• Articolo Raleigh, 19 settembre 2016
    • Dagli USA l’inverter per auto elettrica che non conosce rivali

    • Migliorano le tecnologie dell’auto elettrica grazie a nuovi materiali più leggeri, piccoli ma al tempo stesso molto efficienti

     

    Dagli USA l’inverter per auto elettrica che non conosce rivali

     

    (Rinnovabili.it) – Più piccolo, più leggero ma anche più efficiente. Il nuovo inverter creato dai ricercatori della North Carolina State University stupisce con prestazioni uniche che potrebbero migliorare ulteriormente l’autonomia dei veicoli elettrici.

     

    I mezzi elettrici e quelli ibridi si basano sull’impiego di inverter per assicurare che abbastanza elettricità sia convogliata dalla batteria al motore durante il loro funzionamento. Questi elementi – che hanno il compito di trasformare la corrente continua in corrente alternata – sono per lo più realizzati con componenti a base di silicio. Ed è proprio lavorando sul materiale numero del dispositivo che i ricercatori del centro di ricerca FREEDM dell’ateneo sono stati in grado di incrementare le prestazioni dell’inverter. Il team ha concentrato gli sforzi sull’utilizzo del carburo di silicio, un composto a base di silicio e carbonio legati insieme per formare un materiale ceramico.

     

    “Il nostro prototipo di inverter in carburo di silicio è in grado di trasferire il 99 per cento dell’energia al motore, che è di circa il due per cento superiore a quello che succede nei migliori inverter a base di silicio in condizioni normali”, spiega Iqbal Husain, direttore del Centro FREEDM. “Inoltre è più piccolo e più leggero rispetto agli omologhi in silicio, elemento che migliora ulteriormente l’autonomia dei veicoli elettrici“. Il nuovo inverter è in grado di trasmettere 12,1 kW di potenza per dm3, con l’obiettivo di raggiungere 13,4 kW / dm3 entro il 2020. A titolo di confronto, nel 2010 questo valore non era più alto di 4,1 kW / dm3.

     

    La densità di potenza dei nuovi materiali ceramici consente agli ingegneri di rendere gli inverter e i loro componenti – come i condensatori e gli induttori – piccoli e leggeri. Inoltre, il design è più efficiente nel disperdere il calore rispetto alle versioni precedenti. “Gli inverter convenzionali sono probabilmente migliorate dal 2010, ma ancora nessun si è avvicinato ai 12,1 kW/dm3”, aggiunge Husain.

    Tutte le News | Innovazione
    160913141508_1_900x60014 settembre 2016

    Energia indossabile: il tessuto si ricarica con sole e movimento

    Il nuovo tessuto ibrido della Georgia Institute of Technology è un filato di fibre fotovoltaiche e triboelettriche. E’ flessibile, traspirante, leggero è può ricaricare piccoli dispositivi

    160908151106_1_900x60012 settembre 2016

    Basta uno spray contro l’inquinamento elettromagnetico?

    Realizzato un film metallico spesso solo 8 micrometri e in grado di bloccare il 99,9 % delle radiazioni elettromagnetiche

    160901151933_1_900x60005 settembre 2016

    Eco-climatizzazione da indossare

    Arriva da Stanford un nuovo tessuto nano ingegnerizzato a base di plastica capace di raffreddare in maniera efficiente il corpo

    newlithiumox28 luglio 2016

    Lunga vita alla batteria litio-ossigeno

    Minuscole particelle di ossido di litio imprigionate in una “spugna” di cobalto: così un team internazionali di ingegneri trasforma la batteria litio-aria regalandole potenza e resistenza

    160718133759_1_900x60020 luglio 2016

    Una spremuta di vitamine per le batterie di flusso del futuro

    Identificata una nuova classe di molecole organiche ad alte prestazioni in grado di memorizzare in modo sicuro l’elettricità prodotta da fonti intermittenti come l’eolico o il solare  

    MIT-Desalination-India-1_019 luglio 2016

    Acqua potabile: il MIT rende economica la desalinizzazione solare

    Gli scienziati del MIT stanno ottimizzando un nuovo sistema di trattamento delle acque dei pozzi, a base di energia solare. I dispositivi sono economicamente convenienti per le comunità rurali

    dongxu-g-king-battery-01-7cc46e6fc3e5168e702bbe2591ce5ae0f15 luglio 2016

    G-king è la prima batteria al grafene che si ricarica in 13 min

    La società cinese Dongxu Optoelettronica ha presentato a Pechino la prima batteria per smartphone in grafene che si ricarica fino a 20 volte più velocemente di quelle a litio