Solar Decathlon Europe 2022: 18 team universitari si sfidano a colpi di sostenibilità urbana

La challenge internazionale prevede la costruzione di prototipi abitativi green in scala reale per rispondere alle sfide delle città contemporanee

solar-decathlon-europe
Render courtyard credits @ team levelup _SDE 21 22

Il Solar Decathlon Europe si terrà a Wuppertal dal 10 al 26 giugno 2022

(Rinnovabili.it) – Dopo lo stop imposto dalla pandemia torna in presenza il Solar Decathlon Europe 21/22, la competizione internazionale che coinvolge team di studenti universitari nella costruzione di una unità abitativa net zero in dimensioni reali.

Dal 10 al 26 giugno 2022 il campus solare si insedierà a Wuppertal, in Germania, coinvolgendo ben 18 squadre provenienti da 11 Paesi.

Il tema scelto per quest’anno vede al centro la progettazione urbana ed il contributo che le costruzioni sostenibili possono dare nella transizione ecologica delle città.

Soluzioni concrete per la città di domani

L’aumento della popolazione nelle metropoli e la carenza di alloggi sta spingendo l’utilizzo delle risorse al limite, diminuendo la qualità di vita dei cittadini. Le Nazioni Unite prevedono che nel 2050 il 68% della popolazione mondiale vivrà nelle aree urbane. E’ qui che si consumano l’80% delle risorse e si producono le maggiori emissioni.

Ecco perchè nasce il Solar Decathlon Europe: per innescare un processo di trasformazione sia teorico, ma soprattuto pratico, partendo proprio dalle giovani generazioni.

Infatti i team non solo progetteranno su carta le loro idee più innovative, ma avranno la possibilità di costruire materialmente un prototipo in scala 1:1 testandone le potenzialità.

Leggi anche Ripple: la casa self-sufficient che insegna la sostenibilità

Con lo sfondo del cambiamento climatico l’obiettivo del concorso è promuovere la transizione energetica negli ambienti urbani.

E per la prima volta il SDE si concentra sulla modernizzazione del patrimonio esistente piuttosto che sulla creazione di nuovi edifici. Anche la scelta della location a Wuppertal è tutt’altro che casuale. La cittadina di circa 360mila abitanti è l’emblema di molte sfide urbane simili europee. Dai problemi nella gestione della mobilità, all’adeguamento del patrimonio immobiliare alle nuove esigenze, fino all’impiego di tecnologie innovative ad uso della quotidianità.

I cittadini di Wuppertal, e non solo, avranno quindi l’opportunità di visitare il campus del Solar Decathlon Europe, trovando soluzioni concrete a problemi reali.

Due settimane per creare, connettersi e condividere

I team della SDE 21/22 affronteranno quindi tre compiti edilizi contemporanei: ristrutturazione e ampliamento, chiusura delle lacune e aggiunta di un piano. Basando i loro progetti sul patrimonio edilizio esistente, sulle infrastrutture e sulle condizioni socioeconomiche che si trovano nel quartiere Mirke a Wuppertal o in un quartiere del proprio Paese di origine.

I team svilupperanno modelli adattati, ma riproducibili per la transizione energetica urbana.

Tutti gli interventi saranno giudicati secondo 10 contest: architettura, comunicazione, comfort, sostenibilità, rendimento energetico, Ingegneria e costruzione, accessibilità, innovazione, funzionamento della casa, mobilità.

La vittoria andrà alla squadra che ottiene il punteggio combinato maggiore in tutte le sfide con una cerimonia ufficiale che si terrà il 24 giugno.

Le squadre in gara sono:

  • “AuRA” – Grenoble, Francia
  • Azalea – Valencia, Spagna
  • coLLab - Stuttgart, Germany
  • Deeply High - Istanbul/Lübeck, Turkey/Germany
  • EFdeN - Bucharest, Romania
  • FIRSTLIFE - Prague, Czech Republic
  • levelup – Rosenheim, Deutschland
  • LOCAL+ - Aachen, Germany
  • Lungs of the City - Pécs, Hungary
  • MIMO - Dusseldorf, Germany
  • RoofKIT – Karlsruhe, Germany
  • SAB - Bangkok, Thailand
  • SUM - Delft, Netherlands
  • TDIS - Taipei, Taiwan
  • Team Sweden - Gothenburg, Sweden
  • UR-BAAN - Bangkok, Thailand
  • VIRTUe - Eindhoven, Netherlands
  • X4S - Biberach, Germany

Articolo precedenteDelude la pre-COP sul clima di Bonn: la strada verso Sharm el-Sheikh è in salita
Articolo successivoTerna si aggiudica il Business International Finance Award 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui