Domani è il giorno della verità per i nuovi OGM

L’attesissima sentenza della Corte di Giustizia Europea può cambiare l’approccio del nostro continente alle biotecnologie, aprendo la porta ai nuovi OGM

nuovi ogm

 

Sui nuovi OGM può finire il principio di precauzione

 

(Rinnovabili.it)  – Quella di domani sarà una sentenza cruciale, in ogni caso. La Corte di Giustizia Europea è chiamata a dare una risposta al ricorso del Consiglio di Stato francese sui nuovi OGM, fornendo una lettura chiara della normativa comunitaria sulla modificazione genetica. A partire da questa sentenza, l’Unione Europea dovrà adottare nel 2018 un provvedimento che includa o escluda le nuove tecniche di manipolazione dalla direttiva 2001/18.

Si tratta di un passaggio potenzialmente senza ritorno: se le cosiddette New Breeding Techniques (NBT) usciranno dal campo di applicazione della legge, i loro prodotti saranno venduti nel mercato europeo senza etichette, senza tracciabilità e senza le valutazioni del rischio riservate agli OGM. Se lo meritano? molti esperti credono di sì, perché sarebbero in grado di modificare il genoma in maniera più prevedibile e precisa rispetto alle tecniche di transgenesi classica. Inoltre, promettono di non fare più il temuto salto di specie, che comportava l’inserimento di geni animali in cellule vegetali. Le NBT mixeranno soltanto specie affini, per renderle più resistenti ai patogeni e alla siccità, più produttive o più durevoli. Inoltre, i geni esogeni inseriti negli organismi bersaglio verranno estromessi nella sua “versione finale”.

 

>> Leggi anche: Cosa sono i nuovi OGM e perché destano preoccupazioni <<

 

Al di là di queste prospettive, condivise con entusiasmo anche dal governo italiano, rimangono tuttavia molti punti nuovi ogmnon chiariti. I potenziali effetti indesiderati causati dalle centinaia di mutazioni off-target denunciate da diversi ricercatori restano un punto interrogativo non da poco. E dimostrano che la maggior precisione delle nuove biotecnologie non è poi così reale. La realtà è che non esiste un metodo scientifico che oggi sia in grado di prevedere i rischi ambientali o sanitari delle New Breeding Techniques, e la scienza è ben lontana dal poter vantare certezze su una loro sicurezza. Lo hanno scritto 60 scienziati europei di fama internazionale in un appello pubblicato di recente, che chiede di regolamentare tutti i nuovi processi e prodotti biotecnologici in maniera rigorosa. In caso contrario, sostengono, l’Unione Europea si appresta a smantellare il principio di precauzione, riversando l’onere della prova sui cittadini e i consumatori, come già avviene in Nordamerica. Un’apertura già avviata dai grandi accordi commerciali con Stati Uniti (TTIP) e Canada (CETA). Un’apertura che le grandi multinazionali del biotech, finora tenute fuori dalla porta, non vedono l’ora di sfruttare.

Articolo precedenteAziende, ecco 6 modi per diventare protagonisti dell’economia circolare
Articolo successivoTesla ha completato per metà la batteria più grande al mondo

3 Commenti

  1. Buonasera, non sono d’accordo con la vostra analisi finale.
    La maggioranza della Comunita’ scientifica ha chiaramente detto che i prodotti delle NBTs sono potenzialmente indistinguibili dalle mutazioni che avvengono in natura, senza lasciare transgeni (ossia, geni di altre specie) ma inserendo mutazioni che possono tranquillamente avvenire spontaneamente.

    Riguardo la seguente frase:

    “I potenziali effetti indesiderati causati dalle centinaia di mutazioni off-target denunciate da diversi ricercatori restano un punto interrogativo non da poco. ”

    i cosiddetti off-target sono comunque di gran lunga inferiori rispetto al quantitativo di off-target causati dalla mutagenesi tradizionale consentita dall’attuale Direttiva Europea 2001/18/EC.
    I nostri prodotti agricoli sono il risultato anche della mutagenesi convenzionale che e’ estremamente piu’ sporca rispetto alle NBTs, eppure tali prodotti vengono accettati.
    Infine, possono essere selezionati i prodotti con un minor numero di off-target proprio grazie al sequenziamento genico, sempre piu’ veloce ed economico.

    Spero vivamente che i prodotti delle NBTs non vengano inserite nell’edificio legislativo attuale (Direttiva 2001/18/EC) in modo da consentire anche alle aziende piu’ piccole di investire in ricerca ed innovazione.

    Cordiali saluti,

    Riccardo Siligato

  2. Gentile Riccardo,
    grazie per il suo commento.
    Le segnaliamo il position paper (linkato nell’articolo) dell’ENSSER che solleva però dubbi sostanziali su queste tecnologie. In particolare, la possibile presenza di mutazioni non detectabili in laboratorio perché potenzialmente avvenute in punti del genoma non ancora sequenziati.
    In ogni caso, la definizione di organismo geneticamente modificato contenuta nella direttiva 2001/18 è difficilmente aggirabile da queste nuove tecniche: occorrerebbe una forzatura, che dinanzi a dubbi ancora non sciolti è forse presto per fare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui