L’apicoltura tecnologica di 3Bee

3Bee è un’azienda agritech che aiuta gli apicoltori e si impegna a preservare il benessere delle api con un mix di IoT, intelligenza artificiale e machine learning

3bee
Credits: 3Bee

di Isabella Ceccarini

(Rinnovabili.it) – Le api, sentinelle del benessere ambientale, sono indispensabili per la vita della Terra e la conservazione della biodiversità e dell’ecosistema. Le api soffrono il cambiamento climatico, sono vittime dei pesticidi, dei predatori alieni, di malattie e della perdita dei loro habitat naturali. 3Bee è un’azienda agritech nata per aiutare gli apicoltori e per preservare il benessere delle api. Un mix di IoT, intelligenza artificiale e machine learning nato dall’idea di Niccolò Calandri, fondatore e CEO di 3 Bee e Riccardo Balzaretti, fondatore e CTO. Questa piattaforma interattiva, nata come startup nel 2016, oggi vende il suo sistema anche all’estero ed è utilizzata da più di diecimila apicoltori.

La tecnologia di 3Bee, grazie a sensori che controllano anche umidità e temperatura degli alveari con una app per smartphone, gli apicoltori possono monitorare costantemente anche a distanza lo stato degli alveari e quindi la salute delle api. In questo modo l’apicoltore può prevenire i problemi, le eventuali malattie e intervenire tempestivamente, aumentando di conseguenze la produzione. 

Leggi anche Contro il declino degli impollinatori, infrastrutture verdi bio-ispirate

3Bee fornisce la bilancia per arnie che include il processore e il pannello solare per la ricarica, la Sim collegata e il GPS integrato. La batteria, impermeabile, dura tre mesi. Il sistema è facile da installare e rileva i dati giornalmente: inizio e fine della produzione, sciamatura, controllo del peso e della covata. Inoltre, il sistema invia notifiche in caso di spostamenti o ribaltamenti. Infine, sulla piattaforma “Adotta un alveare” l’apicoltore può mettere in vendita il suo miele al giusto prezzo.

I produttori di 3Bee seguono un protocollo rigido che garantisce la provenienza del miele e vieta l’uso di sostanze chimiche illegali, antibiotici, adulteranti, blending con altri mieli. Chi adotta un alveare, sceglie un apicoltore, segue attraverso l’app tutte le fasi della produzione e poi può scegliere il gusto di miele che preferisce ricevere: dai mieli più comuni come millefiori e castagno, a quelli rari come corbezzolo, lavanda, cardo, coriandolo, trifoglio, asfodelo. 

Anche le aziende possono sviluppare progetti di Corporate Social Responsibility ad altissimo impatto sociale e ambientale coinvolgendo sia i dipendenti che i clienti in azioni concretamente green aderendo al progetto di 3Bee, come hanno fatto Ferrero (finanziamento di un progetto di ricerca ad alto contenuto di innovazione tecnologica), Actimel (uso di miele 100% italiano e campagna per la coltivazione dei fiori preferiti dalle api), Sobi-Italia (supporto concreto a tre apicoltori italiani).

Leggi anche Beeopak, l’involucro per alimenti riciclabile e in cera d’api

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui