti fotovoltaici;
  • 10 milioni di € per impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative;
  • 10 milioni di € per impianti fotovoltaici a concentrazione;

80 milioni di € di incentivi corrispondono, secondo una stima conservativa, ad una potenza di circa 270 MW di impianti fotovoltaici. Si ricorda che 540 MW di installato in un anno corrisponde al 5,8% del nuovo installato nel 2011 (9.300 MW). Gli incentivi erogati agli impianti senza obbligo di iscrizione al registro verrebbero detratti dal costo annuo indicativo degli incentivi disponibile nel semestre successivo.

Nonostante questo, il Governo conta di raggiungere i 30 GW di installato al 2020, ad un ritmo di 2 GW all’anno. Si deve intendere che la totalità o quasi della potenza ancora da installare per raggiungere l’ambizioso non dovrà pesare sui consumatori attraverso la bolletta, ovvero dovrà essere installata dopo il 2015, a grid-parity raggiunta (secondo le previsioni MSE).

Registro

L’iscrizione al registro degli impianti ammessi alle tariffe incentivanti dovrebbe diventare obbligatoria per tutti i tipi d’impianto di potenza superiore a 12 kW, anche se la Conferenza delle Regioni ha già fatto sapere che il suo parere positivo sul decreto è vincolato all’innalzamento di tale soglia fino a 20 kW. Le Regioni richiedono anche che siano esentati dall’obbligo di iscrizione al registro gli impianti fotovoltaici pubblici, quelli con caratteristiche innovative e quelli a concentrazione di qualsiasi potenza.

Sono previste nella bozza varie limitazioni all’accesso all’incentivo, la più clamorosa delle quali è l’ottenimento del titolo autorizzativo prima della data di entrata in vigore del decreto ministeriale per gli impianti rientranti nella categoria “altri impianti fotovoltaici”.

Il bando per il primo semestre dovrebbe essere pubblicato dal GSE entro 10 giorni dalla pubblicazione delle Regole applicative per l’iscrizione ai registri e l’accesso alle tariffe incentivanti, che, a sua volta, dovrebbe essere pubblicato entro 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto. I successivi bandi dovrebbero essere pubblicati con cadenza semestrale a partire dalla data di pubblicazione del primo bando.

Il termine per la presentazione delle domande di iscrizione al registro sarebbe sempre di 60 giorni a partire dalla data di pubblicazione del bando. Ipotizzando l’entrata in vigore del decreto ad un mese di distanza dalla  prossima riunione della Conferenza delle Regioni, in programma per il 6 giugno 2012, il primo bando dovrebbe essere pubblicato al massimo verso la metà di agosto 2012 (in contrasto con l’ipotizzata data di raggiungimento dei 6 miliardi di Euro di costo cumulato) e la scadenza per l’iscrizione al registro cadrebbe alla metà di ottobre 2012.

Graduatorie

Sempre secondo lo schema di decreto in esame, il GSE sarebbe tenuto a pubblicare sul proprio sito internet le graduatorie degli impianti iscritti ai registri entro 30 giorni dalla data della loro chiusura. Per la formazione delle graduatorie dovrebbero valere, allora, i criteri riportati nella tabella seguente (impianti fotovoltaici). I criteri sarebbero da applicare in ordine gerarchico, quindi gli impianti fotovoltaici su edificio in classe energetica A+, con moduli installati in sostituzione di coperture di eternit (fattispecie, a dire il vero, un po’ inverosimile), godrebbero della priorità assoluta. Tra tutti gli impianti in possesso del medesimo requisito, l’ordine di priorità verrebbe stabilito in base al criterio successivo.

Solo per il primo semestre, come primo criterio di priorità, varrebbe la data di entrata in esercizio dell’impianto.

Per gli impianti che non rientrassero nel volume incentivabile non sarebbe prevista né priorità, né iscrizione automatica al registro per il semestre successivo. I soggetti responsabili, inoltre, sarebbero tenuti a versare nuovamente il contributo al GSE per le spese di istruttoria, pari a 5 € per ogni kW di potenza dell’impianto per impianti fino a 20 kW e 2 € per ogni kW di potenza eccedente i 20 kW.

 

Tabella 3. Criteri di priorità, da applicare in ordine gerarchico – Bozza 5° Conto Energia
1.      (SOLO PRIMO SEMESTRE) Data di entrata in esercizio dell’impianto
1. CERTIFICAZIONE ENERGETICA 

ETERNIT

Impianti su edifici dal cui attestato di certificazione energetica risulti la miglior classe energetica, che comunque deve risultare D o superiore, con moduli installati in sostituzione di coperture in eternit o comunque contenenti amianto
2. CERTIFICAZIONE ENERGETICA Impianti su edifici dal cui attestato di certificazione energetica risulti la miglior classe energetica, che comunque deve risultare D o superiore
3. ETERNIT Impianti su edifici con moduli installati in sostituzione di coperture in eternit o comunque contenenti amianto
4. RIDUZIONE TARIFFA Impianti per i quali il soggetto interessata richiede una tariffa ridotta del 5% rispetto a quella vigente alla data di entrata in esercizio
5. SITI CONTAMINATI 

DISCARICHE ESAURITE

AREE DI PERTINENZA DI DISCARICHE

Impianti ubicati, nell’ordine, in siti contaminati come definiti dall’articolo 240 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni, in discariche esaurite, in aree di pertinenza di discariche
6. AZIENDE AGRICOLE Impianti di potenza non superiore a 200 kW asserviti ad azienda agricola, il cui soggetto responsabile è la stessa azienda
7. PICCOLI COMUNI Impianti realizzati da comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti sulla base dell’ultimo censimento Istat effettuato prima della data di apertura del registro, dei quali i predetti comuni siano soggetti responsabili
8. SERRE 

PERGOLE

TETTOIE

PENSILINE

BARRIERE ACUSTICHE

Impianti realizzati, nell’ordine, su serre, su pergole, tettoie, pensiline, barriere acustiche
9. ALTRI IMPIANTI Altri impianti che rispettino i requisiti stabiliti dal decreto
10. DATA TITOLO AUTORIZZATIVO Precedenza della data del pertinente titolo autorizzativo
11. POTENZA INFERIORE Minore potenza dell’impianto
12. DATA RICHIESTA ISCRIZIONE AL REGISTRO Precedenza della data della richiesta di iscrizione al registro

Tariffe

La principale novità dello schema di decreto sul 5° Conto Energia è, comunque, l’introduzione di un nuovo sistema tariffario, che prevede la differenziazione tra energia elettrica autoconsumata dall’utenza cui è collegato l’impianto fotovoltaico ed energia elettrica immessa in rete. Da notare che, quest’ultima, è una tariffa onnicomprensiva per il ritiro dell’energia elettrica da parte del GSE e quindi alternativa alle convenzioni di Ritiro Dedicato e Scambio sul posto.

Le tariffe sono già stabilite fino al 5° semestre, dopo il quale si applicherebbe un taglio semestrale del 15%. Come è ormai prassi, le tariffe sono più alte per impianti su edificio e decrescenti all’aumentare della potenza.

Un nuovo onere dovrebbe essere introdotto per l’accesso agli incentivi. A copertura degli oneri di gestione, verifica e controllo, è previsto, infatti, un contributo al GSE di 0,001 € per ogni kWh di energia incentivata.

 

Bozza Quinto Conto Energia – Tariffe incentivanti per il primo semestre di applicazione
Intervallo di potenza IMPIANTI SUGLI EDIFICI ALTRI IMPIANTI FOTOVOLTAICI
Tariffa onnicomprensiva Tariffa premio sull’autoconsumo Tariffa onnicomprensiva Tariffa premio sull’autoconsumo
kWp €/kWh €/kWh €/kWh €/kWh
1≤P≤3 0,237 0,155 0,229 0,147
3<P≤20 0,222 0,140 0,214 0,132
20<P≤200 0,199 0,117 0,191 0,109
200<P≤1000 0,161 0,079 0,153 0,071
1000<P≤5000 0,144 0,062 0,137 0,055
P>5000 0,135 0,053 0,128 0,046

 


[1] Dati 4 giugno 2012. Fonte: Contatore fotovoltaico GSE.

 

I Correlati

V Conto Energia: on line elenco impianti iscritti al II Registro Roma, 24 maggio 2013

V Conto Energia: on line elenco impianti iscritti al II Registro

3.690 impianti fotovoltaici per un costo cumulato annuo di 58,03 mln di euro e una potenza complessiva di 726,85 MW: questi i numeri della graduatoria degli impianti iscritti al secondo Registro; on line anche l’elenco degli esclusi

Conto energia: stop agli incentivi, raggiunto il tetto di 6,7 mld Roma, 6 giugno 2013

Stop al V Conto Energia, raggiunti i 6,7 mld

L'Autorità per l'energia, con la delibera 250/2013/R/efr, ha indicato nel 6 giugno 2013 la data di raggiungimento della soglia limite per gli incentivi dedicati allo sviluppo degli impianti fotovoltaici

conto termico: pubblicato il bando per l'iscrizione ai registri Roma, 6 maggio 2013

Conto Termico: pubblicato il bando per l’iscrizione ai registri

Il GSE ha reso noto sul proprio sito che sarà possibile iscriversi ai registri relativi al Conto Termico dal 3 giugno alle ore 9, fino al 1 agosto alle ore 21

Proroga V Conto Energia nella Legge Stabilità Roma, 27 novembre 2013

Proroga V Conto Energia nella Legge di Stabilità

Nel maxiemendamento la proroga di un anno dei termini per accedere al V Conto Energia per gli impianti realizzati su edifici pubblici in zone colpite da calamità