Un caricabatterie comune per tutti i dispositivi, arriva lo standard UE

La Commissione europea presenta la proposta di una nuova direttiva finalizzata ad armonizzare la tecnologica di ricarica per smartphone, tablet, fotocamere, cuffie, altoparlanti portatili e console portatili

caricabatterie comune UE
Credits: Unione europea 2021

L’impiego di un caricabatterie unico permetterebbe di ridurre i rifiuti elettronici

(Rinnovabili.it) – Un caricabatterie comune per tutti dispositivi elettronici venduti sul mercato europeo. Uno standard condiviso nei Paesi membri che aiuti a ridurre l’impatto ambientale del settore. La proposta arriva direttamente dalla Commissione Europea nello schema di revisione della direttiva sulle apparecchiature radi2014/53/UE, presento ieri. “I consumatori europei – ha commentato Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva – hanno subito troppo a lungo il disagio di dover accumulare diversi caricabatteria incompatibili. Abbiamo lasciato all’industria molto tempo per trovare una soluzione, ma ora è giunto il momento di agire a livello legislativo per promuovere caricabatterie standardizzati”. 

Leggi anche Caro bollette, il CdM passa al contrattacco con il Decreto Energia

L’innovazione e il rapido sviluppo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ITC) hanno dato vita un alto numero di dispositivi e soluzioni di ricarica. E il numero di cavi, adattatori e alimentatori è andato progressivamente aumentando nei cassetti europei, generando ogni anno circa 11.000 tonnellate di rifiuti. Dopo un lungo lavoro di collaborazione volontaria, il settore ha ridotto il numero di caricabatterie per telefoni cellulari dai 30 esistenti 10 anni fa, ai 3 di oggi. Ma è evidente come si tratti di una soluzione parziale, inerente un solo segmento di mercato.

Caricabatterie comune: le misure proposte dalla Commissione

L’esecutivo UE ha elaborato una proposta normativa volta a stabilire una soluzione di ricarica standardizzata per tutti i dispositivi interessati. Le misure si applicherebbero a smartphone, tablet, videocamere, cuffie, altoparlanti portatili e console giochi portatili. “Si tratta di un vantaggio importante per i consumatori e per l’ambiente, in linea con le nostre ambizioni in materia di transizione verde e digitale”, ha aggiunto Vestager. Si prevede infatti che un caricabatterie unico possa ridurre le 11mila tonnellate di RAEE sopracitate a solo 1000 tonnellate.

Leggi anche Ora tutti possono costruire dispositivi elettronici senza batteria

Bruxelles garantire l’interoperabilità per la ricarica di una serie di dispositivi elettronici. In particolare, propone di:

  • armonizzare la porta di ricarica. Le porte USB-C diventeranno il formato standard per tutti i dispositivi interessati;
  • armonizzare la tecnologia di ricarica rapida;
  • offrire ai consumatori la possibilità di scegliere se acquistare un nuovo dispositivo elettronico con o senza un nuovo caricabatteria;
  • informare i consumatori sulle caratteristiche di ricarica dei dispositivi elettronici.

I prodotti contemplati dalla proposta della Commissione sono tra i più utilizzati da un ampio gruppo di consumatori e presentano caratteristiche di ricarica simili. L’Esecutivo ha volontariamente escluso altri dispositivi, quali auricolari in-ear, smartwatch e fitness tracker per motivi tecnici riguardanti le loro dimensioni, condizioni d’uso ecc. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui