Una città in un edificio: il nuovo masterplan di BIG unisce istruzione, affari e vita di mare

Il progetto di BIG proverà a rivoluzionare il sistema educativo tradizionale, trasformando il campus in una piccola città disegnata a partire dalle esigenze ambientali del sito.

Il campus immaginato da BIG raggiungerà 11 dei 17 obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite

(Rinnovabili.it) – Innovativo, olistico e sostenibile. Così viene descritto il nuovo masterplan Education Esbjerg progettato dagli architetti danesi di BIG, Bjarke Ingels Group, per la città costiera di Waden sulla costa occidentale della Danimarca. Sull’isola omonima di Esbjerg sorgerà il campus universitario che promette di rivoluzionare il sistema educativo tradizionale. L’idea è quella di portare i servizi offerti da una città all’interno di un singolo edificio.

E la trama che disegna il masterplan è dettata principalmente proprio dai parametri ambientali già presenti nel sito: il rumore del vicino cantiere di riciclaggio delle navi, i venti dominanti da ovest, l’alta marea, le mareggiate e la luce solare occasionale.

Leggi anche La nuvola di pergolati di Bjarke Ingels per la nuova sede della Commissione Europea

Il risultato è grande ed unico edificio continuo di 90.000 mq disposto lungo il perimetro esterno dell’isola, per liberare lo spazio interno per un grande parco, protetto da rumori e vento. Il design della facciata, facilmente riconducibile a Bjarke Ingels Group, raggiunge un’altezza massima di sette piani. Il gioco di altezze e volumi disegnato in base alle esigenze ambientali, degrada fino al piano terra, comunque rialzato di sette metri per proteggere il campus dalle inondazioni.
Sul tetto troverà posto una copertura completamente verde, un giardino pensile di un chilometro che ricalcherà la geometria ondulata dell’edificio.

big
Giardino pensile – credit: per gentile concessione di via.ritzau.dk

La sostenibilità farà parte di ogni dettaglio del campus Education Esbjerg. L’obiettivo di BIG è raggiungere 11 dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibili stabiliti dalle Nazioni Unite, tra i quali quello dell’istruzione, energia pulita a prezzi accessibili, riduzione delle disuguaglianze, salvaguardia dell’acqua e promozione di una comunità sostenibile.

L’energia rinnovabile verrà prodotta in loco riducendo significativamente le emissioni di CO2. Inoltre la copertura verde ed il grande parco nel cuore del campus, favoriranno la biodiversità aiutando a preservare le specie locali.

Articolo precedenteInquinamento atmosferico in Cambogia, il piano per combatterlo
Articolo successivoPesca nel Mar Baltico, le regole UE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui