Clima: il 2013 nella top ten degli anni più caldi

Con temperature medie di 0,48 gradi superiori rispetto alla media del periodo 1961-1990, i primi sette mesi del 2013 sono il settimo periodo più caldo da quando sono iniziate le rilevazioni, nel 1850

Clima: il 2013 nella top ten degli anni più caldi(Rinnovabili.it) – Il 2013 è tra i primi dieci anni più caldi della storia moderna. A sostenerlo è l’Organizzazione delle Nazioni Unite meteorologica mondiale (OMM) lanciando un nuovo allarme: lo scioglimento delle calotte di ghiaccio e dei ghiacciai hanno contribuito a far raggiungere all’innalzamento del livello del mare un nuovo record. “Finora le temperature 2013 sono state più o meno come la media del periodo 2001-2010, il decennio più caldo mai registrato”, ha spiegato il segretario generale dell’OMM Michel Jarraud. “Tutti gli anni più caldi si sono registrati dal 1998 e il trend non accenna a fermarsi”. La Dichiarazione annuale provvisoria sullo stato del clima globale 2013 – presentata oggi ai negoziatori alla conferenza di Varsavia – fornisce una panoramica delle temperature regionali e nazionali, comprendendo anche informazioni sulle precipitazioni, inondazioni, siccità, cicloni tropicali, copertura del ghiaccio e del livello del mare.

 

“Le concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica e di altri gas a effetto serra hanno raggiunto nuovi massimi nel 2012, e ci aspettiamo che tocchino livelli senza precedenti, ancora una volta nel 2013. Questo significa che ci stiamo avviando verso un futuro più caldo”, ha aggiunto Jarraud. I livelli globali dei mari hanno toccato un nuovo record nel marzo scorso, riferisce il rapporto, ricordando che l’attuale tasso di innalzamento di 3,2 millimetri all’anno segna un trend doppio rispetto a quello del secolo scorso che era di 1,6 millimetri. Nelle Filippine, appena devastate dal passaggio di Haiyan, il tasso di innalzamento annuale del livello dei mari è stato di 12 millimetri, quattro volte superiore alla media globale.