Cina: ecco il progetto ecosostenibile della Tianfu Vanke City

Firmato Sasaki, il progetto di bioedilizia per la Tianfu Vanke City coniuga il carattere metropolitano della città cinese con gli scenari ed il contesto naturalistico in cui essa si trova immersa

Tianfu Vanke City
Credit: Sasaki

Tianfu Vanke City: un parco che abbraccia la città cinese di Chengdu per preservare e proteggere natura e specie autoctone

(Rinnovabili.it) – Circondata da maestose montagne a ovest e dolci colline a est, la pianura di Chengdu – in cinese “zona paradisiaca” – è stata fin dall’antichità culla di numerosi insediamenti agricoli.
Nella regione sorge l’omonima città di Chengdu, al 2010 quarto centro più popoloso del Paese con oltre 14 milioni di residenti. Da sfondo remoto, le montagne sono presto diventate parte integrante della città che, negli anni, s’è resa protagonista di un’incredibile espansione, fino a diventare uno dei più importanti centri economici dell’intera Cina.
Oggi, l’ambizioso ed avanguardistico progetto Tianfu Vanke City mira alla creazione di una nuova comunità urbana in grado di unire il carattere metropolitano della città con gli scenari ed il contesto naturalistico in cui essa si trova immersa.

Firmato dalla società californiana Sasaki Associates e sviluppato secondo un approccio olistico che mira al ripristino del paesaggio, il progetto della Tianfu Vanke City – nel quale rientrano anche edifici green con giardini pensili destinati alle aziende hi-tech e agli uffici – intende preservare e reintrodurre specie autoctone, con una particolare attenzione per l’ecosistema acquatico. L’intento è quello di coniugare tra loro i diversi servizi offerti a residenti, lavoratori e visitatori attraverso una vasta gamma di attività all’aperto.

Leggi anche: “Bosco verticale: le città sul fronte della lotta al climate change”

L’impresa è tutt’altro che semplice: a differenza del terreno relativamente pianeggiante su cui sorge la città di Chengdu, la Tianfu Vanke City è circondata infatti da montagne e bacini idrici. Il ché, com’è facile intuire, ha posto ai progettisti numerosi problemi. Il team s’è pertanto avvalso di apposite mappature GIS (Geographic Information System) utili ad analizzare le caratteristiche topografiche del sito, in base alle quali sono state progettate le strade, i sistemi idrici e le strutture dedicate alle diverse attività. 

L’intera zona di circa 173 ettari è stata divisa in due quartieri – la North Valley e la South Valley – tra loro divisi dai bacini sottomarini che alimentano i due laghi posizionati alla foce delle rispettive valli ma interconnessi da strade e ponti. In base al progetto, l’intero sito sarà successivamente integrato con un sistema di sentieri – percorribili a piedi o in mountain bike – con aree di campeggio e perfino un parco avventura con animali. In tutto il parco, le lunghe vedute senza ostacoli sono completate da elementi paesaggistici unici per stile e linguaggio architettonico: passeggiando nella Tianfu Vanke City, residenti e visitatori attraversano boschetti di bambù seguendo i sentieri in pietra che portano al lago, sul cui sfondo si stagliano le bellissime montagne Longquan. 

La prima porzione della Tianfu Vanke City – circa 13,5 ettari – è stata completata nell’ottobre 2019 e suddivisa in tre zone all’interno delle quali sono presenti diverse attrazioni dedicate ai bambini ed appositamente studiate per far sperimentare loro il contatto con la natura. La zona più “in” è quella dell‘Hill Adventure Park, nella quale sorge The Cloud, una struttura di gioco con corde per arrampicata da 25 metri di altezza. Il parco della Tianfu Vanke City include anche il Water Adventure Park con una piscina per bambini e il Field Adventure Park, nel quale sorge un “Labirinto” di passerelle, prati e sentieri di pietra. 

Leggi anche: “A Dhaka un campus sostenibile ispirato alle foreste di mangrovie”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui