• Articolo Cracovia, 10 maggio 2019
    • La panchina anti smog che cambia colore a seconda della qualità dell’aria

    • Ideata e costruita da due minatori polacchi, la panchina è dotata di un filtro che analizza in tempo reale i livelli di inquinanti nell’atmosfera e li comunica tramite dei led luminosi

    panchina smog poloniaOltre a comunicare i livelli di smog, la panchina contiene un purificatore capace di pulire 860 metri cubi d’aria ogni ora

     

    (Rinnovabili.it) – Sedersi all’aperto e sapere in tempo reale se la qualità dell’aria del posto prescelto è buona o cattiva: con questa idea in mente, due minatori polacchi hanno realizzato il primo prototipo di panchina capace di analizzare istantaneamente i livelli d’inquinamento circostanti e di comunicarli in maniera semplice e intuitiva ai suoi utilizzatori.

     

    All’apparenza sembrerebbe una semplice panchina di design, in listelli di legno curvati per seguire la conformazione ergonomica della seduta, ma il dispositivo ideato da Michał Kaczorek e Michał Szyszkowski, due minatori dei dintorni di Cracovia, nasconde un cuore tecnologico: un filtro posto all’interno della panchina rileva i livelli d’inquinanti nell’aria che vengono comunicati all’esterno grazie a dei led luminosi.

     

    Quando la panchina si colora di rosso significa che l’aria nei dintorni è altamente inquinata e non è consigliato sedersi a respirarla; illuminata di giallo indica livelli d’inquinamento ai limiti, per cui una seduta è consentita ma meglio se di breve durata; panchina verde significa aria pulita e la possibilità di trascorrere tutto il tempo che si vuole in pieno relax.

     

    Ma la panchina ideata dai due minatori fa molto di più: sempre al di sotto della seduta è installato un purificatore che può pulire fino a 860 metri cubi d’aria ogni ora, l’equivalente di quella contenuta in una stanza di 80 metri quadri.

     

    >>Leggi anche Riducono l’inquinamento e producono energia rinnovabile: i nanoreattori del Cnr-Iom<<

     

    La prima panchina anti inquinamento atmosferico creata dagl’intraprendenti minatori è stata installata nel Municipio della cittadina in cui vivono, Jastrzębie-Zdrój, ma molte altre potrebbero essere presto installate in diversi luoghi sensibili del territorio polacco come aeroporti, ospedali, uffici e scuole.

     

     

    La Polonia resta uno dei Paesi con la più bassa qualità dell’aria nel vecchio continente: nel 2016, uno studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva rilevato 33 delle 50 città europee più inquinate proprio in Polonia. Colpa di una rete energetica che fa ancora affidamento su tecnologie inquinanti, come quelle basate sulla combustione del carbone che, attualmente, rappresentano l’80% della produzione energetica polacca.

     

    Proprio l’insidiosità dell’inquinamento atmosferico, vissuto sulla propria pelle, ha spinto i due minatori a creare un dispositivo che rendesse visibile con un semplice colpo d’occhio la misurazione della qualità dell’aria.

     

    >>Leggi anche Un murales fatto di smog, il Climate Art Project approda in India<<

    Tutte le News | Ecodesign
    capsule biodegradabili oooh londra30 aprile 2019

    Capsule biodegradabili e commestibili invece di bottiglie in plastica alla maratona di Londra

    La curiosa scena durante la corsa nella capitale inglese: i maratoneti riforniti con piccole bolle ripiene di bevande energetiche prodotte dalla giovane start up Ooho

    solgami11 febbraio 2019

    Solgami, la veneziana solare che produce energia

    Il progetto a firma dello studio Prevalent, è tra i sei finalisti del Lexus Desing Award 2019

    marta antonelli ood italy ligneah29 gennaio 2019

    Legno al posto della pelle: la moda sostenibile di Marta Antonelli e OOD Italy

    Intervista all’ideatrice di Lignea®, un innovativo materiale che unisce riciclo e cura dell’ambiente con eccellenza made in Italy della moda cruenti free.

    rifiuti-di-plastica-print-your-city18 gennaio 2019

    Print Your City, l’arredo urbano dai rifiuti di plastica

    Il progetto, nato dalla collaborazione tra uno studio olandese e Coca Cola, ha portato alla realizzazione di un laboratorio in Grecia che trasforma i rifiuti di plastica in complementi d’arredo stampato in 3D

    bucce di patata10 gennaio 2019

    Biomateriali: Dalle bucce di patata l’alternativa ai pannelli in legno MDF

    Fibre ottenute dai rifiuti e leganti naturali pressati a caldo: nascono così i pannelli biodegradabili Chip [s] Board®

    Design for Recycling09 gennaio 2019

    Design for Recycling, un premio per l’ecodesign

    Lanciato dall’Istituto USA delle industrie del riciclo, il riconoscimento va a chi progetta un prodotto pensando fin dall’inizio a come dovrà essere riciclato

    scarpe-ecologiche-nat-221 novembre 2018

    Scarpe ecologiche: ecco le sneakers a base di caffè riciclato

    Quelle ideate da nat-2 sono scarpe ecologiche unisex realizzate dagli scarti del caffè, con cui l’azienda punta a ridurre l’inquinamento e lo spreco globale che caratterizza il settore della moda