Polveri sottili, scoperto il legame con il cancro ai polmoni nei non fumatori

Secondo Charles Swanton del Francis Crick Institute, che ha condotto la ricerca, le particelle con diametro minore sono in grado di risvegliare delle mutazioni dormienti nei polmoni di chi non fuma

Polveri sottili: scoperto il legame con il cancro ai polmoni nei non fumatori
Photo by Meiying Ng on Unsplash

Lo studio sulle polveri sottili presentato in anteprima alla European Society for Medical Oncology

(Rinnovabili.it) – Perché così tanti non fumatori sviluppano il cancro ai polmoni? La risposta è nell’inquinamento da traffico e dovuto al riscaldamento. Più precisamente nelle polveri sottili, i PM2.5. Un nuovo studio presentato nel fine settimana alla European Society for Medical Oncology ricostruisce per la prima volta con precisione il legame tra il particolato e i tumori all’apparato respiratorio, che finora non era mai stato chiarito appieno.

Nel caso del fumo, la scienza è concorde nel ritenere che le particelle inalate agiscano sulle cellule delle vie respiratorie causando delle mutazioni nel loro Dna, da cui l’insorgenza e lo sviluppo di tumori. Lo stesso meccanismo che viene riscontrato nel caso di cancro alla pelle provocato dall’esposizione ai raggi solari.

Leggi anche Qualità dell’aria: solo 11 città in Europa promosse per il PM2.5

La nuova ricerca, spiega al Guardian l’autore Charles Swanton del Francis Crick Institute, rivela perché anche nei polmoni dei non fumatori si vedono accumuli di mutazioni genetiche pur in assenza di esposizione alle sostanze chimiche tossiche contenute nelle bionde. La risposta è nelle polveri sottili, in particolare quelle con diametro più piccolo, inferiore o uguale ai 2,5 µm. Questo particolato sarebbe in grado di “risvegliare” delle mutazioni dormienti presenti nell’apparato respiratorio e farle quindi passare allo stato canceroso.

“Il rischio di cancro ai polmoni dovuto all’inquinamento atmosferico è inferiore a quello dovuto al fumo, ma non abbiamo alcun controllo su ciò che respiriamo, sottolinea Swanton illustrando l’urgenza di contenere i livelli di inquinamento da traffico. “A livello globale, un numero maggiore di persone è esposto a livelli non sicuri di inquinamento atmosferico rispetto alle sostanze chimiche tossiche presenti nel fumo di sigaretta, e questi nuovi dati collegano l’importanza di affrontare la salute del clima al miglioramento della salute umana”.

Leggi anche L’Italia primeggia in Europa per inquinamento industriale

Le polveri sottili sono in parte dovute a cause naturali, come l’erosione dei suoli, le emissioni dei vulcani e il trasporto su lunghe distanze della sabbia. Ma la fetta preponderante – oltre il 90% – è di origine antropica. Nel 2019, secondo l’Ispra, in Italia circa due terzi di queste emissioni sono da attribuire al settore della combustione non industriale, che include gli impianti di riscaldamento nel settore civile (commerciale, istituzionale e residenziale), mentre circa il 17% è da imputare al settore dei trasporti.

Articolo precedentePubblicata la Prassi di Riferimento UNI per calcolare gli obiettivi di riciclaggio
Articolo successivoL’agricoltura biologica consuma meno energia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui