Rinnovabili: sono il futuro dei Paesi in via di sviluppo

Un nuovo report mostra come le Nazioni più povere siano mercati molto più attrattivi per gli investimenti nelle rinnovabili

rinnovabili sono il futuro dei Paesi in via di sviluppo.(Rinnovabili.it) – Ai negazionisti del cambiamento climatico e agli scettici sulle rinnovabili tocca subire un altro colpo. Promuovere le energie pulite nei Paesi in via di sviluppo non è un onere per le comunità locali, né un palliativo inutile per aumentarne l’accesso all’energia. Lo spiega un nuovo report, intitolato “Climatescope 2014: Mapping the Global Frontier for Clean Energy Investment”, che mostra come alcune tra le nazioni più povere del mondo siano già energy leaders nel settore delle rinnovabili. Lo ha stilato Bloomberg Energy Finance insieme ad altri soggetti: il Multilateral Investment Fund of the Inter-American Development Bank Group e l’U.K. Government Department for International Development.

 

Per arrivare a questa classifica, il dossier ha analizzato la capacità in 55 Paesi di attrarre investimenti in energie pulite basati sulle politiche e i metodi di finanziamento correnti e futuri. Ne è venuto fuori che le “developing nations” mettono al muro le economie più solide quando si tratta di costruire green economy.

Vince la Cina, seguita a ruota dal Brasile. Sul podio anche il Sudafrica, poi India, Cile e Uruguay. Kenya, Messico, Indonesia e Uganda completano la top ten. Tutto grazie al fatto che la capacità energetica rinnovabile è in boom esponenziale nei mercati emergenti: cresce del 143 per cento contro l’84 per cento dei ricchi occidentali.

Perché? Prova a spiegarlo Ethan Zindler, analista di Bloomberg Energy Finance.

«Le energie pulite sono l’opzione più a basso costo in molti di questi Paesi. Inoltre queste tecnologie sono competitive già oggi. Non in futuro, ma già in questo momento».

 

Per anni si è pensato che solo le nazioni sviluppate avrebbero potuto godersi il lusso delle energie rinnovabili. Per il “Terzo mondo” non si immaginava altro che un futuro a combustibili fossili. Invece è patria delle risorse più straordinarie per quanto riguarda vento, sole, idroelettrico e biomasse.

Nelle nazioni in via di sviluppo, dove centinaia di milioni di persone sono ancora prive dell’accesso alle fonti di energia moderne, le rinnovabili come fonti di elettricità distribuite sono spesso la scelta migliore per espandere la rete tradizionale, basata su un sistema hub-and-spoke che non può essere capillare.

Senza contare che in alcuni Stati, come la Giamaica, eolico e fotovoltaico costano la metà rispetto ai combustibili fossili.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui