• Articolo Londra, 27 giugno 2016
    • L'innovazione proviene dal Royal College of Art

      Proteine del latte, la nuova frontiera della bioplastica sostenibile

    • Nessun polimero fossile, solo latte recuperato dagli scarti dell’industria casearia. Il risultato è un materiale versatile, che si può modellare e perfino lavorare al tornio

    Proteine del latte, la nuova frontiera della bioplastica sostenibile

     

    (Rinnovabili.it) – Il nostro mondo è di plastica, letteralmente. Ne produciamo ogni anno 300 milioni di tonnellate. E con quella accumulata fino ad oggi si potrebbe creare una pellicola che ricopre tutta la Terra. Rimpiazzare i polimeri che derivano dai combustibili fossili è una delle urgenze più pressanti, ma non sempre le alternative sono migliori del problema che vogliono risolvere: sappiamo che la plastica biodegradabile danneggia gli oceani proprio come quella tradizionale, solo in un impianto di compostaggio la si smaltisce in fretta. Ma la bioplastica ha comunque il pregio di limitare l’uso di idrocarburi, e ci sono modi intelligenti per renderla conveniente sotto tanti punti di vista.

    Uno di questi modi è venuto in mente a Tessa Silva-Dawson, studentessa di Design del prodotto al Royal College of Art: ha usato latte di mucca per creare una plastica alternativa che non si basa su fonti non rinnovabili e ha le stesse prestazioni di quella tradizionale. Fattore più importante, il latte è recuperato dalle enormi quantità sprecate ogni giorno per rispettare quote o giocare con l’andamento del mercato.

     

     

    Il suo Protein Project prende la materia prima necessaria da un allevamento con annessa industria casearia del Sussex, che ogni settimana butta via 3.000 litri di latte scremato. “Ed è soltanto una delle aziende in UK, perciò 3.000 litri la settimana, facendo un salto di scala, può dar luogo ad un grande giro d’affari”, commenta la studentessa.

    Come è strutturato il processo di creazione della bioplastica dal latte? La fase iniziale non è diversa dal procedimento per ottenere il formaggio, usando calore per separare la cagliata dal siero. Il caglio viene poi introdotto in un macchinario industriale e deidratato, quindi mescolato con dei plastificanti naturali. A questo stadio il latte è diventato una pallina, che può essere modellata secondo le stesse tecniche di lavorazione normalmente usate per la plastica fossile, e perfino essere passata al tornio come fosse legno. Per dimostrarne la versatilità, Silva-Dawson ha creato una serie di recipienti di varie forme e dimensioni.

    Tutte le News | Innovazione
    20160122_11034416 giugno 2016

    Addio gas, arriva il frigo magnetico che taglia a metà i consumi

    Arriva sul mercato il primo sistema di raffreddamento magnetico per applicazioni commerciali. La tecnologia elimina totalmente i gas inquinanti e riduce il consumo di energia fino al 50%

    water-spitting-nanorods-115 giugno 2016

    Ricavare acqua dall’aria, un lavoro da nanotubi

    I ricercatori del PNNL sono riusciti a dimostrare per la prima volta un fenomeno teorizzato più di 20 anni fa. Ma la scoperta è stata del tutto casuale

    ninja-star-battery-109 giugno 2016

    Batterie di carta come stelle ninja, l’origami aumenta le prestazioni

    Batteri, carta e le indicazioni dell’arte dell’Origami: da questo mix nasce la biobatteria usa e getta che puoi (quasi) compostare

    Il drone elettrico per il trasporto umano può volare in USA 409 giugno 2016

    Il drone elettrico per il trasporto umano può volare in USA

    EHang 184 sarà il primo drone elettrico sul mercato a trasportare esseri umani. Può portare 100 kg per 20 minuti a 100 km/h, e si ricarica in 2 ore

    Eco-Coolers-bangladesh-e146373834770007 giugno 2016

    Eco-cooler: aria condizionata fai-da-te senza elettricità

    Realizzato con semplici bottiglie di plastica riciclate, aiuta a ridurre le temperature interne senza bisogno dell’elettricità.

    Cupriavidus_necator31 maggio 2016

    Harvard crea il super batterio che trasforma la CO2 in carburante

    Produrre alcol da idrogeno e anidride carbonica. Questo il compito del batterio OGM creato dal Prof. Nocera, celebre creatore della foglia artificale

    MIT-Gravity-Flow_027 maggio 2016

    La batteria di flusso si trasforma in una clessidra energetica

    Un innovativo design, privo del complicato sistema di valvole e pompe, potrebbe offrire vantaggi in termini di costi e semplicità alle batterie di flusso