Rancho Mirage: primo quartiere net-zero energy stampato in 3D

In costruzione il primo quartiere net-zero energy stampato in 3D che elimina gli scarti, dimezza i costi ed aumenta l’efficienza

Quartiere net-zero energy stampato in 3D - courtesy of Mighty Building
Courtesy of Mighty Builging

Il processo permetterà di ridurre del 95% i rifiuti da costruzione

(Rinnovabili.it) – Il primo quartiere “net-zero energy” stampato in 3D sorgerà in California, a Rancho Mirage, entro la primavera del 2022.

Nei 2 ettari del sito verranno realizzate 15 abitazioni private di circa 135 mq (1450 piedi quadrati) che, grazie all’innovativa soluzione di stampa 3D, permetteranno di ridurre gli scarti del processo costruttivo del 95% rispetto ai manufatti tradizionali. Rapidità, economicità, sostenibilità ed efficienza sono le parole chiave del progetto che è nato grazie alla sinergia di due professionisti del settore da tempo impegnati nello sviluppo della tecnologia robotica per la stampa 3D, la Palari Group e la Mighty Building.

Leggi anche Costruita ad una velocità record la prima scuola stampata in 3D

Le abitazioni del quartiere net-zero energy saranno dotate di pannelli solari, completamente ignifughe, resistenti agli agenti atmosferici, antisismiche e ad alte performance energetiche, il tutto con una riduzione dei costi di circa il 40% rispetto alle costruzioni tradizionali (riferito all’edilizia statunitense) ed un risparmio in termini di emissioni di ben 2,3 tonnellate per ogni abitazione.

Quartiere net zero energy - Gli interni - courtesy of Mighty Building
Courtesy of Mighty Building

A determinare questi molteplici benefici è ovviamente il processo produttivo automatizzato e fortemente impostato sulla modularità dei componenti precedentemente stampati in 3D e successivamente assemblati direttamente sul sito di costruzione.

La tecnologia messa punto dalla Mighty Building, che permetterà di raggiungere l’ambizioso traguardo di un quartiere net-zero energy, è stata ribattezzata Light Stone Material (LSM). Questo sistema prevede la stampa 3D di particolari pannelli polimerici multistrato che, esposti immediatamente ai raggi UV induriscono, rendendo il materiale monolitico più efficiente del cemento. L’alto grado di isolamento di questo particolare sistema costruttivo e la sostenibilità del processo produttivo completamente informatizzato, consentono al Light Stone Material raggiungere gli standard net-zero energy, avvicinandosi moltissimo ad una vera e propria casa passiva.

Completano il quadro delle abitazioni eco-friendly dal design moderno piscina, vasca idromassaggio, pannelli solari ed una colonnina Tesla per la ricarica dei veicoli elettrici.

Negli Stati Uniti, ed in particolare in California, la richiesta di case stampate in 3D ha avuto un incremento notevole negli ultimi anni, complice la facilità di ottenere in pochissimo tempo una casa moderna, efficiente e chiavi in mano: per stampare una unità modulare, come ad esempio uno studio di 32 mq, occorrono solo 24 ore.

Entro la primavera del 2022 il quartiere net-zero energy di Racho Mirage sarà ultimato e pronto ad ospitare gli acquirenti che sin da ora hanno prenotato la propria Casa Green stampata in 3D.

Leggi anche Una facciata fotovoltaica “invisibile” per la casa in cemento stampato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui