• Articolo Bruxelles, 3 ottobre 2018
    • Pacchetto Ecodesign & Energy label, il ritardo ci costerà mld di euro

    • La Commissione Europea prende tempo sui nuovi standard di progrettazione ed etichettatura energetica. Per la maggior parte dei prodotti la decisione potrebbe essere rimandata al nuovo esecutivo

    Pacchetto Ecodesign

     

    Secondo fonti interne all’esecutivo, il nuovo Pacchetto Ecodesign-Energy label rischia di essere posticipato al 2020

    (Rinnovabili.it) – La Commissione Junker si era data un tempo preciso: il 2 novembre 2018 avrebbe adottato il nuovo Pacchetto Ecodesign & Energy Labelling, contenente l’aggiornamento delle misure d’attuazione per progettazione ed etichettatura energetica per una quindicina di prodotti. Misure, che per stessa ammissione dell’esecutivo UE, avrebbero permesso ai consumatori di risparmiare fino a 165 TWh l’anno fino al 2030, che corrisponde a oltre il 5 per cento del consumo complessivo di elettricità europea. Con molta probabilità, tuttavia, Bruxelles mancherà ancora una volta la scadenza.

    Secondo fonti interne all’UE, infatti, ben due terzi dei nuovi regolamenti attesi non saranno pronti per novembre. “Le misure sono in ritardo e siamo preoccupati”, ha confidato al Guardian un diplomatico europeo in condizione di anonimato. “Sappiamo che alcuni dei prodotti non ce la faranno, ma speriamo di averne almeno nove o dieci”.

     

    >>Leggi anche Direttiva ecodesign: estenderla oltre i consumi di energia<<

     

    Ciò significa che, con le elezioni europee di mezzo, la parte più cospicua del Pacchetto Ecodesign & Energy Labelling potrebbe non vedere la luce prima dell’inizio del 2020. Un rischio che fa innervosire molti. “I ripetuti ritardi accumulati negli ultimi anni hanno un prezzo per tutti – spiega l’European Citizens Organization for Standards (Ecos) Risparmi perduti per i cittadini e il clima, costi dovuti all’incertezza e al ritardo degli investimenti nel settore e quelli legati alla mobilitazione delle risorse per i dipendenti pubblici coinvolti nel processo decisionale. Queste misure sono fondamentali per l’attuazione degli obiettivi dell’UE in materia di clima, energia ed economia circolare”.

     

    Nel complesso il pacchetto dovrebbe includere standard per una serie di elettrodomestici (quali frigoriferi, lavatrici e lavastoviglie), elettronica (display, server) e prodotti commerciali e industriali come motori elettrici, attrezzature per la saldatura e ventilatori.  Come sottolineato anche da Ecos, non sarebbe solo l’ambito dei consumi energetici a beneficiarne. I regolamenti permetterebbero di evitare all’atmosfera 62 milioni di tonnellate di CO2 – pari alle emissioni del consumo annuo di energia primaria in Svezia – e introdurrebbero requisiti innovativi per il riciclaggio e la riparabilità dei prodotti.

     

    >>Leggi anche Economia circolare, Francia: in etichetta la “durata di vita” dei beni<<

    Tutte le News | Ecodesign
    Nuatan bioplastica02 ottobre 2018

    Nuatan, la bioplastica “naturale” che non danneggia i pesci

    Materie prime rinnovabili e coloranti naturali: così prende vita la plastica biodegradabile e biocompatibile di Crafting Plastics Studio

    nio cocktail11 luglio 2018

    Nio, il cocktail in busta che sembra un cd

    Sei in mezzo al mare e vuoi bere un Margarita? Tre giovani imprenditori hanno avuto l’idea di creare un cocktail in busta premiscelato, utilizzabile ovunque

    eco-materiali10 luglio 2018

    Eco-materiali: funghi e canapa per rimpiazzare il polistirolo

    Un team di studenti di ingegneria ambientale e architettura dell’EPFL ha scoperto un modo per far crescere un materiale biodegradabile sfruttando il micelio e i trucioli di legno

    spilla riccio WWF21 giugno 2018

    I dischetti di plastica inquinanti trasformati in arte

    Avevano invaso il litorale tirrenico: oggi grazie alla raccolta e al riciclo sono stati trasformati in spille la cui vendita supporterà i progetti di conservazione delle Oasi WWF della Maremma

    alternative alla plastica05 giugno 2018

    Le alternative alla plastica: ecco i materiali che premiano l’ecologia

    Ripensare la filera della plastica aprendo le porte a materie prime vegetali e prodotti completamente biodegradabili. Ecco come l’innovazione si è fatta strada nel mercato dei polimeri

    rifiuti trasformati31 maggio 2018

    The House of Trash: dove i rifiuti trasformati diventano arredamento

    La sfida è stata lanciata da Miniwiz: creare un nuovo laboratorio di idee dove ogni singolo elemento dell’arredamento è nato dal riciclo

    Agriparco Milano29 maggio 2018

    A Milano arriva l’agriparco urbano

    Dal 3 giugno per tutto il periodo estivo il cortile della Fabbrica del Vapore ospiterà “Riabita Agriparchiurbani”, il progetto ideato e allestito dallo studio Grassi Design