• Articolo Boston, 19 luglio 2017
    • Perdite della rete idrica, ci pensa il mini robot PipeGuard

    • Arriva dal MIT di Boston il piccolo volano robotico capace di rilevare le variazioni di pressione lungo le tubature e ripararle immediatamente

    PipeGuard

     

    PipeGuard, la sentinella della rete idrica

    (Rinnovabili.it) – In Italia il sistema idrico è un vero e proprio colabrodo. I dati pubblicati nel recente Blue Book 2017 (promosso da Utilitalia) forniscono un quadro scoraggiante, fatto di infrastrutture vecchie e fatiscenti e alti sprechi. In media la rete nazionale conta fino al 38 per cento di perdite, con situazioni più drammatiche al Centro (46%) e al Sud (45%).

    A dare una mano alla risoluzione del problema potrebbe essere PipeGuard, il nuovo robot sviluppato da MIT di Boston. Simile nell’aspetto al volano del badminton, il piccolo dispositivo è in grado di rilevare le variazioni di pressione causate da una perdita grazie ad una coda in gomma morbida che si espande per riempire il diametro delle tubature.

     

    Come funziona PipeGuard?

    Questo robot può essere inserito nel sistema idrico attraverso qualsiasi idrante, affidandolo al flusso dell’acqua. Durante il “viaggio”, la posizione è costantemente monitorata e il rivestimento di gomma permette di registrare anche la più piccola variazione di pressione. Il team ha effettuato un test sul campo in Arabia Saudita, sfruttando una tubatura arrugginita lunga 1,6 chilometri e di 5 cm di diametro.

    I ricercatori hanno creato una perdita artificiale e lasciato che PipeGuard si aggirasse lungo curve, giunti a T e connessioni per rintracciarla.

     

     

    Abbiamo calato il robot in una congiunzione del tubo e lo abbiamo tolto da un’altra”, spiega You Wu, uno degli scienziati che ha lavorato al progetto. “Lo abbiamo testato per 14 volte durante tre giorni e ha completato l’ispezione ogni volta con successo. Inoltre, ha trovato una perdita di circa 4 litri al minuto, che è un decimo della dimensione minima identificata in media dai metodi di rilevamento convenzionali”.

     

    La soluzione MIT sembra avere un vantaggio notevole rispetto agli altri sistemi robotizzati creati sino ad oggi, in quanto la sua coda in gomma ha la capacità di espandersi in tubi di varie dimensioni, come un ombrello. Il passo successivo è quello di realizzare una versione ancora più flessibile e pieghevole di PipeGuard, che si adatti rapidamente a diametri diversi. Non solo il sistema potrebbe essere adattato anche agli impianti di distribuzione del gas naturale, tubature spesso vecchie e scarsamente mappate le cui perdite sono difficili da individuare. Non solo. Gli scienziati stanno già lavorando su un piccolo upgrade per rendere il robot capace non solo di individuare le perdite della rete idrica ma anche di effettuare una riparazione immediata sul posto.

     

    >>Leggi anche tutti gli aggiornamenti sul tema acqua<<

    Tutte le News | Innovazione
    bioplastica da limoni18 luglio 2017

    Bioplastica da limoni e CO2, per dire addio al bisfenolo A

    Gli scienziati dell’ICIQ hanno sviluppato un metodo di produzione dei policarbonati che impiega limonene, l’idrocarburo contenuto nella buccia degli agrumi, e anidride carbonica

    cella fotovoltaica13 luglio 2017

    Dagli USA la cella fotovoltaica che sfrutta quasi tutto lo spettro

    Minuscole celle solari a strati che funzionano come un setaccio per la luce. Il nuovo design della George Washington University impiega un nuovo materiale per portare l’efficienza al 44,5%

    cellulare senza batteria07 luglio 2017

    Il primo cellulare senza batteria che ruba energia all’ambiente

    L’apparecchio dell’Università di Washington non richiede cavi e pile. Per funzionare sfrutta l’energia dei segnali radio e della luce

    riciclo raee23 giugno 2017

    Dal Minambiente 900mila € per nuove tecnologie di riciclo raee

    Novanta giorni di tempo per partecipare al bando per lo sviluppo di nuove tecnologie di recupero, riciclaggio e trattamento dei rifiuti elettrici ed elettronici

    Creato il sistema low cost per trasformare la CO2 in carburante06 giugno 2017

    Creato il sistema low cost per trasformare la CO2 in carburante

    Gli scienziati svizzeri dell’EPFL hanno messo a punto il primo sistema catalitico a basso costo per separare la CO2 in monossido di carbonio e ossigeno

    pittura al grafene31 maggio 2017

    Dalla Spagna la pittura al grafene per edifici più efficienti e sani

    Il grafene fa la sua incursione nell’edilizia creando, assieme alla calce, una delle vernici più ecofriendly del mercato

    finestra intelligente olandese19 maggio 2017

    La finestra intelligente olandese blocca il caldo on demand

    Può essere accesa e spenta per regolare la quantità di calore in entrata nelle stanze senza perdere di trasparenza. Si calcola un risparmio sui consumi del 12%