Bosconavigli, Boeri protagonista della riforestazione di Milano

Soluzioni tecnologiche e costruttive all’avanguardia per Bosconavigli, il progetto di Boeri per Milano che porta il Bosco verticale nella tradizionale casa a corte lombarda

Bosconavigli,credit Stefano Boeri Architetti
Bosconavigli,credit Stefano Boeri Architetti

(Rinnovabili.it) – Dal Bosco verticale a quello orizzontale, prosegue la collaborazione tra Stefano Boeri e la città di Milano con il Bosconavigli.

L’importante progetto di riqualificazione, parte integrante del trand di Riforestazione urbana del capoluogo lombardo, sarà il fulcro del rinnovamento dell’area che connetterà zona Tortona con il Naviglio Grande e soprannominata Quartiere della Creatività.

Il progetto di Bosconavigli è nato grazie alla collaborazione tra Stefano Boeri Architetti, Arassociati e AG&P Greenscape per la progettazione paesaggistica. Così come avvenuto per il Bosco Verticale, anche in questo caso sarà il verde a caratterizzare l’intera struttura.

Leggi anche MilanoSesto: da ex acciaierie a smart city

Bosconavigli nasce in una zona che sta cambiando profondamente il suo volto, cerniera fra il tessuto urbano ad alta densità e una zona verde caratterizzata dal Naviglio e porta verso il sistema dei parchi. Siamo certi che il progetto potrà essere di guida e faro per un ridisegno positivo dell’intera cornice urbana”, ha commentato Marco Nolli di Milano 5.0, società promotrice dell’intervento.

L’evoluzione della casa a corte lombarda

Bosconavigli,credit Stefano Boeri Architetti

L’intervento si sviluppa come una casa a corte tipica della tradizione lombarda, articolata secondo diversi livelli destinati ad accogliere i giardini pensili e gli spazi pubblici. Le tre facciate principali sono scandite da un sistema alternato di balconi ideati per ospitare piante ed alberi ad alto fusto. I numerosi ingressi su via San Cristoforo ampliano la connessione tra gli spazi interni della corte ed il verde del parco pubblico circostante. Bosconavigli sarà composto da più di 170 alberi, 8 mila piante ad arbusto e 60 specie vegetali.

Grazie alla vegetazione sarà possibile ridurre i consumi energetici, inoltre le piante agiscono da filtro naturale contro le polveri sottili e le microparticelle d’inquinamento.

Soluzioni tecnologiche all’avanguardia

La sostenibilità è un elemento importante del progetto che prevede l’integrazione degli edifici con fotovoltaico, raccolta delle acqua piovane per l’autosufficienza dell’irrigazione degli organismi vegetali, energia geotermica.

I pannelli fotovoltaici rivestiranno interamente la copertura dell’edificio diventando un tema espressivo cromatico di grande impatto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui