• Articolo Roma, 31 maggio 2016
    • In vista delle amministrative del 5 giugno

      Elezioni a Roma, la smart city nei programmi dei candidati

    • Giachetti, Marchini, Meloni, Raggi: ecco le loro proposte per trasformare la Capitale in città intelligente

    smart city

     

    (Rinnovabili.it) – Tra proclami, arringhe, liste annullate e poi reinserite in lizza, comparsate televisive e endorsement durati quanto il tempo che ci voleva a leggerne sui giornali, Roma si avvicina all’appuntamento elettorale con le amministrative di domenica 5 giugno. In secondo piano rischiano di rimanere i programmi elettorali, e in particolare quegli aspetti che meno si prestano a scaldare gli animi dei votanti. Cosa propongono i candidati per traghettare la capitale verso l’innovazione digitale e trasformarla in smart city? Ecco una rapida guida in chiave di città intelligente ai programmi di Roberto Giachetti, Alfio Marchini, Giorgia Meloni e Virginia Raggi.

     

    smart city

    I 12 punti di Giachetti

    Il candidato del Pd lancia “12 cantieri per cambiare Roma” in cui sono presenti governance intelligente, mobilità alternativa e un occhio di riguardo per le startup. Nel programma parla di “Campidoglio intelligente”, ovvero una funzione pubblica comunale che, anche grazie alle nuove tecnologie, sia capace di offrire servizi migliori ai cittadini, coordinarsi meglio e conoscere la città in profondità.

    Una gestione intelligente riguarda anche l’ambito della mobilità sostenibile: oltre al Grab (il raccordo anulare per le biciclette), Giachetti propone di incentivare la sharing mobility in abbinamento all’impiego di dispositivi intelligenti e servizi per regolare il traffico e informare i cittadini sulla situazione in tempo reale di trasporti pubblici e parcheggi.

     

    Elezioni a Roma, la smart city nei programmi dei candidati

    Roma smart city secondo Marchini

    Nel programma del candidato appoggiato da Forza Italia, “Fare Roma aperta, coesa, sostenibile, competitiva”, un ruolo importante è giocato dall’innovazione digitale. Tra le proposte figura il Catasto stradale digitale per coordinare in modo più efficiente gli interventi ordinari e straordinari e una rete di tombini intelligenti che permetta risposte tempestive e geolocalizzate alle emergenze.

    Scorrendo i punti ci si imbatte poi nelle officine della creatività 2.0, musei e biblioteche 3.0 e l’istituzione di una “Casa delle Startup”. Da segnalare, infine, l’impegno a creare un ufficio deputato a gestire tutte le tematiche connesse con la smart city.

     

    Elezioni a Roma, la smart city nei programmi dei candidati

    Il programma di Meloni

    La candidata di Fratelli d’Italia, in ticket con la Lega Nord, espone un programma imperniato su riqualificazione urbana a diverse scale, dal “diritto alla casa” a più ambiziose proposte di recupero delle zone periferiche della Capitale.

    Tra le linee guida figurano anche l’attenzione per l’alfabetizzazione digitale e, soprattutto, lo sviluppo e l’estensione delle infrastrutture necessarie per creare una rete per la connettività wi-fi che coinvolga l’intera area metropolitana.

     

    Elezioni a Roma, la smart city nei programmi dei candidati

    Gli 11 passi di Raggi

    La candidata del Movimento 5 Stelle propone una virata in direzione smart city soprattutto per quanto riguarda la mobilità sostenibile. A questo proposito nel suo programma “11 passi per Roma”, a fianco del rilancio del trasporto pubblico e delle piste ciclabili, figura l’uso di tecnologie digitali con lo scopo di far diventare più rapidi e intermodali gli spostamenti in città. Raggi vorrebbe inoltre istituire un assessorato all’Accessibilità, smart city e modernizzazione.

    Tutte le News | Smart City
    smart city30 maggio 2016

    Firenze diventa capitale europea della smart city

    Amministrazioni pubbliche, mondo dell’imprenditoria e società civile si confrontano su innovazione digitale, ruolo di internet delle cose ed e-government

    L’Italia promuove un’Agenzia europea per le Smart City19 maggio 2016

    L’Italia promuove un’Agenzia europea per le Smart City

    Il Sottosegretario allo Sviluppo economico Gentile: “Importante incentivo per investimenti, il modello è la Task Force italiana”.

    IoT senza standard globali? È uno spreco da 340 miliardi di dollari11 maggio 2016

    IoT senza standard globali? È uno spreco da 340 miliardi di dollari

    La troppa competizione tra tecnologie e piattaforme oggi esistenti rischia di penalizzare lo sviluppo e la penetrazione dell’Internet delle Cose nelle smart city. La soluzione? Standard globali subito

    smart city11 maggio 2016

    Padova vuole 10 milioni di euro per diventare smart city

    Digitalizzazione, wifi diffuso, sensori iBeacon e un centro di elaborazione dei big data a disposizione di cittadini e istituzioni. Così Padova immagina il suo futuro smart

    Isometric City with Head Shaped Center05 maggio 2016

    Efficienza energetica e smart cities, al via la piattaforma Ue Pleec

    Dopo 3 anni 4,5 mln di euro, la piattaforma Pleec è attiva: un nuovo strumento al servizio dell’efficienza energetica e delle smart cities europee

    smart city28 aprile 2016

    La smart city crea più problemi di quanti ne risolve?

    Le città intelligenti, l’IoT, le auto driverless, i flussi di big data: innovazioni indispensabili o fonte inesauribile di nuovi problemi? Secondo Maarten Hajer sbagliamo a farci dominare ciecamente dalle nuove tecnologie

    Singapore, se la smart city diventa un Grande Fratello26 aprile 2016

    Singapore, se la smart city diventa un Grande Fratello

    Smart city all’avanguardia o prove generali di Grande Fratello? Fa discutere la nuova piattaforma Virtual Singapore che sarà lanciata nella città-Stato del sud-est asiatico. In ballo gestione dei big data e difesa della privacy