Stagione degli uragani 2022, tornata nella norma ma quanti danni per Ian

La lista dei nomi si è fermata alla enne di Nicole, 14° evento di rilievo, mentre nel 2020 e 2021 era finito l’alfabeto. Il numero di tempeste tropicali e uragani è quasi perfettamente nella norma, ma in questa stagione c’è stata una strana pausa a metà e un uragano molto tardivo

Stagione degli uragani 2022: nella norma, ma quanti danni per Ian
crediti: South Florida Water Management via flickr | CC BY-ND 2.0

Per la NOAA, la stagione degli uragani 2022 è stata “unica nel suo genere”

(Rinnovabili.it) – Dopo due anni da record per quantità di eventi, la stagione degli uragani 2022 torna nella norma. Quest’anno nell’Atlantico si sono formate 14 tempeste con venti maggiori di 63 kmh, di cui sei sono diventati uragani e due hanno raggiunto il grado di uragani maggiori, cioè con venti superiori a 178 kmh e una classificazione almeno di categoria 3 nella scala Saffir-Simpson.

Nel 2020 e 2021 il numero di eventi era stato talmente elevato da terminare la lista di nomi predefinita con cui gli scienziati indicano tempeste e uragani. L’anno scorso la stagione era stata lunghissima e terza per intensità dopo quelle del 2015 e del 2020. La stagione degli uragani 2022, invece, è terminata con Nicole, uragano di categoria 1 che si è formato all’inizio di novembre.

Leggi anche Stagione degli uragani nell’Atlantico: adesso è il 5% più piovosa

Non è stata l’unica differenza rispetto alla media. La National Ocean and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti parla di una stagione “unica nel suo genere” caratterizzata da una “rara pausa” a metà stagione delle tempeste. Dopo la calma di agosto, l’attività è aumentata di nuovo a settembre con sette tempeste nominate, tra cui i due uragani maggiori – Fiona e Ian. Altra peculiarità della stagione degli uragani 2022: si registra “una rara tempesta di fine stagione, l’uragano Nicole”.

Smentite così le previsioni della stessa NOAA, che a fine maggio immaginava una nuova fase sopra la norma a causa dell’effetto combinato di La Niña e di un Atlantico piuttosto caldo, con da 14 a 21 tempeste tropicali di cui da tre a sei in grado di passare alla categoria di uragani maggiori.

Leggi anche C’è il climate change antropico dietro la furia dell’uragano Ian

Anche se è stata più breve e meno popolata di eventi, la stagione degli uragani 2022 è stata particolarmente devastante. L’uragano Ian, da solo, ha provocato almeno 50-65 mld $ di danni, abbattendosi sulla Florida come categoria 4 e poi ancora tornando sulla terraferma in South Carolina, stavolta come uragano di categoria 1. Ian è stato il secondo evento più distruttivo dopo Katrina, l’uragano di categoria 5 che mise in ginocchio New Orleans nel 2005.

Articolo precedenteStati Uniti, l’EPA propone nuovi standard per i biocarburanti
Articolo successivoDecreto Aiuti Superbonus: sempre più probabile slittamento CILAS al 31 dicembre e sblocco crediti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui