• Articolo Stoccolma, 1 luglio 2019
    • Stampa 3D: se legno prendesse il posto della plastica?

    • I ricercatori della Chalmers University of Technology, in Svezia, sono riusciti a creare un nuovo inchiostro a base di legno per la produzione additiva

    stampa 3d legno

     

    Materiale rinnovabiledesign strutturale stampa 3D combinati assieme

    (Rinnovabili.it) – Il legno ha la possibilità di sostituire materiali fossili e altri composti non sostenibili nei prodotti di uso quotidiano, grazie a proprietà uniche in termini di porosità, tenacità e forza di torsione. Tuttavia ha anche dei grandi limiti quando si tratta di elaborazione. A differenza dei metalli e della plastica, non può essere fuso e facilmente rimodellato, ma deve essere segato, piallato o incurvato. Gli attuali processi di trasformazione (ad esempio quelli di fabbricazione della carta) ne distruggono l’ultrastruttura o architettura cellulare, limitando dunque le applicazioni finali. A dare una nuova chance tecnologica al legno sono oggi i ricercatori della Chalmers University of Technology, in Svezia. In un articolo pubblicato su Science Direct (testo in inglese), il team spiega d’aver creato una piattaforma di stampa 3D che riproduce la biogenesi del legno per l’assemblaggio di biopolimeri cellulosici in compositi simili al materiale naturale.

     

    >>Leggi anche L’evoluzione del legno trasparente: ora è in grado di stoccare il calore<<

     

    In realtà gli scienziati svedesi avevano già prodotto alcuni anni fa un gel nanocellulosico ottenuto dalla polpa di legno che si prestava ad essere impiegato nella produzione addittiva al posto dei polimeri plastici. I prodotti finali, tuttavia, non mostravano  quella porosità e resistenza propria invece del legno naturale.

    Il passo in avanti è stato compiuto grazie all’aggiunta di un nuovo ingrediente alla ricetta: l’emicellulosa, un polisaccaride strettamente associato alla cellulosa nelle fibre vegetali. Ciò ha permesso di aumentare la forza del gel, agendo come sorta di una colla. Inoltre, il gruppo ha digitalizzato il codice genetico del legno naturale, usando questa informazione orientare linguaggio di programmazione che controlla il modo in cui la stampante 3D assembla il materiale. Come risultato, sono stati in grado di controllare con precisione la disposizione delle nanofibre durante il processo di stampa, creando oggetti semplici che non fossero solo costituiti da fibre lignee ma che avessero anche la reale ultrastruttura del legno naturale.

     

    “Ciò rappresenta un passo avanti nella tecnologia di produzione”, spiega il prof. Paul Gatenholm, scienziato capo del progetto. “Ci consente di andare oltre i limiti della natura, creando nuovi prodotti sostenibili e ecologici: significa che quei prodotti che oggi già provengono dal legno, domani potranno essere stampati in 3D, in un tempo molto più breve”.

     

    >>Leggi anche Un nuovo ibrido legno metallo rivoluziona i materiali da costruzione<<

    Tutte le News | Ecodesign
    biopack contenitore uova28 giugno 2019

    Biopack, il contenitore per le uova che si pianta e fa nascere legumi

    Messo a punto dal designer greco George Bosnas, una volta esaurita la sua funzione può essere piantato nel terreno, dove si decompone autonomamente e rilascia i semi di leguminose di cui è composto.

    inquinamento indoor27 giugno 2019

    Biowall, il muro verde contro l’inquinamento indoor

    Alla Purdue Univerity si testa un nuovo sistema di filtraggio “ecologico” per migliorare la qualità dell’aria domestica

    panchina smog polonia10 maggio 2019

    La panchina anti smog che cambia colore a seconda della qualità dell’aria

    Ideata e costruita da due minatori polacchi, la panchina è dotata di un filtro che analizza in tempo reale i livelli di inquinanti nell’atmosfera e li comunica tramite dei led luminosi

    capsule biodegradabili oooh londra30 aprile 2019

    Capsule biodegradabili e commestibili invece di bottiglie in plastica alla maratona di Londra

    La curiosa scena durante la corsa nella capitale inglese: i maratoneti riforniti con piccole bolle ripiene di bevande energetiche prodotte dalla giovane start up Ooho

    solgami11 febbraio 2019

    Solgami, la veneziana solare che produce energia

    Il progetto a firma dello studio Prevalent, è tra i sei finalisti del Lexus Desing Award 2019

    marta antonelli ood italy ligneah29 gennaio 2019

    Legno al posto della pelle: la moda sostenibile di Marta Antonelli e OOD Italy

    Intervista all’ideatrice di Lignea®, un innovativo materiale che unisce riciclo e cura dell’ambiente con eccellenza made in Italy della moda cruenti free.

    rifiuti-di-plastica-print-your-city18 gennaio 2019

    Print Your City, l’arredo urbano dai rifiuti di plastica

    Il progetto, nato dalla collaborazione tra uno studio olandese e Coca Cola, ha portato alla realizzazione di un laboratorio in Grecia che trasforma i rifiuti di plastica in complementi d’arredo stampato in 3D