Dal MIT 480mln per trasporto e logistica sostenibile del Sud Italia

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i quattro bandi ministeriali dedicati rispettivamente a : digitalizzazione della logistica, recupero del lungomare adiacente ai porti, accessibilità turistica e scali navali “verdi”

logistica
Di Evmeos – Opera propria, CC BY-SA 3.0,

L’efficienza logistica integrata è uno dei tre target fondamentali del PAC 2014/2020

(Rinnovabili.it) – Logistica sostenibile, accessibilità e tutela ambientale. Questi gli obiettivi a cui mira il nuovo pacchetto di bandi del Ministero dei Trasporti e delle infrastrutture. I rispettivi avvisi di manifestazione d’interesse sono stati pubblicati ieri sulla Gazzetta Ufficiale, sbloccando di fatto i 480 milioni di euro stanziati per l’operazione. Nel dettaglio si tratta di quattro bandi differenti, dedicati allo sviluppo di sistemi di trasporto sostenibile nel Sud Italia.

A beneficiarne saranno cinque regioni: la Basilicata, la Calabria, la Campania, la Puglia e la Sicilia. Questi territori sono, infatti, i destinatari del Programma di Azione e Coesione complementare al PON Infrastrutture e Reti 2014-2020, creato per migliorare la mobilità delle merci e collegare i territori all’Europa.

Di cosa trattano i bandi nel dettaglio? A rispondere è lo stesso Dicastero in una breve nota stampa. “Le ipotesi progettuali dovranno essere presentate da soggetti pubblici che operano in questi territori e che potranno rispondere con proposte in materia di digitalizzazione della logistica, recupero waterfront, accessibilità turistica e Green Ports”.

Leggi anche Trasporti ed energia 2020, i pronostici di BloombergNEF

I quattro bandi del MIT

DIGITALIZZAZIONE DELLA LOGISTICA – Nel primo caso i progetti dovranno mirare al miglioramento della competitività del settore portuale e logistico, cos’ come ad una migliora efficienza e sicurezza del traffico merci. Le proposte potranno anche riguardare una migliore interoperabilità dei sistemi informativi esistenti e dell’interconnessione dei nodi d’interscambio modale.

RECUPERO WATERFONT – Con l’etichetta “Recupero Waterfront” si intendono invece tutte quelle azioni destinate all’ampliamento e la riqualificazione degli approdi dei moli e dei Terminal Crociere, così come delle aree limitrofe,  migliorando anche la connessione materiale tra i centri urbani e le aree portuali.

ACCESSIBILTA’ TURISTICA – I progetti destinati all’accessibilità turistica dovranno avere come obiettivo il potenziamento e la riqualificazione della dotazione materiale e immateriale trasportistica; allo stesso tempo il bando contempla anche il miglioramento e la sostenibilità̀ della mobilità interna ed esterna alle aree di attrazione.

PORTI VERDI – Via libera invece a Interventi di risparmio ed efficientamento energetico per l’asse Green Ports. Nel bando è contemplata anche la produzione di energia da fonti rinnovabili, la mobilità sostenibile e il monitoraggio ambientale.

“Logistica integrata e sostenibilità ambientale sono le macrofinalità che il PAC 2014\2020 intende perseguire con queste quattro manifestazioni di interesse”, sottolinea il Ministero. “Un vero e proprio volano per superare le strozzature nelle principali infrastrutture di rete e rilanciare le economie dei territori in un momento di profonda difficoltà per il Paese. I termini indicati nel bando saranno applicati nel rispetto delle norme vigenti imposte dalla situazione emergenziale attualmente in essere”.

Leggi anche Dopo il coronavirus: riqualificazione energetica come motore di rilancio economico e sociale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui