Qualità dell’aria, l’Enea testa il monitoraggio con dettaglio al numero civico

L’obiettivo del progetto europeo Air Heritage è fornire a cittadini e istituzioni gli strumenti per pianificare gli spostamenti e migliorare la mobilità intelligente. A Portici, in meno di 4 km2, vivono 55mila persone che si spostano con 35mila automobili

Qualità dell’aria: l’Enea testa il monitoraggio con dettaglio al numero civico
Di Rutger van der Maar – https://www.flickr.com/photos/rutgervandermaar/32305448898/, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=105533500

Grazie ai dati puntuali sulla qualità dell’aria, si costruiscono politiche di smart mobility più solide

(Rinnovabili.it) – A Portici, i sensori annusa-smog di Enea analizzano la qualità dell’aria con un livello di dettaglio al numero civico. Grazie a un monitoraggio partecipativo, reso possibile dall’uso di intelligenza artificiale e un nuovo algoritmo basato sul machine learning per gestire i dati. È il risultato del progetto europeo Air Heritage, già indicato da Bruxelles come buona pratica a livello continentale.

In cosa consiste il lavoro coordinato dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile? Tramite il coinvolgimento diretto della cittadinanza, l’obiettivo era riuscire a raggiungere un livello di dettaglio molto alto nell’analisi degli inquinanti presenti in atmosfera. Al punto da ottenere sostanzialmente dati casa per casa. E usare questi dati per ottimizzare la mobilità, sia lato cittadino che lato istituzioni.

Leggi anche MINNI, analisi e previsione dell’inquinamento atmosferico

Portici è un terreno perfetto per testare soluzioni simili: è il secondo comune italiano per densità di popolazione, 55mila cittadini che vivono in meno di 4 km2. E hanno più di 35mila auto. Insieme ai partner di progetto, –  Comune di Portici, ARPAC, Legambiente Campania, Università “Federico II” di Napoli e TerrAria srl – Enea ha infatti sviluppato un sistema di supporto alle decisioni che permette ai cittadini di programmare la loro mobilità sulla base delle previsioni della qualità dell’aria. E allo stesso tempo consente alle amministrazioni locali di sviluppare politiche di mobilità intelligente sulla base di scenari costruiti su dati meteorologici ed emissivi raccolti a terra e via satellite.

“Oltre a sviluppare la rete fissa di monitoraggio innovativo low cost, ENEA ha messo a disposizione una flotta di sensori “annusa-smog” MONICA per il monitoraggio partecipato in mobilità. Per entrambe le reti ENEA ha inoltre curato le componenti di intelligenza artificiale e il sistema di gestione dei dispositivi corredato da interfacce grafiche per l’utenza,” spiega Saverio De Vito, ricercatore del laboratorio Applicazioni fotovoltaiche e Sensoristiche dell’ENEA e coordinatore scientifico del progetto.

Leggi anche Qualità dell’aria, è pessima per miliardi di persone

Articolo precedenteExpo 2030 Roma, presentata a Parigi la candidatura “senza rivali”
Articolo successivoDalle ceneri dell’ex Tegel Airport di Berlino sorgerà un hub tecnologico net zero

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui