Dal PPE, emendamento-killer per la legge sul clima UE

I popolari vogliono affossare le ambizioni UE contando anche l’acquisto di crediti emissivi tra gli obiettivi di riduzione della CO2 al 2030

Un emendamento alla legge sul clima propone il conteggio delle compensazioni di carbonio internazionali

(Rinnovabili.it) – Poche righe di emendamento, ma tutt’altro che innocue. Le modifiche alla legge sul clima UE proposte dai popolari europei rischiano di annacquare – e di molto – le ambizioni del continente. Anche se formalmente non cambierebbe nulla. Ecco il trucco: contare anche le compensazioni internazionali di carbonio tra i tagli alle emissioni che ogni stato membro è tenuto a compiere per raggiungere l’obiettivo UE al 2030, cioè una riduzione del 55%. E ovviamente anche quello al 2050, la neutralità climatica.

Nella forma, questi obiettivi rimangono inalterati, esattamente come sono stati proposti dalla presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen nella bozza di legge sul clima UE resa pubblica lo scorso 16 settembre. Ma dare la possibilità di usare i crediti extra-europei per compensare le emissioni prodotte significa incidere profondamente sull’evoluzione delle politiche energetiche, industriali ed ambientali dei singoli paesi europei. Che potranno rimandare le riforme grazie al ricorso al mercato dei crediti.

Leggi anche Ecco la legge sul clima UE, viaggio obbligato verso le zero emissioni 2050

“La Commissione definirà come il ricorso ai meccanismi dei mercati internazionali può contribuire a rendere conveniente il raggiungimento degli obiettivi”, recita l’emendamento del PPE, che aggiunge: “Il contributo dei progetti nei paesi meno sviluppati e in determinati paesi in via di sviluppo dovrebbe valere nel computo dei progressi verso gli obiettivi dell’Unione e degli stati membri.

La proposta di modifica della legge sul clima UE passerà al vaglio del parlamento martedì prossimo, il 6 ottobre. Lì i partiti dovranno trovare la quadra. Ma l’emendamento lascia intuire che il PPE non era poi così disposto ad abbandonare la sua posizione standard sul taglio delle emissioni (massimo 50% al 2030). I popolari hanno dato un contentino alla Commissione accettando una soglia più alta, al 55%, ma non hanno perso tempo per svuotare di senso questa cifra. I liberali appoggiano il 60%, mentre verdi e socialisti spingono per il 65% (anche soltanto come posizione negoziale, per evitare – appunto – che gli obiettivi  vengano annacquati troppo).

Leggi anche Taglio delle emissioni europee: il Parlamento chiede un -60% al 2030

In realtà è stata già la stessa Commissione a concedere qualcosa sul fronte del taglio alle emissioni, quando aveva proposto di includere anche i sequestri di carbonio tramite forestazione e agricoltura negli obiettivi europei al 2030. Insieme all’emendamento dei popolari, darebbe la stoccata finale alle ambizioni UE.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui