• Articolo Aalto, 25 febbraio 2020
    • Innovazione verde: dalle piante nasce la super colla ecologica

    • Un team di scienziati mette alla prova i nanocristalli di cellulosa vegetale: quando combinati con l’acqua, formano un potente adesivo in grado di competere con le celebri “attaccatutto”

    super colla ecologica

    Credit: Università di Aalto

    La super colla ecologica può facilmente essere rimossa quando necessario

    (Rinnovabili.it) – Una super colla ecologica in grado di tener testa alle alternative sintetiche oggi in commercio, ma senza danneggiare l’ambiente. Questo quanto realizzato da una ricerca internazionale, pubblicata in questi giorni su Advanced Materials (testo in inglese). Lo studio è stato condotto da una collaborazione tra ricercatori dell’Università di Aalto, dell’Università di Tokyo, dell’Università di Sichuan e dell’Università della Columbia Britannica. Insieme hanno dimostrato come minuscole particelle di cellulosa – componente base della parete cellulare vegetale – possono dar vita ad un adesivo che integra perfettamente sostenibilità, bassi costi e alte prestazioni.

     

    Il procedimento di sintesi richiede “semplicemente” l’aggiunta di acqua a nanoparticelle di cellulosa: la miscela risultante viene quindi posizionata tra le due superfici che devono essere incollate. Quando l’acqua evapora (tramite essiccazione naturale o accelerata da calore), fa sì che le particelle formino un legame trasformandosi in strati affiancati di nanocristalli.

    A differenza delle celebri “attaccatutto”, la nuova super colla ecologica sviluppa tutta la sua forza in una direzione preferita, nello stesso modo degli adesivi delle figurine. Se qualcuno dovesse quindi provare a separare le due superfici direttamente, applicando forza lungo il piano del legame, troverebbe quasi impossibile riuscire nell’impresa: una sola goccia della colla “eco” può resistere a una forza di trazione in piano fino a 90 kg, ma può essere rimossa facilmente con il semplice tocco di un dito, se necessario. Come afferma la dott.ssa Blaise Tardy del Dipartimento dei bioprodotti e dei biosistemi di Aalto, “La capacità di contrastare questa forza con poche gocce è enorme”. Ovviamente se le due superfici vengono tirate lateralmente in direzioni opposte – in modo che la forza sia applicata perpendicolarmente al piano del legame – quel legame si romperà in maniera relativamente facile.

     

    >>leggi anche Carburanti e bottiglie vegetali dalle piante grazie all’E. coli<<

     

    Le prospettive di utilizzo della nuova super colla ecologica a livello mondiale (in un settore che vale oggi 40 miliardi di euro) sono piuttosto interessanti, data la crescente produzione di nanocristalli di cellulosa. La nuova bioeconomia circolare sta infatti aumentando progressivamente queste soluzioni basate sulla natura sostenendole con incentivi e risorse finanziarie (leggi anche Nasce BioWatch, la biblioteca online delle innovazioni nella bioeconomia).

    “L’aspetto veramente eccitante di questo studio – aggiunge Tardy – è che sebbene il nostro nuovo adesivo possa provenire direttamente dalla biomassa residua, come quella proveniente dall’industria agro-alimentare o dalla carta riciclata, supera di gran lunga le misure dei prodotti sintetici commerciali attualmente disponibili”.

    Tutte le News | Innovazione
    Nuove tecnologie20 febbraio 2020

    Nuove tecnologie: a Yale si studiano gli effetti indesiderati

    Un numero speciale del Journal of Industrial Ecology di Yale affronta il problema della carenza di dati e strumenti di valutazione sulle tecnologie emergenti, cercando di individuare nuovi approcci per l’analisi delle innovazioni nel campo dei trasporti, delle infrastrutture, dell’energia e dei materiali.

    157478582030903 febbraio 2020

    Innovation Communities: la nuova filosofia Enel dell’Open Power

    Una rete di persone aperta, priva di gerarchie e pronta ad accogliere idee innovative all’avanguardia e nuove opportunità d’impresa. Nascono le Innovation Communties di Enel, un nuovo modo orizzontale e multidimensionale di fare impresa

    qualità dell'aria28 gennaio 2020

    Klimahouse Future Hub, premiato per il dispositivo che rileva la qualità dell’aria nelle aule scolastiche

    La startup italiana si è meritata il primo premio grazie alla sua “Fybra”: un sensore che monitora l’aria indoor, studiato appositamente per scuole e istituti di istruzione

    plastiche miste23 gennaio 2020

    Plastiche miste, Saipem testa una nuova tecnologia di smaltimento

    La tecnologia “flameless”, messa a punto dall’Italia ITEA, permette la produzione di energia a basso costo utilizzando combustibili poveri

    Asfalto di grafene23 gennaio 2020

    Roma: a Fiumicino atterra l’asfalto di grafene

    In collaborazione con Interchimica, Directa Plus, G.Eco e l’Università Bicocca, l’aeroporto di Fiumicino ha avviato i test per l’aflato di grafene, che garantisce maggiore durata e una minore necessità di manutenzione, abbattendo i costi sul medio-lungo termine.

    Open Innovability24 dicembre 2019

    Comfort e protezione da indossare, la nuova sfida di Open Innovability

    Enel lancia una nuova sfida agli innovatori di tutto il mondo: proporre nuovi materiali o tessuti per gli indumenti protettivi di chi lavora sugli impianti elettrici BT. I capi dovranno essere in grado garantire un elevato livello di comfort

    Così l'Innovability di Enel accelera la rivoluzione energetica23 dicembre 2019

    Così l’Innovability di Enel accelera la rivoluzione energetica

    Soluzioni sostenibili d’ultima generazione, nuove imprese tech e innovativi modelli di business: l’utility racconta l’esperienza degli Innovation Hub e mostra di che pasta è fatto il futuro