• Articolo Salonicco, 18 gennaio 2019
    • Print Your City, l’arredo urbano dai rifiuti di plastica

    • Il progetto, nato dalla collaborazione tra uno studio olandese e Coca Cola, ha portato alla realizzazione di un laboratorio in Grecia che trasforma i rifiuti di plastica in complementi d’arredo stampato in 3D

    rifiuti-di-plastica-print-your-city

     

    Gli ideatori di Print Your City si aspettano di riuscire a riciclare quattro tonnellate di rifiuti di plastica

     

    (Rinnovabili.it) – Trasformare i rifiuti di plastica in arredo urbano stampato in 3D. Succede a Salonicco, in Grecia, dove, grazie al progetto Print Your City, i cittadini hanno la possibilità di essere coinvolti in un’iniziativa molto originale, che prevede la raccolta dei rifiuti di plastica e la loro trasformazione in complementi di arredo urbano, utilizzando una stampante 3D di grandi dimensioni. L’idea è venuta a Panos Sakkas e Foteini Setaki, i fondatori di New Raw, uno studio di progettazione con sede a Rotterdam, in Olanda, e attivo dal 2015 nella chiusura del ciclo di rifiuti in plastica. “Il fallimento dei prodotti di plastica è intrinseco al loro stesso design – dicono Sakkas e Setaki – dato che sono stati progettati per durare per sempre, ma spesso li usiamo una sola volta e poi li buttiamo via. Con Print Your City, invece, ci sforziamo di mostrare un modo migliore di utilizzare la plastica, in applicazioni di lunga durata e ad alto valore”.

     

    Attraverso una stampante 3D di grandi dimensioni, infatti, gli ideatori hanno reso possibile la trasformazione della plastica di scarto in complementi di arredo urbano, come panchine, portabiciclette o vasi per le piante. I primi prototipi della città greca sono stati stampati in 3D a metà dello scorso anno e piazzati qua e là in giro per la città. Per ognuno di essi ci sono voluti circa 100 kg di rifiuti di plastica e più o meno 12 ore per stamparli e trasformarli in oggetti dall’alto valore aggiunto. Ma per gli ideatori di questo innovativo progetto l’efficienza produttiva poteva essere nettamente migliorata, motivo per cui New Raw, in collaborazione con Coca Cola, ha deciso quindi di costruire lo Zero Waste Lab, un laboratorio che funge da centro educativo e offre ai cittadini la possibilità di conoscere il processo di riciclo della plastica, grazie al quale è possibile abbattere la quantità di rifiuti prodotti a livello urbano e progettare al contempo arredamento urbano funzionale ai propri quartieri.

     

    >>Leggi anche Rifiuti di plastica: nasce l’Alliance to End Plastic Waste<<

     

    Grazie alla piattaforma predisposta dal progetto, i cittadini possono modellare i progetti in base alle loro esigenze e scegliere la forma, il colore e il luogo della città dove piazzarlo; tutto nell’ottica di promuovere uno stile di vita sano e rispettoso dell’ambiente. Da quando è stato lanciato a dicembre 2018, il sito web del progetto ha già raccolto più di 3.000 progetti. Il laboratorio al momento lavora 4 giorni a settimana; i primi complementi realizzati saranno installati proprio in questi giorni nell’Hanth Park di Salonicco. New Raw si aspetta di riuscire a riciclare quattro tonnellate di rifiuti di plastica.

     

    GUARDA IL VIDEO

     

    Tutte le News | Ecodesign
    bucce di patata10 gennaio 2019

    Biomateriali: Dalle bucce di patata l’alternativa ai pannelli in legno MDF

    Fibre ottenute dai rifiuti e leganti naturali pressati a caldo: nascono così i pannelli biodegradabili Chip [s] Board®

    Design for Recycling09 gennaio 2019

    Design for Recycling, un premio per l’ecodesign

    Lanciato dall’Istituto USA delle industrie del riciclo, il riconoscimento va a chi progetta un prodotto pensando fin dall’inizio a come dovrà essere riciclato

    scarpe-ecologiche-nat-221 novembre 2018

    Scarpe ecologiche: ecco le sneakers a base di caffè riciclato

    Quelle ideate da nat-2 sono scarpe ecologiche unisex realizzate dagli scarti del caffè, con cui l’azienda punta a ridurre l’inquinamento e lo spreco globale che caratterizza il settore della moda

    Pacchetto Ecodesign03 ottobre 2018

    Pacchetto Ecodesign & Energy label, il ritardo ci costerà mld di euro

    La Commissione Europea prende tempo sui nuovi standard di progrettazione ed etichettatura energetica. Per la maggior parte dei prodotti la decisione potrebbe essere rimandata al nuovo esecutivo

    Nuatan bioplastica02 ottobre 2018

    Nuatan, la bioplastica “naturale” che non danneggia i pesci

    Materie prime rinnovabili e coloranti naturali: così prende vita la plastica biodegradabile e biocompatibile di Crafting Plastics Studio

    nio cocktail11 luglio 2018

    Nio, il cocktail in busta che sembra un cd

    Sei in mezzo al mare e vuoi bere un Margarita? Tre giovani imprenditori hanno avuto l’idea di creare un cocktail in busta premiscelato, utilizzabile ovunque

    eco-materiali10 luglio 2018

    Eco-materiali: funghi e canapa per rimpiazzare il polistirolo

    Un team di studenti di ingegneria ambientale e architettura dell’EPFL ha scoperto un modo per far crescere un materiale biodegradabile sfruttando il micelio e i trucioli di legno