• Articolo Singapore, 17 gennaio 2017
    • La nanotecnologia aiuta le batterie allo zinco a respirare

    • Migliorate le prestazioni delle batterie zinco-aria. Il trucco? Un nuovo catalizzatore composto da “matrioske” di nanoparticelle

    La nanotecnologia aiuta le batterie allo zinco a respirare

     

    (Rinnovabili.it) – Le batterie zinco-aria sono economiche, hanno un’elevata densità energetica, sono in grado di durare per molto tempo e non contengono elementi tossici. Presentate in questo modo, incarnano quasi l’ideale dei sistemi di accumulo. Ma come ogni tecnologia, anche queste pile possiedono degli svantaggi: risentono molto della bassa temperatura e dell’umidità, due fattori in grado di determinare una riduzione della reattività dell’ossigeno con gli elettroni. In realtà questo passaggio, anche nelle migliori condizioni, è il più lento nel complesso delle reazioni chimiche della batteria, limitando di conseguenza l’output della tensione e le performance ad alta corrente. A risolvere il problema potrebbe essere il nuovo catalizzatore nano tecnologico realizzato da Yun Zong e Zhaolin Liu della A * STAR Institute of Materials Research and Engineering.

     

    I due ricercatori insieme ad alcuni colleghi hanno creato una molecola composta da minuscole particelle capaci di accelerare la reazione degli elettroni con l’ossigeno per produrre ioni idrossido. Le particelle misurano appena 20-50 nanometri, e sono composte da un nucleo di cobalto racchiuso da un involucro di ossido di cobalto, a sua volta circondato da un guscio esterno di polidopamina pirolizzata (PPD), una forma di carbonio ‘punteggiata’ da atomi di azoto. Queste ricoprono un supporto di carbonio poroso che funge da elettrodo.

     

    I primi test sul nuovo catalizzatore hanno permesso di evidenziare un miglioramento generale nelle prestazioni delle batterie zinco-aria: permette la trasformazione dell’ossigeno in idrossido in un unico passaggio e aiuta gli elettroni a fluire in maniera più efficiente.

    Particelle simili, contenenti solo cobalto e ossido di cobalto o unicamente PPD, hanno trasformato l’ossigeno attraverso un processo a due fasi in idroperossido, un intermedio corrosivo.

    I ricercatori hanno testato il loro elettrodo in una batteria zinco-aria scoprendo di poter produrre una corrente di cinque milliampere per centimetro quadrato di elettrodo a 1,36 volt per cinque giorni, superando le prestazioni dei convenzionali catalizzatori al platino. “La fase successiva della ricerca – spiega Zong – prevede la semplificazione della via sintetica per facilitare la produzione su larga scala delle nanoparticelle, e lo sfruttamento in altri sistemi catalitici”.

    Tutte le News | Innovazione
    Come la pianificazione urbana può sfruttare le risorse del sottosuolo10 gennaio 2017

    Come la pianificazione urbana può sfruttare le risorse del sottosuolo

    Sviluppata del politecnico di Losanna una nuova metodologia per migliorare lo sfruttamento del potenziale urbano sotterraneo

    Carbon-With-Embedded-Sodium-Nanowall-Structure-450x33730 dicembre 2016

    Fotovoltaico organico e supercacitors: il sodio manda in soffitta il grafene

    Alla Michigan Tech si trasforma in realtà un materiale fino a ieri solo teorico. E’ in grado di migliorare la resa di supercondensatori e celle solari

    Combustibili dalla CO2, il curriculum del grafene si allunga20 dicembre 2016

    Combustibili dalla CO2, il curriculum del grafene si allunga

    I ricercatori non sono riusciti a comprenderne ancora il funzionamento, ma il grafene drogato con l’azoto è uno dei migliori catalizzatori per trasformare la CO2 in etanolo

    Trenta app per rendere i cittadini sentinelle climatiche12 dicembre 2016

    Trenta app per rendere i cittadini sentinelle climatiche

    Il progetto MyGEOSS dà i primi frutti: una lunga lista di applicazioni per trasformare i dati in protezione ambientale

    1479396361034_fk12-2016-IBP-EnergiesparendesDeckenpaneelkuehlttauwasserfreiBil (1)06 dicembre 2016

    Il soffitto hi-tech del Fraunhofer ti libera dall’aria condizionata

    Realizzati speciali pannelli termoconduttori in grado sostituire i moderni impianti di condizionamento. Consumano il 70% di energia in meno e respingono muffe e batteri

    anjula-bodipy21 novembre 2016

    Sistemi di accumulo, batterie di flusso a base di colorante fluo

    Il colorante organico BODIPY ha proprietà chimiche speciali che potrebbero facilitare lo stoccaggio energetico delle batterie di flusso

    Una lingua comune per la casa intelligente16 novembre 2016

    Una lingua comune per la casa intelligente

    Energy@home ed EEBus presentano un nuovo linguaggio per far palare tra loro elettrodomestici, moduli solari, caricabatterie per auto elettriche e smart meter