Centrali elettriche a carbone: anche il Giappone dice stop

Per la prima volta in Giappone, che tra i G7 è il più grande finanziatore di progetti legati al carbone, una società quotata in borsa ha ricevuto una risoluzione sui cambiamenti climatici da parte degli investitori.

Mizuho e Sumitomo, fra i più grandi finanziatori mondiali di centrali elettriche a carbone, dicono stop al combustibile fossile

(Rinnovabili.it) – La Mizuho Financial Group, una grande holding bancaria con sede centrale a Ōtemachi, Giappone, interromperà finanziamenti e prestiti per centrali elettriche a carbone entro il 2050. Questa decisione arriva dopo le pressioni di un folto gruppo di investitori che, in vista dell’assemblea annuale degli azionisti, ha spinto affinché l’istituto finanziario definisse una politica climatica più ambiziosa.

Per la prima volta in Giappone, che tra tutti gli stati del G7 è il più grande finanziatore di progetti legati al carbone, una società quotata in borsa ha ricevuto una risoluzione sui cambiamenti climatici da parte di azionisti e investitori. “Il cambiamento climatico”, ha affermato Mizuho, “è una delle questioni globali più importanti che possono influire sulla stabilità del mercato finanziario. La risposta ai cambiamenti climatici è una questione chiave nella nostra strategia aziendale.

Leggi anche Il peso del Giappone sulla crescita del carbone estero

Tuttavia, la scelta intrapresa dalla terza banca più grande del Giappone è stata liquidata dagli attivisti come troppo “ritardataria”, specie in riferimento alla data del 2050. Mizuho, ​​tra i maggiori finanziatori del mondo di centrali elettriche a carbone, ha dichiarato che taglierà della metà il suo eccezionale saldo di 300 miliardi di yen (pari a 2,8 miliardi di dollari) in prestiti a progetti carboniferi nei prossimi 10 anni, e lo ridurrà a zero entro la metà del secolo.

Secondo i dati di Refinitiv SDC Platinum, negli ultimi cinque anni Mizuho è stato il terzo maggiore finanziatore mondiale di centrali elettriche a carbone, seguito da altre due banche giapponesi, Sumitomo Mitsui Financial Group e Mitsubishi UFJ Financial Group. Dopo appena un giorno dalla dichiarazione sugli impegni climatici di Mizuho, anche Sumitomo ha dichiarato che non presterà più risorse per nuove centrali elettriche a carbone a partire dal 1° maggio.

Leggi anche Giappone: arriva l’endorsement del ministro all’accordo di Parigi

Fino ad oggi, le banche giapponesi erano tra i pochi maggiori istituti di credito che ancora investivano in progetti a carbone, anche se altre banche in tutto il mondo (compresa JP Morgan) avevano ridotto la propria “esposizione”. “Questa nuova politica di restrizione del carbone è una mossa importante e preziosa, ha commentato Jeanett Bergan, responsabile degli investimenti responsabili presso il norvegese KLP, uno tra i più grandi fondi pensionistici al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui