Le promesse mancate del fracking

Uno studio analizza 3 Stati americani sui bacini di shale Marcellus e Utica. Tra 2008 e 2019 non c’è stato l’atteso incremento di posti di lavoro e impennata del reddito

Fracking: fa davvero bene all’economia USA?
Foto di Anita starzycka da Pixabay

Negli anni del boom, il fracking non ha portato benefici economici evidenti per la popolazione

(Rinnovabili.it) – Porterà posti di lavoro e l’economia tornerà forte. Farà bene a tutti perché innescherà un aumento dei salari. Con questi argomenti l’industria del fracking americano ha rassicurato e convinto la popolazione. Così si diceva all’alba del boom dello shale, attorno al 2010. Ma niente di tutto ciò si è avverato.

Lo denuncia un rapporto dell’Ohio River Valley Institute. Non è uno studio a livello nazionale ma uno spaccato di cos’è successo in 3 paesi chiave del fracking: Ohio, Pennsylvania e West Virginia. Su questi territori vengono estratti i gas di scisto con la tecnica della fratturazione idraulica dai bacini Marcellus e Utica. Il dossier si concentra sulle contee dove viene prodotto più del 90% dello shale di questi 3 Stati.

Leggi anche Il fracking fa aumentare i livelli di radiazione in superficie

I risultati sono abbastanza impietosi. La crescita dei posti di lavoro c’è stata,in quelle contee. Ma solo dell’1,7%, mentre i dati relativi ai 3 Stati nel complesso parlano di un +10% tondo. Un dato che viene trainato dalla performance del West Virginia (dove però il reddito pro capite è rimasto la metà di quello nazionale), mentre le contee dell’Ohio fanno registrare addirittura un -8,4% per i posti di lavoro e un -3% nella popolazione residente. Tutti dati che si riferiscono al periodo 2008-2019, quindi partono dalla crisi finanziaria, attraversano la veloce ripresa americana, e si fermano appena prima del nuovo tonfo causato dalla pandemia nel 2020.

Secondo Sean O’Leary, l’autore principale del dossier, “ciò che è veramente inquietante è che questi risultati deludenti si sono verificati in un momento in cui l’industria del gas naturale della regione operava a pieno regime. Quindi è difficile immaginare uno scenario in cui i risultati sarebbero migliori”. Lo studio non tiene conto di fattori diversi da quelli direttamente legati all’economia, come l’impatto del fracking sulle falde acquifere e sul loro inquinamento, o la maggior incidenza di terremoti in corrispondenza delle aree dove vengono praticate le operazioni di fratturazione idraulica.

Leggi anche La guerra preventiva dell’industria del fracking contro Biden

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui