Finanza sostenibile: la pandemia fa impennare il mercato dei social bond

Secondo la società di rating S&P Global Ratings, il mercato dei social bond emergerà nei prossimi mesi come il segmento in più rapida crescita.

Un report di S&P mostra il boom dei social bond durante il lockdown

(Rinnovabili.it) – Il mercato finanziario sostenibile si sta evolvendo. Un report di S&P Global Ratings, tra le più note agenzie di rating, mostra un’impennata nelle emissioni di social bond durante il periodo di lockdown dovuto alla pandemia.

Dato l’attuale andamento, la società di rating prevede che il mercato dei social bond emergerà nei prossimi mesi come il segmento in più rapida crescita nel campo del “debito sostenibile”. L’emissione di obbligazioni sociali, in cui la remunerazione del capitale investito è agganciata al raggiungimento di un determinato risultato che beneficia la collettività, è più che quadruplicata finora, in netto contrasto con il resto del mercato globale del reddito fisso, per il quale S&P prevede una riduzione del 9%.

Leggi anche Un social bond da 1mld, lo strumento di CDP contro la crisi Covid-19

Secondo la società, la recente crescita nell’emissione di social bond indica che la pandemia di covid-19 non ha distolto l’attenzione degli emittenti e degli investitori dalla finanza sostenibile. Piuttosto, il loro interesse nel campo sembra aumentare. Le obbligazioni sociali finanziano progetti con obiettivi quali il miglioramento della sicurezza alimentare, l’accesso all’istruzione o all’assistenza sanitaria, e sono emerse come strumenti per rispondere alle esigenze dei consumatori, sempre più consapevoli delle attuali questioni sociali.

“Le società e le istituzioni finanziarie diventeranno più attive nel mercato dei social bond, poiché la pandemia accelera l’interesse degli emittenti privati ​​nelle questioni sociali, ha affermato l’analista di finanza sostenibile Lori Shapiro. Man mano che questa tendenza continua, secondo il report di S&P, acquisiranno sempre più importanza le pratiche di segnalazione di obbligazioni sociali che risultano essere mero “social washing”, in cui l’impatto sociale dei progetti finanziari viene completamente travisato o volutamente manipolato.

Leggi anche Banche: siamo ancora lontani dagli obiettivi di una finanza sostenibile

Tuttavia, valutare l’impatto dei social bond è tutt’altro che semplice. Come sottolinea Shapiro, “questa sfida è aggravata dal fatto che i benefici sono spesso più qualitativi che quantitativi, e si vedono sul lungo periodo”. Ma una migliore trasparenza e più stringenti pratiche di rendicontazione potranno contribuire a ridurre i rischi di social washing, rafforzando la fiducia degli investitori e spingendo verso ulteriori emissioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui