Quando l’architettura contemporanea si integra con la storia: il museo FLUGT firmato da BIG

BIG unisce i due edifici dell’ex ospedale del vecchio campo profughi di Oksbøl in un’architettura contemporanea curvilinea rivestita in acciaio corten. Un volume morbido che collega il passato al presente

architettura-contemporanea
FLUGT – Museo dei Rifugiati della Danimarca- credits big.dk

L’aggiunta al museo FLUGT è stata inaugurata questa settimana

(Rinnovabili.it) – Non è sempre detto che l’architettura contemporanea non possa convivere con gli edifici storici, anzi a volte il contrasto è tale da esaltare ancora di più le strutture preesistenti. E’ sicuramente questo il caso della nuova ala museale FLUGT, progettata dai maestri di BIG, Bjarke Ingels Group, e inaugurata da pochi giorni.
Collocato a Oksbøl, poco distante dal Museo Tirpitz a Blåvand, altro progetto del team danese, l’edificio racconta la storia del più grande campo rifugiati della seconda guerra mondiale della Danimarca, che sorgeva proprio in quest’area. Della grande struttura preesistente il team di BIG ha scelto di recuperare ed ampliare attraverso l’architettura contemporanea, l’ex-ospedale. Si tratta di due edifici ortogonale tra loro costruiti in materiali tradizionali.

Una curva in acciaio che collega passato e futuro

L’aggiunta da 500 mq del team di BIG è un volume curvilineo che rivestito in acciaio corten per rievocare il colore rosso dei mattoni degli edifici preesistenti. L’architettura contemporanea di questo volume è visibile da lontano e ed è volutamente e delicatamente “tirata” verso la strada, invogliando i visitatori a scoprire cosa c’è al suo interno.

Una volta arrivate vicino all’edificio, il volume astratto accoglie i visitatori in una hall ampia e chiusa da una parete vetrata che affaccia su un piccolo giardino interno con lo sfondo della grande foresta.

leggi anche L’Architettura biomimetica di BIG che imita le girificazioni del cervello

Come in molti progetti del team danese, l’attenzione al dettaglio fa la differenza. Mentre all’esterno domina il rosso dell’acciaio corten, gli interni sono realizzati con lamelle di legno dipinte di bianco. Ogni travetto scandisce il percorso di collegamento tra i due edifici preesistenti. Le ampie vetrate illuminano di luce naturale gli interni del volume aggiuntivo. Mentre nei due edifici dell’ex ospedale buona parte delle pareti divisorie interne sono state abbattute, creando un unico spazio visivo.

FLUGT è un ottimo esempio di come il riutilizzo adattivo può portare a edifici sostenibili e funzionali che preservano la nostra storia condivisa pur distinguendosi dal punto di vista architettonico“, ha commentato Frederik Lyng, project Leader di BIG.

Articolo precedenteVia libera al pacchetto Fit for 55 dal Consiglio UE: tutte le novità
Articolo successivoSmart home: uno studio dimostra che le case connesse fanno bene al portafogli e all’ambiente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui