• Articolo Eindhoven, 19 maggio 2017
    • La finestra intelligente olandese blocca il caldo on demand

    • Può essere accesa e spenta per regolare la quantità di calore in entrata nelle stanze senza perdere di trasparenza. Si calcola un risparmio sui consumi del 12%

    finestra intelligente olandese

     

    (Rinnovabili.it) – All’University of Technology (UT) di Eindhoven, nei Paesi Bassi, i classici doppi vetri sono un ricordo del passato. L’ingegnere chimico Hitesh Khandelwal, per il suo dottorato di ricerca presso l’ateneo olandese, ha realizzato una finestra intelligente capace di modulare l’assorbimento dell’energia solare. Che cosa significa nella pratica? Che i nuovi vetri di Khandelwal possono essere “accesi e spenti” affinché l’utente possa scegliere se far passare luce e calore o solamente la luce. In altre parole: d’estate possono schermare i raggi infrarossi, collaborando al raffrescamento passivo delle stanze, e fare l’opposto d’inverno.

     

    >>Leggi anche: Smart windows, cinque vetrate 3.0<<

     

    “Più del 50 per cento dell’energia totale utilizzata a livello dell’involucro dell’edificio nel mondo occidentale viene spesa per il raffreddamento, il riscaldamento e l’illuminazione degli interni. Una frazione significativa di questo consumo energetico è legata alla nostra incapacità di controllare l’ingresso e l’uscita della luce infrarossa proveniente dal sole attraverso le finestre”, spiegano i ricercatori.

     

    Cristalli organici nel cuore della finestra intelligente

    Per ottenere un simile risultato, l’ingegnere assistito dal professor Michael Debije hanno riempito lo strato tra i doppi vetri della finestra con cristalli liquidi organici, chiamati Ch-LC. Le disposizioni di queste molecole determinano le loro proprietà ottiche collettive. Ad esempio, quando sono disposte in modo elicoidale e parallelamente al substrato, sono in grado di riflettere la luce a lunghezze d’onda specifiche.

     

    Applicando una carica elettrica, l’orientamento può essere cambiato per ottenere il risaltato desiderato. Aggiungendo diverse molecole di cristalli liquidi, Khandelwal ha dimostrato di poter bloccare quasi il 100 per cento della luce solare tra 700 nm e 1400 nm (la lunghezza dell’infrarosso), mantenendo una trasparenza alla luce visibile del 90 per cento, comparabile con quella del vetrocamera.

     

    “Una delle sfide più grandi da affrontare durante lo scale-up della tecnologia, è riuscire a mantenere al minimo la perdita di trasparenza, con una buona stabilità termica e ai raggi UV. I vantaggi di usare una finestra intelligente non si limita all’ambiente costruito: la temperatura interna delle automobili potrebbe essere migliorata utilizzando questi vetri e ottenendo così ulteriori risparmi di combustibile”. Secondo gli scienziati la tecnologia potrebbe ridurre il consumo energetico degli edifici per raffrescamento e riscaldamento del 12 per cento.

     

    La finestra intelligente che blocca il caldo

    Tutte le News | Innovazione
    smart home18 maggio 2017

    La rivoluzione delle smart home a Eta Beta

    Il programma di Radio Uno ha esplorato le ultime applicazioni dell’IoT al settore domestico: un viaggio nel mondo delle start up italiane che stanno costruendo le smart home del futuro

    batterie al litio e materiali auto-riparanti16 maggio 2017

    Le batterie al litio si auto-guariscono puntando all’immortalità

    L’Università dell’Illinois sperimenta i materiali self-healing nella realizzazione di anodi a base di nanoparticelle in silicio, per batterie più durevoli ed efficienti

    la ricerca sull'energia pulita12 maggio 2017

    UE: 150 mln per la ricerca sull’energia pulita

    Il bando è alla ricerca di proposte da finanziare attraverso la “Secure, Clean and Efficient Energy” di Horizon 2020

    Batterie auto ricaricabili, la spina diventa obsoleta28 aprile 2017

    Batterie auto ricaricabili, la spina diventa obsoleta

    Un nuovo lavoro punta a realizzare la prima batteria agli ioni di litio in grado di auto-ricaricarsi se esposta al sole

    Arriva l'acqua da mangiare per risparmiare plastica 314 aprile 2017

    Arriva l’acqua da mangiare per risparmiare plastica

    Una startup britannica ha inventato le Ooho balls, sfere gelatinose edibili che contengono acqua e puntano a ridurre l’uso delle bottiglie di plastica

    Le batterie ricaricabili copiano le vene delle foglie e diventano super12 aprile 2017

    Le batterie ricaricabili copiano le vene delle foglie e diventano super

    Nuovi materiali bioispirati, progettati in laboratorio, sono il “trucco” di un team di ricercatori per migliorare il trasferimento di energia

    Acqua potabile dal mare con il filtro a base di ossido di grafene04 aprile 2017

    Acqua potabile dal mare con il filtro a base di ossido di grafene

    Più facile da produrre e meno costoso: l’ossido di grafene promette di portare la desalinizzazione ad un altro livello tecnologico