• Articolo Roma, 21 luglio 2017
    • Città al 100% rinnovabili, una guida spiega come fare

    • Global 100% Renewable Energy pubblica una guida, rivolta ad amministratori locali e responsabili politici, per realizzare roadmap di decarbonizzazione urbana personalizzate

    Città al 100% rinnovabili

     

    Città al 100% rinnovabili: guida pratica alla sostenibilità urbana

    (Rinnovabili.it) – L’idea che una città, grande o piccola che sia, possa fare affidamento esclusivamente sulle energie rinnovabili, intimorisce ancora parecchie amministrazioni. Impegni in tal senso però non mancano, dal piccolo comune di Cortina d’Ampezzo salito agli onori della cronaca nel 2014 per aver consumato solo energia pulita, ad una metropoli come Sydney, in corsa per fare delle green energy l’unica fonte di elettricità e riscaldamento entro il 2030. Se prendiamo in considerazione solo i grandi centri urbani, possiamo contare nel mondo oltre 300 piani di decarbonizzazione energetica cittadina. Ossia oltre 300 città che hanno fissato, con modalità e date diverse, il target “100% rinnovabili”.

     

    Dagli alcuni anni a questa parte, una campagna internazionale sta collezionando questi impegni urbani e spronando gli amministratori comunali ad intraprendere la tanto agognata rivoluzione energetica. Parliamo di Global 100% Renewable Energy, la prima piattaforma internazionale che promuove il totale affidamento alle fonti alternative per città e regioni. Fondata a San Francisco nel 2013, l’iniziativa riunisce una lunga lista di organizzazioni internazionali dedicate a questo obiettivo. Per fornire un ulteriore supporto alla causa, la campagna ha pubblicato una guida che spiega, passo dopo passo, come realizzare città al 100% rinnovabili a seconda delle condizioni geografiche, politiche, sociali, culturali ed economiche.

     

     “100% RE Building Blocks – A practical toolkit for a sustainable transition to 100% Renewable Energy” fornisce degli orientamenti ai responsabili politici e ai leader delle comunità per sviluppare la propria tabella di marcia. L’ambizione ultima del documento è creare una sorta di pacchetto di strumenti interattivi per le parti interessate a livello mondiale, che siano adattabili e modificabili a seconda dei differenti contesti locali.

     

    Si parte da un punto comune: la progettazione della crescita urbana intorno all’energia pulita richiede un’attenta coordinazione. Per questo motivo gli amministratori dovranno porre attenzione soprattutto su tre aspetti condivisibili da tutti:

     

    • La creazione di strategie d’attuazione – gli sforzi coordinati che uniscono impegni rinnovabili con obiettivi ambientali e di sviluppo più ampi, risultano più efficaci delle iniziative isolate.
    • La mobilitazione delle risorse – i governi locali dovrebbero sfruttare gruppi di comunità, imprese, utilities, cittadini e altri stakeholder per creare coalizioni di parti interessate.
    • La registrazione dei progressi – è necessario monitorare il passaggio dai fossili alle rinnovabili con valutazioni costanti sulla qualità, flessibilità e costi delle reti energetiche e dei parametri di riferimento.

     

    Altre priorità includono la creazione di quadri giuridici e normativi di sostegno. Gli autori raccomandano politiche che incoraggino sistemi energetici “decentralizzati” e “inclusivi”, tali da permettere alle famiglie e ai quartieri di generare piccole quantità di energia pulita  per il consumo personale e di vendere le eccedenze per un proprio ritorno economico.

     

    Non esiste ovviamente una ricetta che vada per bene per tutti, ma Anna Leidreiter, senior manager del programma al World Future Council e uno degli autori principali della guida, spiega che esistono quattro elementi che non possono prescindere dal raggiungimento dell’obiettivo: l’efficienza energetica come priorità, un cambio di paradigma nel modo in cui l’energia viene generata, distribuita e utilizzata energia, la realizzazione di nuove alleanze “orizzontali” e un approccio integrato alle differenti aree di intervento.

    Tutte le News | Smart City
    Un futuro di città galleggianti: l’Olanda studia il seasteading12 luglio 2017

    Un futuro di città galleggianti: l’Olanda studia il seasteading

    Piattaforme marine galleggianti dove indirizzare l’esplosione demografica in corso per ricreare una vita di comunità all’insegna del seasteading

    Smart city: 9 progetti europei fanno squadra28 marzo 2017

    Smart city: 9 progetti europei fanno squadra

    Firmato un manifesto di cooperazione per replicare le soluzioni urbane di città intelligenti

    Smart city, in arrivo 65 milioni dal Mise09 marzo 2017

    I servizi pubblici nelle smart city? Imprese e comuni lavorano assieme

    Anci e Utilitalia collaboreranno per trovare soluzioni e ottimizzare l’organizzazione dei servizi di pubblica utilità sul fronte energetico, idrico e ambientale

    smartcity-citizen09 gennaio 2017

    Verso una smart city cittadino-centrica

    Il progetto BESOS sta lavorando per migliorare l’efficienza delle smart city. Alla base della ricerca, la realizzazione di una piattaforma aperta e affidabile per i servizi energetici

    Horizon_202009 dicembre 2016

    Horizon 2020: 135mln per smart city, smart grid e accumulo

    La Innovation and Networks Executive Agency ha firmato accordi di finanziamento per 14 progetti europei che contribuiranno a migliorare la gestione energetica

    Social housing e riqualificazione urbana: 1mld di euro a 14 città25 novembre 2016

    Social housing e riqualificazione urbana: 1mld di euro a 14 città

    Parte il nuovo Fondo investimenti per l’abitare del Gruppo Cdp: aiuterà 14 grandi comuni italiani a trasformarsi in smart city, puntando su innovazione ed edilizia sociale

    Livorno smart city, l’Enea dà una mano17 novembre 2016

    Livorno smart city, l’Enea dà una mano

    L’Enea e il Comune di Livorno hanno firmato un accordo quadro per lo sviluppo dell’efficienza energetica nei servizi pubblici locali e nell’utilizzo del territorio