Sistemi alimentari e nuove sfide, ri-progettiamo il futuro del cibo

Il 1° dicembre, Fondazione Barilla e Food Tank porteranno al centro di un dibattito internazionale on-line soluzioni concrete per ripensare i nostri sistemi alimentari dal campo alla tavola

sistemi alimentari
Foto di Engin Akyurt da Pixabay

(Rinnovabili.it) – Barilla Center for Food & Nutrition e Food Tank ospiteranno il 1° dicembre l’evento “Resetting the Food System from Farm to Fork” in vista del Summit sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite 2021.

Le nostre scelte alimentari sono importanti: l’agricoltura, e i sistemi alimentari nel loro insieme, sono responsabili di una importante quota di emissioni di gas serra e di conseguenza hanno un impatto sul clima e sulla biodiversità. Quindi riguardano la salute umana e la salute del Pianeta.

Leggi anche “AgriCULTURA e diritto al cibo” e Terra Madre, reti per il futuro

A questo quadro dobbiamo aggiungere gli ulteriori problemi creati dalla pandemia di Covid-19, che sta aggravando situazioni di povertà e di denutrizione: già oggi, nel mondo ci sono due miliardi di persone denutrite, ma secondo le prime stime la pandemia potrebbe aggiungervi altri 130 milioni di persone. Nei prossimi venti anni anni dovranno essere sfamati dieci miliardi di persone. Nei paesi più poveri, all’emergenza Covid si aggiungono i conflitti, le carestie, le siccità e quest’anno anche l’invasione di cavallette in Africa orientale.

Non c’è tempo da perdere, è urgente riprogettare i sistemi alimentari. 

L’obiettivo di Barilla Center for Food & Nutrition e Food Tank è portare il tema all’attenzione del mondo attraverso “Resetting the Food System from Farm to Fork” per creare un dibattito internazionale tra i vari attori (agricoltori, imprese, chef) utile a ripensare i nostri sistemi alimentari dal campo alla tavola, ragionando in termini di innovazione, di tecnologia e di prevenzione

Il ruolo delle donne in agricoltura è fondamentale: secondo i dati della FAO, il 43% della forza lavoro agricola nei paesi in via di sviluppo è costituita da donne. Sono quelle che sopportano il carico di lavoro maggiore ma, insieme ai bambini, sono le prime vittime della fame. Per cambiare questi numeri occorre coinvolgerle nelle scelte, devono avere una formazione che le aiuti nelle scelte delle coltivazioni, devono conoscere le sementi e i fertilizzanti più adatti, devono imparare tecniche di coltivazioni utili a risparmiare acqua.

Leggi anche UE, cibo: presentata la nuova strategia Farm to Fork

Barilla Center for Food & Nutrition e Food Tank ritengono che da questa crisi mondiale generata dal Covid-19 ci sia un’opportunità che possiamo cogliere: imparare ad abbattere gli sprechi e individuare sistemi agroalimentari più resilienti e sostenibili ma anche più sani per il benessere dell’uomo e per la salvezza del Pianeta. 

“Resetting the Food System from Farm to Fork” ci offre l’occasione per parlarne tutti insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui