Rigenerazione urbana: l’esempio di Arcadia Center a Milano

L’Arcadia Center progettato da Giuseppe Tortato ha trasformato un vecchio edificio anni ’70 in un mix di sostenibilità ed efficienza

Arcadia center
Arcadia Center Milano – credit photo Studio Giuseppe Tortato

L’Arcadia Center ha ottenuto la certificazione LEED Silver

(Rinnovabili.it) – Quando l’architettura si trasforma in uno strumento di rigenerazione urbana e sociale si ottengono risultati di ottima qualità, some l’Arcadia Center di Milano.

Completato nel 2019 il progetto parte dalla ristrutturazione di un immobile degli anni ’70 nel quartiere gallaratese del capoluogo lombardo.

Mix di sostenibilità ed innovazione il progetto è stato sviluppato dallo Studio Giuseppe Tortato Architetti, F&M Ingegneria e Tekser ingegneria per il nuovo HQ di Volkswagen Leasing GmbH e Volkswagen Bank GmbH.

L’Arcadia Center si sviluppa su una superficie di 23mila mq ed ha cercato di recuperare la dinamicità dell’impianto architettonico originario mantenendo lo scheletro strutturale, ma creando un edificio totalmente nuovo dove la sostenibilità e l’efficienza garantiscono agli occupanti ottimo comfort interno.

Certificazione LEED Silver

Nel progetto dell’involucro edilizio esterno, il vecchio edificio è stato adattato alle nuove esigenze lavorative. La luce naturale penetra all’interno grazie alle ampie vetrate massimizzando l’apporto solare nel periodo invernale e schermandolo invece nel periodo estivo grazie ad un sistema di lamelle.

La trasmittanza dell’involucro arriva a valori tra lo 0,2 W/mqK per le parti opache, e 1,0 W/mqK per le vetrate, caratteristica che ha permesso all’Arcadia Center di ottenere la certificazione LEED Silver.

Leggi anche UNStudio svela il masterplan di rigenerazione urbana per Bruzzano

Ovviamente anche la scelta degli impianti ad alta efficienza ha concorso al raggiungimento del ranking di GBC. La climatizzazione con due pompe di calore polivalenti condensate ad acqua di falda e a una pompa di calore per la produzione di acqua ad altissima temperatura si affiancano all’impianto fotovoltaico in copertura.

Il ruolo centrale del BIM

La flessibilità degli spazi e la certezza di mantenere sempre elevate le prestazioni energetiche sono una caratteristica dell’edificio. Simili risultati sono stati raggiunti grazie all’utilizzo della tecnologia Bim durante tutto il processo costruttivo e di manutenzione successiva. Architettura, strutture ed impianti collaborano simultaneamente nel modello multidimensionale del progetto. In questo modo anche i committenti hanno avuto la possibilità di individuare le soluzioni interne ottimali senza rinunciare a nulla.

Il verde ed il giardino pensile

Il benessere psicofisico degli occupanti dell’Arcadia Center deve molto anche all’utilizzo del verde come parte integrante dell’edificio. Oltre al giardino pensile realizzato all’ultimo piano, ciascun lato del fabbricato ha a disposizione un ampio giardino accessibile dall’interno. Inoltre il profilo della facciata ha permesso la creazione di tasche e terrazze private per ciascun ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui