Absorbent Sand Storm: purificare l’aria catturando le tempeste di sabbia grazie ai grattacieli

Il Kalbod Design Studio ha immaginato di catturare la polvere delle tempeste desertiche grazie a particolari grattacieli dotati di magnetismo. Oltre a purificare l’aria, le strutture potrebbero trasformarsi in accumulatori di energia

produrre energia
Absorbent Sand Storm Skyscraper – credits: Kalbod Design Studio

I grattacieli in futuro potrebbero essere impiegati come accumulatori di energia grazie alle “batteria di sabbia”

(Rinnovabili.it) – Affrontare in maniera creativa problemi concreti legati alle sfide dell’ambiente in cui ci troviamo a vivere porta talvolta a risultati sorprendenti. E’ il caso degli “Absorbent Sand Storm Skyscraper”, grattacieli appositamente studiati per purificare l’aria catturando le tempeste di sabbia nella città di Dubai. A proporre il progetto è il team di Kalbod Design Studio nel tentativo di trasformare il problema delle tempeste di sabbia in una potenziale risorse.

Come purificare l’aria dalle particelle nocive

Il particolare design dei grattacieli Absorbent Sand Storm si inserisce perfettamente nell’originale skyline di Dubai attraverso un approccio sostenibile e funzionale. Il progetto immagina di inserire al margine della città queste strutture dalla forma organica che catturano e neutralizzano le particelle di polvere dannose sollevate durante le tempeste di sabbia.

Oltre a migliore le condizioni meteorologiche, il progetto svolge un ruolo fondamentale nella riduzione del consumo energetico diventando una base di ricerca per studiare e conoscere meglio queste tempeste ed essere in grado di fornire soluzioni ottimali per il futuro.

Pur rimanendo un concept, la proposta della Kalbod Design Studio si basa su un’analisi preliminare molto dettagliata di questi fenomeni naturali, per poter sviluppare un progetto fattibile.

Leggi anche Il primo Bosco verticale di Medio Oriente e Nord Africa sorgerà a Dubai

Il masterplan di Absorbent Sand Storm skyscraper propone 25 torri a distanza prefissata l’uno dall’altro. La struttura in vetro sale lentamente dal suolo e copre l’area centrale del grattacielo aprendosi in ampi fori studiati per convogliare qui l’aria piena di polvere. Dato che le particelle di sabbia possiedono una carica elettrica, per poterle intrappolare le cavità dei grattacieli sono dotate di magnetismo. In questo modo la polvere entra nella struttura e viene attratta da particolari pannelli capaci di aprirsi o chiudersi a seconda della violenza della tempesta. Per essere certi di catturare tutte le particelle si sabbia purificando al meglio l’aria, questo passaggio è raddoppiato all’intero della struttura.

In futuro potrebbero agire da batterie di sabbia

Il nostro obiettivo finale è quello di creare un’area multifunzionale incentrata sulla ricerca scientifica, e ogni torre sarà dedicata a una posizione specifica. La zonizzazione comprenderà l’uso residenziale e istituti di ricerca per la fisica, aerospaziale, tecnologia, biologia e medicina” commentano da Kalbod Design Studio.

Guardando al futuro il team immagina di trasformare i grattacieli in enormi “batterie di sabbia” per l’accumulo termico di energia rinnovabile, raggiungendo il duplice obiettivo di purificare l’aria e ridurre i consumi energetici.

Articolo precedenteRiduzioni consumo gas: UE prolunga di 1 anno l’obiettivo -15%
Articolo successivoDalla leucemia alle nascite premature, il 1° studio sistematico sull’impatto della plastica sulla salute

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!