Il disgelo del permafrost tra gas serra, antichi virus e disastri ambientali

Dagli incendi zombi ai virus giganti millenari: la Siberia è stretta nella morsa di una distopia ecologica

disgelo del permafrost
By Jesse Allen and Robert Simmon – NASA Earth Observatory, Public Domain, Link

I pericoli del disgelo del permafrost artico

(Rinnovabili.it) – In Siberia la situazione ambientale si fa sempre più grave. Le prime brutte notizie sono arrivate a fine maggio quando le fiamme sono tornate ad avvolgere il territorio e le regioni orientali della Russia con una violenza 10 volte peggiore di quella del 2019. La causa? Temperature straordinariamente alte che ormai da mesi tengono in ostaggio il la regione, alimentando i cosiddetti “incendi zombie”. In alcune aree, la colonnina di mercurio è salita addirittura di 10°C sopra la media stagionale. Un valore preoccupante e non solo per il rischio di nuovi e devastanti roghi. La Siberia ospita una parte importante del permafrost artico, suolo perennemente ghiacciato (presente anche in Canada e Alaska) che costituisce una componente importante della criosfera terrestre.

Il riscaldamento globale ha impresso un’accelerazione allo scongelamento del permafrost, lasciando dietro di sè più di un problema. Il primo è essenzialmente strutturale: scomparso il ghiaccio, il terreno rischia di sgretolarsi improvvisamente. Questo è uno dei motivi più accreditati dietro al disastro di Norilsk, nella Siberia settentrionale. Si teme infatti che dietro il crollo del serbatoio diesel e lo sversamento di oltre 20mila tonnellate di carburante, ci sia proprio la fragilità del terreno dove sorgeva la struttura. D’altra parte Norilsk è la più grande città del mondo costruita sul permafrost e, da quando il terreno congelato si sta sciogliendo, circa il 60% degli edifici cittadini sono stati danneggiati.

Il secondo problema è funzionale. Sotto al permafrost sono conservate miliardi di tonnellate di carbonio (CO2 e metano), la cui liberazione potrebbe costituire una sorta di loop climatico. Il calore scioglie il ghiaccio, liberando i gas serra che, a loro volta, aumentano le temperature, in un circolo quasi perfetto. In particolare, in Siberia si trova un tipo di permafrost chiamato yedoma, risalente al pleistocene e particolarmente ricco di sostanze organiche: gli scienziati stimano che questo suolo abbia intrappolato circa 500 GT di carbonio.

Leggi anche: “Disgelo permafrost artico, gli effetti sul clima sono molto più gravi”

Ma a preoccupare non sono solo gas serra, disastri ambientali, frane e danni strutturali. Il riscaldamento globale sta facendo emergere strati di terreno molto più profondi dove sono conservati virus e batteri

E non si tratta, purtroppo, di un’ipotesi remota. Nel 2016 un bambino è morto e 26 adulti sono stati ricoverati nell’estremo nord della Siberia a causa dell’antrace. Il batterio responsabile, il bacillus anthracis, proveniva, secondo gli scienziati, da cadaveri di renne infette sepolte 70 anni e riportate alla luce con lo scioglimento del ghiaccio.

Solo due anni prima un gruppo di ricercatori dell’Università di Aix-Marsiglia avevano rianimato un virus gigante (ma innocuo per l’essere umano), soprannominato Pithovirus sibericum. Il microrganismo era stato rinchiuso nel permafrost siberiano per oltre 30.000 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui