• Articolo Roma, 11 luglio 2018
    • Nio, il cocktail in busta che sembra un cd

    • Sei in mezzo al mare e vuoi bere un Margarita? Tre giovani imprenditori hanno avuto l’idea di creare un cocktail in busta premiscelato, utilizzabile ovunque

    nio cocktail

     

     

    Tre giovani imprenditori, Alessandro Palmarin, Massimo Palmieri e Luca Quagliano, hanno deciso di lanciarsi insieme nell’avventura imprenditoriale di NIO – Needs Ice Only. Li abbiamo conosciuti a Milano a Seeds&Chips e nel loro stand ci ha subito incuriosito il loro packaging accattivante: in confezioni che sembrano CD sono contenute miscele di cocktail. Per saperne di più, abbiamo intervistato il cofondatore Alessandro Palmarin.

     

    Com’è nata questa idea?

    Dopo una cena tra amici, ci siamo chiesti perché si dovesse finire per forza con un amaro, un limoncello o qualcosa di molto basico. A noi piace moltissimo la cultura del cocktail; c’è una “cocktail generation” che cerca cocktail più sofisticati, motivo per cui stanno nascendo i jeans bar e i cocktail bar un po’ dappertutto. Finora, se volevi un cocktail dopo cena, l’unica soluzione era prepararlo da sé in casa (l’1% della popolazione sa farsi un cocktail) o affidarsi a qualcosa di molto semplice, come un gin tonic (ovvero aggiungere acqua tonica al gin secondo il gusto). Oppure si deve prendere la macchina e andare in un buon cocktail bar. Da qui è nata l’idea di NIO, e ci siamo domandati se ci fosse uno spazio di mercato per un cocktail premiscelato: il che significa che non devo avere né competenze né ingredienti, basta aggiungere ghiaccio e il gioco è fatto.

     

    Qual è il tasso alcolico?

    Quello di un cocktail normale, perché quella è scienza. Patrick Pistolesi, uno dei più famosi bartender a livello internazionale, è il nostro mixologist: un amico che fa parte della nostra società. Patrick seleziona la mixology e gli ingredienti, e noi non facciamo altro che comporli a livello matematico replicandoli per tutto il quantitativo dei nostri cocktail. Questo vuol dire che se tu prendi uno dei nostri Negroni, gli altri centomila Negroni NIO sono uguali.

     

    Se in cocktail ad esempio c’è il whisky, dichiarate la marca o scrivete semplicemente whisky?

    All’inizio non dichiaravamo la marca perché non avevamo gli accordi con i producer. Abbiamo preferito prima fare la distribuzione e poi tornare da loro con dei numeri, per far sì che ci dessero l’ok. Tutto nasce dal fatto che un cocktail è fatto da due cose: una ricetta molto buona ed equilibrata e ottime materie prime. Non può esistere una cosa senza l’altra, una buona e una pessima, perché il risultato sarebbe sempre pessimo; devono essere tutti e due ottimi. Come ho detto, le nostre ricette le fa Patrick Pistolesi, che è già una garanzia di qualità. Inoltre dovevamo avere la sicurezza che le materie prime che miscelavamo fossero le migliori possibili nel price point che ci eravamo dati: sarebbe troppo facile usare i prodotti migliori disponibili sul mercato a qualsiasi prezzo, perché poi viene fuori un prodotto con un prezzo inaccessibile.

     

    Il prezzo è equivalente a quello di un qualsiasi locale?

    Il nostro prezzo è molto minore di quello di un cocktail bar: il prodotto che esce sul nostro sito internet costa al massimo a 4,90 euro a cocktail. Un cocktail parte da 6-7 euro nel peggiore cocktail bar della città, e raggiunge i 15-20 euro nei migliori locali. C’è un altro elemento importante oltre alla qualità, che è la “teatralità”, cioè l’aspetto del locale e la gestualità del bartender, ma quello è un accessorio.

     

    Chi fa questo tipo di acquisto vuole bere a casa con gli amici, seduto tranquillamente sul divano, senza chiasso: è un atteggiamento mentale diverso.

    Infatti è fondamentale sottolineare che noi non vogliamo sostituirci a niente, cioè non vogliamo sostituirci al barman, alle persone che sanno fare i cocktail, o che hanno la passione per farlo. Il nostro prodotto si vuole inserire in tutte le occasioni in cui non è possibile o è troppo costoso avere un barman: sono a casa, sono in giardino, sono in barca, ma voglio comunque quell’esperienza. Se il barman ha la teatralità, noi abbiamo il packaging: ci siamo ispirati moltissimo al CD, uno strumento in disuso associato a un periodo che è stato molto importante per tutti noi – gli anni Settanta-Novanta – in cui è nata la cultura del cocktail. Nelle nostre case siamo abitutati a tenere i CD in fila uno dopo l’altro e i nostri cocktail entrano perfettamente nei porta CD.

     

    È stata una buona idea non aver scimmiottato una bottiglia, questa confezione è talmente di rottura che si fa notare per forza.

    Infatti la curiosità è tanta. In genere la prima cosa che ci chiedono è se si tratta di un prodotto liofilizzato. Invece è totalmente liquido. Vedendolo così uno immagina che dentro ci sia chissà cosa, additivi chimici o altro. Invece non è così, il nostro prodotto non ha scadenza perché è solo un mixing di spirits. A volte giochiamo proprio sulla curiosità della gente per avere l’opportunità di spiegare di cosa si tratta, e a quel punto la gente s’innamora. Infatti piace alla gente comune, che l’acquista sul nostro sito internet per gustarsi un cocktail a casa, ma il 90% del nostro fatturato è fatto dal business to business: attività commerciali che non hanno o non possono offrire dei cocktail ai loro clienti perché non possono permettersi un barman, o perché il loro barman è bravo ma non troppo, quindi sa fare le cose basiche ma non quelle elaborate. In questo gruppo rientrano anche i ristoranti, e nessun ristorante può permettersi un barman. Con NIO puoi disporre di una cocktail list anche senza un barman e dare ai tuoi clienti l’opportunità di gustare un ottimo cocktail invece del solito amaro o limoncello.

     

    Il cocktail va bene anche a fine pasto?

    Il cocktail va bene sia come aperitivo che durante o a fine pasto, ormai si è sviluppata una vera e propria cultura nell’accostare i cocktail con il cibo. Si tratta comunque di un superalcolico, quindi bisogna avere uno stomaco preparato, pieno: i cocktail vanno dai 15 ai 25 gradi, non sono così leggeri, ed è preferibile aver prima mangiato qualcosa. Ultimamente si sta sviluppando il concetto di affinamento del cocktail. I nostri prodotti sono già mixati, è molto diverso dal prendere gli ingredienti, metterli insieme e servirli: significa che gli ingredienti del nostro cocktail maturano insieme da quando vengono prodotti a quando vengono serviti. Questo procedimento è simile all’affinamento del vino: più passa il tempo più gli ingredienti si amalgamano, diventano rotondi, cominciano a coesistere tra loro come dei bravi amici che più si frequentano più vanno d’accordo.

     

    È possibile personalizzare le confezioni?

    Certamente. NIO – Needs Ice Only può personalizzare su richiesta le confezioni per hotel (dove diventano l’evoluzione del frigobar), ristoranti, compagnie aeree, navi, catering, agenzie di eventi, wedding planner: in questo modo, le confezioni diventano anche uno strumento di marketing. Lo stesso se si desidera fare un regalo, sia individuale che aziendale. Questo packaging, inoltre, è estremamente pratico e leggero da trasportare: la parte esterna è in carta patinata, la parte liquida è inserita in uno speciale contenitore di polietilene certificato per conservare il cocktail inalterato nel tempo. Dopo l’uso, i due contenitori possono essere separati e smaltiti nel rispetto dell’ambiente.

     

    Tutte le News | Ecodesign
    eco-materiali10 luglio 2018

    Eco-materiali: funghi e canapa per rimpiazzare il polistirolo

    Un team di studenti di ingegneria ambientale e architettura dell’EPFL ha scoperto un modo per far crescere un materiale biodegradabile sfruttando il micelio e i trucioli di legno

    spilla riccio WWF21 giugno 2018

    I dischetti di plastica inquinanti trasformati in arte

    Avevano invaso il litorale tirrenico: oggi grazie alla raccolta e al riciclo sono stati trasformati in spille la cui vendita supporterà i progetti di conservazione delle Oasi WWF della Maremma

    alternative alla plastica05 giugno 2018

    Le alternative alla plastica: ecco i materiali che premiano l’ecologia

    Ripensare la filera della plastica aprendo le porte a materie prime vegetali e prodotti completamente biodegradabili. Ecco come l’innovazione si è fatta strada nel mercato dei polimeri

    rifiuti trasformati31 maggio 2018

    The House of Trash: dove i rifiuti trasformati diventano arredamento

    La sfida è stata lanciata da Miniwiz: creare un nuovo laboratorio di idee dove ogni singolo elemento dell’arredamento è nato dal riciclo

    Agriparco Milano29 maggio 2018

    A Milano arriva l’agriparco urbano

    Dal 3 giugno per tutto il periodo estivo il cortile della Fabbrica del Vapore ospiterà “Riabita Agriparchiurbani”, il progetto ideato e allestito dallo studio Grassi Design

    bottiglia in carta riciclata04 maggio 2018

    Una bottiglia in carta riciclata per salvare gli oceani dalla plastica

    Si chiama Choose ed è l’originale invenzione dello scozzese James Longcroft. Può essere riciclata ma è anche in grado di decomporsi nel giro di tre settimane.

    lana di legno03 maggio 2018

    Isolare con la lana di legno diventa pop

    Form US With Love gioca con la geometria e i colori per trasformare i pannelli fonoassorbenti in murales ecologici