Carburante, scendono i consumi col semaforo verde

Testando il “traffic light recognition” Audi promette la riduzione del consumo di carburante e di emissioni di CO2 segnalando per tempo lo stop ai semafori

carburante(Rinnovabili.it) – Non solo veicoli elettrici e tecnologia ibrida. Audi sperimenta, per dare maggiore sostenibilità al settore, una nuova tecnologia per il risparmio del consumo di carburante. L’innovazione non consiste però in un dispositivo che si applica al motore del veicolo, ma in  ‘traffic light recognition‘ in grado di dialogare con la vettura e far spegnere il motore in caso di permanenza allo stop con luce rossa. Le previsioni mettono in evidenza un risparmio di carburante pari a milioni di litri di carburante e una riduzione del 15% del rilascio di emissioni inquinanti.

 

Il dispositivo di rilevamento, sfruttando la connessione internet, è in grado di segnalare al conducente della vettura a quale velocità dovrebbe percorrere la strada per trovare i semafori presenti sul suo percorso con luce verde ed evitare quindi di doversi fermare. Nel caso in cui la vettura fosse già ferma al semaforo il sistema sarà invece in grado di calcolare il tempo rimanente fino al successivo semaforo verde garantendo al conducente di riaccendere il motore 5 secondi prima che la luce ridiventi verde.

La società ha inoltre previsto una calo delle emissioni di CO2 pari al 15% che si traduce anche in una diminuzione del consumo di carburante di circa 900 milioni di litri calcolato su una distribuzione del dispositivo in tutta la Germania.

Attualmente il dispositivo è in fase di test a Los Angeles, dove la connessione permette di dialogare con 50 semafori mentre in Italia, a Verona, dove si stanno provando circa 60 dispositivi e Berlino dove 25 conducenti di Audi stanno guidando veicoli forniti del nuovo dispositivo collegato ad un migliaio di semafori cittadini.

“Il lancio sul mercato è attualmente oggetto di analisi approfondite negli Stati Uniti” ha dichiarato ieri un portavoce Audi.