Fracking: in UK sotto le case si può pompare «qualsiasi sostanza»

Il decreto infrastrutture del governo britannico suona come un “rompete le righe” per le compagnie di fracking, per le quali adesso tutto è lecito

Fracking in UK sotto le case qualsiasi sostanza.(Rinnovabili.it) – «Qualsiasi sostanza». Sono queste due parole a far montare il già intenso scandalo sul fracking nel Regno Unito. L’ultima idea del governo è stata quella di permettere alle compagnie di trivellazione, che esplorano il sottosuolo alla ricerca del gas di scisto, di avvicinarsi alle abitazioni private senza dover chiedere il permesso. Che prima era d’obbligo, ma rallentava di parecchio le operazioni, visto che si presume non siano molti i cittadini interessati ad avere una trivella nel giardino di casa. Le lobby della fratturazione idraulica, però hanno fatto sufficienti pressioni per convincere Cameron a rimuovere anche quest’ultimo argine a tutela delle comunità. Le quali adesso si sentono dire che sarà ammessa l’iniezione di «qualsiasi sostanza» sotto terra, durante le esplorazioni delle compagnie. Sostanze che poi resteranno dove vengono sparate, ad altissime pressioni, per fratturare le rocce. Sostanze chimiche anche dannose per la salute e per l’ambiente. Che inquinano le acque di falda e possono provocare patologie.

 

Gli ambientalisti si chiedono, senza neanche tanta ironia, se una regolamentazione che permette di infilare nel sottosuolo qualunque cosa non dia il via libera anche all’interramento delle scorie nucleari. Perché il decreto prevede espressamente il passaggio o la deposizione della già citata «qualsiasi sostanza» nel profondo della terra, e le compagnie hanno il diritto di lasciare i siti in condizioni diverse da come le hanno trovate, incluse nuove infrastrutture. In pratica non devono nemmeno smontare il cantiere. Hanno poi un bel dire che «l’industria del gas deve rispettare protocolli e standard di sicurezza ambientale» (parole di Ken Cronin, amministratore delegato di UK Onshore Oil and Gas).

 

I gruppi ambientalisti come Greenpeace e Friends Of the Earth sono sulle barricate, dopo che una consultazione del ministero dell’Energia ha di recente raccolto un coro di “no” da parte degli intervistati in merito a queste nuove regole. Tuttavia il governo non ha tenuto in alcun conto la contrarietà del pubblico, e tira dritto per la sua strada. Che piace alle compagnie e molto meno alle persone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui