• Articolo San Marino, 24 giugno 2016
    • San Marino pronta a divenire la prima Smart Republic d’Europa 

    • La Misthubishi intraprenderà con la Repubblica del Titano un percorso di sviluppo energetico virtuoso centrato sull’energia pulita e la gestione intelligente

    San Marino pronta a divenire la prima Smart Republic d'Europa 

     

    (Rinnovabili.it) – Teleriscaldamento, mobilità elettrica, efficienza energetica e gestione intelligente: queste sono alcune delle sfide che San Marino presto intraprendere per assurgere al ruolo di Smart Republic d’Europa. Per far divenire la più antica Repubblica del Mondo un vero e proprio modello di eco sostenibilità è necessario un piano. Un piano come quello elaborato da Mitsubishi Hitachi Power Systems. Il colosso giapponese è in visita ufficiale ieri e oggi a San Marino, per esporre i propri impegni assunti di fronte alle principali questioni energetiche mondiali. ‘La nostra agenda è di contribuire alla  prosperità economica e al miglioramento della vita delle popolazioni, attraverso l’utilizzo di impianti di alta efficienza e delle più avanzate tecnologie per preservare l’ambiente di questi bellissimi territori che sono  San Marino e l’Italia”, ha dichiarato il Presidente e CEO della compagnia, Takato Nishizawa.

     

    La visita a San Marino non è casuale:  la compagnia nipponica intende intraprendere con la Repubblica del Titano un percorso di approvvigionamento energetico virtuoso basato sulla generazione di energia pulita. Proprio nel cuore dell’Italia (e dell’Europa) partirà la svolta eco-sostenibile che tutto il mondo ha chiesto a Parigi prima, nel dicembre scorso, e all’Onu poi, il 22 aprile di quest’anno, con la sottoscrizione da parte di 175 Paesi dell’accordo sui cambiamenti climatici.

    “Vogliamo dare il nostro contributo concreto per risolvere le questioni energetiche mondiali – ha detto il Presidente Takato Nishizawa – e vogliamo farlo attraverso i nostri prodotti e le nostre tecnologie, con quella massima efficienza che ci ha caratterizzato in tutta la nostra storia”.

     

    E si comincia, quindi, proprio da qui, da un realtà già pronta ad abbracciare un percorso di approvvigionamento energetico ‘pulito’ che possa presto sfociare nell’adozione di una serie di prassi eco compatibili: dal teleriscaldamento alla mobilità elettrica, fino a diventare la prima ‘Smart Republic’ al mondo. “Un progetto pilota che, dal cuore dell’Europa e dell’Italia, diventerà un esempio concreto di transizione verso un nuovo futuro energetico per tutto Pianeta”.

    Tutte le News | Smart City
    city-sense-1200x90017 giugno 2016

    Parte da L’Aquila lo Smart Urban Network d’Italia

    Un portale web, un’app, un luogo di ritrovo: tutto questo è Piazza100, il progetto sociale firmato Enea per la ricostruzione di L’Aquila

    Phoenix Arizona Skyline at Night. Full Moon Over Phoenix, Arizona, United States.16 giugno 2016

    Dalle smart cities alle Smart Gigabit Communities

    Selezionate dal programma US Ignite le 15 città che si impegneranno a sviluppare applicazioni e servizi avanzati su una rete ad alta banda

    www.rinnovabili.it/mobilita/31 maggio 2016

    Elezioni a Roma, la smart city nei programmi dei candidati

    Giachetti, Marchini, Meloni, Raggi: ecco le loro proposte per trasformare la Capitale in città intelligente

    smart city30 maggio 2016

    Firenze diventa capitale europea della smart city

    Amministrazioni pubbliche, mondo dell’imprenditoria e società civile si confrontano su innovazione digitale, ruolo di internet delle cose ed e-government

    L’Italia promuove un’Agenzia europea per le Smart City19 maggio 2016

    L’Italia promuove un’Agenzia europea per le Smart City

    Il Sottosegretario allo Sviluppo economico Gentile: “Importante incentivo per investimenti, il modello è la Task Force italiana”.

    IoT senza standard globali? È uno spreco da 340 miliardi di dollari11 maggio 2016

    IoT senza standard globali? È uno spreco da 340 miliardi di dollari

    La troppa competizione tra tecnologie e piattaforme oggi esistenti rischia di penalizzare lo sviluppo e la penetrazione dell’Internet delle Cose nelle smart city. La soluzione? Standard globali subito

    smart city11 maggio 2016

    Padova vuole 10 milioni di euro per diventare smart city

    Digitalizzazione, wifi diffuso, sensori iBeacon e un centro di elaborazione dei big data a disposizione di cittadini e istituzioni. Così Padova immagina il suo futuro smart