• Articolo Bruxelles, 2 ottobre 2019
    • Ecodesign: 10 nuovi standard UE per ridurre le bollette energetiche

    • Bruxelles adotta nuove misure di progettazione ecocompatibile per prodotti come frigoriferi, lavatrici e televisori. Aumenta l’efficienza energetica mentre si introducono i primi requisiti di riparabilità e riciclabilità

    ecodesign

    Credit: @rawpixel.com – Creative Commons CC0

    Le nuove norme sull’ecodesign miglioreranno la “circolarità” dei prodotti

    (Rinnovabili.it) – La Commissione Europea ha adottato ieri dieci regolamenti di attuazione sull’ecodesign. Si tratta di misure concordate a livello comunitario dopo un lungo periodo di consultazione, che permetteranno di alzare l’asticella dell’efficienza di dieci differenti apparecchi elettrici ed elettronici: frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, display elettronici (compresi i televisori), sorgenti luminose, alimentatori esterni, motori elettrici, frigoriferi con funzione di vendita diretta (ad es. i distributori automatici di bevande fredde), trasformatori di potenza, impianti di saldatura. La vera novità, tuttavia, non risiede tanto nel risparmio energetico quanto nelle caratteristiche di “circolarità” che tali beni dovranno avere. Le nuove misure di progettazione ecocompatibile introducono per la prima volta specifici requisiti di riparabilità e riciclabilità che permetteranno di allungare la vita dei prodotti, facilitando manutenzione e riutilizzo.

     

    >>Leggi anche Elettronica: l’impatto climatico dell’obsolescenza programmata<<

     

    “Sia che si tratti di promuovere la riparabilità o di migliorare il consumo di acqua, l’eco-design intelligente ci consente di utilizzare le nostre risorse in modo più efficiente, portando chiari benefici economici e ambientali”, ha spiegato Il vicepresidente della Commissione europea Jyrki Katainen ricordando le stime dell’escutivo in merito ai benefici del pacchetto Progettazione ecocompatibile – Etichetta energetica.Le cifre parlano da sole: queste misure possono far risparmiare alle famiglie europee in media 150 euro all’anno e contribuire a un risparmio energetico pari al consumo annuo della Danimarca entro il 2030”. Questi risparmi, spiega l’esecutivo UE, si aggiungeranno a quelli realizzati dalle misure già in vigore per taglio delle bollette domestiche fino a 285 euro l’anno.

     

    >>Leggi anche Ue, dal 2021 nuove e più chiare etichette energetiche sugli elettrodomestici<<

     

    Non solo. Come spiegato da Monique Goyens, direttore generale dell’Associazione europea dei consumatori “I nuovi requisiti di riparazione aiuteranno a migliorare la durata degli apparecchi di uso quotidiano che attualmente si rompono troppo rapidamente. È cruciale tenere traccia dell’attuale tendenza ‘usa e getta’, che esaurisce le risorse naturali e svuota le tasche dei consumatori”.

    Sulla base dei nuovi regolamenti i pezzi di ricambio dovranno essere disponibili per un lungo periodo dopo l’acquisto, ad esempio:

    • un minimo 7 anni per gli apparecchi di refrigerazione (10 anni per le guarnizioni delle porte);
    • un minimo 10 anni per lavatrici e lavasciuga domestiche;
    • un minimo 10 anni per le lavastoviglie domestiche;

     

    E durante tale periodo, il produttore dovrà assicurare la consegna dei pezzi di ricambio entro 15 giorni lavorativi e la garanzia che le sostituzioni possano essere effettuate con strumenti facilmente reperibili e senza danni all’apparecchio.

     

    È un’ottima notizia – ha proseguito Goyens – che la salute dei cittadini europei sarà protetta meglio, grazie a un minor numero di lampadine tremolanti e alla rimozione di ritardanti di fiamma dannosi negli schermi TV. L’UE ha iniziato con cinque prodotti che la maggior parte dei consumatori possiede a casa e incoraggiamo fortemente i legislatori a renderne riparabili un numero maggiore”.

    I testi dei dieci regolamenti saranno pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea nelle prossime settimane ed entreranno in vigore entro 20 giorni.

    Tutte le News | Ecodesign
    foglia artificiale09 settembre 2019

    Arriva la foglia artificiale che produce farmaci usando la luce solare

    I mini reattori simili a foglie, creati dalla TUE, sono in grado di produrre l’artemisinina antimalarica e l’ascaridolo. La tecnologia è pronta per l’upscaling commerciale.

    terpeni oli essenziali resina bio polimeri06 settembre 2019

    Dall’Inghilterra, i bio polimeri derivati dai terpeni delle piante

    Un gruppo di ricerca dell’Università di Birmingham ha sviluppato un metodo per stampare in 3D bioplastiche a base di terpeni, le molecole profumate presenti negl’oli essenziali di conifere e alberi da frutto.

    pannelli fotovoltaici colorati q.olor05 agosto 2019

    Tecnologia e design made in Italy si fondono in un’esplosione di Q.olor ®

    L’azienda veneziana Invent Srl ha brevettato i primi pannelli fotovoltaici realmente colorati: alta efficienza, resistenza all’usura e una gamma di soluzioni (dai più rispettosi dell’ambiente a quelli più glamour) per integrare il fotovoltaico nell’architettura degl’edifici

    Credit Max Pixel -  CC0 Public Domain02 agosto 2019

    Packaging ecologico e consumo sostenibile, l’accordo Federdistribuzione – ENEA

    L’Agenzia per le nuove tecnologie aiuterà i professionisti della distribuzione a rendere più efficiente il sistema e ridurre l’impatto sull’ambiente.

    stampa 3d legno01 luglio 2019

    Stampa 3D: se legno prendesse il posto della plastica?

    I ricercatori della Chalmers University of Technology, in Svezia, sono riusciti a creare un nuovo inchiostro a base di legno per la produzione additiva

    biopack contenitore uova28 giugno 2019

    Biopack, il contenitore per le uova che si pianta e fa nascere legumi

    Messo a punto dal designer greco George Bosnas, una volta esaurita la sua funzione può essere piantato nel terreno, dove si decompone autonomamente e rilascia i semi di leguminose di cui è composto.

    inquinamento indoor27 giugno 2019

    Biowall, il muro verde contro l’inquinamento indoor

    Alla Purdue Univerity si testa un nuovo sistema di filtraggio “ecologico” per migliorare la qualità dell’aria domestica