• Articolo Parigi, 19 ottobre 2017
    • Power Road recupera il calore dalle strade per darlo agli edifici

    • L’idea è di incorporare nell’asfalto uno scambiatore di calore, che stocchi l’energia termica del sole e la reindirizzi agli edifici circostanti

    Power Road

     

    Power Road, la nuova strada energetica francese

    (Rinnovabili.it) – Due anni fa, il lancio in Francia di Wattway, la strada solare della Colas, aveva riscosso parecchio successo mediatico e interesse pubblico.  L’allora ministro all’Ecologia Segolene Royal aveva promesso di pavimentare con questa tecnologia ameno 1000 km entro 5 anni, stanziando 5 milioni di euro a sostegno dell’iniziativa. Oggi Eurovia spera che lo stesso benvenuto posso essere dato anche alla sua Power Road. Si tratta di una “strada a energia positiva”, ma Wattway e Power Road “non sono paragonabili“, chiarisce Pierre Anjolras, presidente di Eurovia. “La prima produce energia elettrica, mentre la seconda produce calore e senza modificare l’aspetto superficiale”.

     

    Il principio su cui si basa Power Road, marchio registrato dalla società che fa capo al gruppo Vinci, ricorda il riscaldamento domestico a pavimento radiante. L’idea è di incorporare nell’asfalto uno scambiatore di calore, un sistema chiuso di tubature nelle quali circola un fluido termovettore. Il calore accumulato durante il giorno dal manto stradale passerebbe così al fluido che potrebbe a sua volta essere sfruttato “per il riscaldamento domestico o dell’acqua sanitaria negli edifici circostanti”, aggiunge Anjolras. Non solo. Se accoppiato a un sistema geotermico, d’inverno può anche essere utilizzato per rimuovere la neve e il ghiaccio dalla superficie delle strade o dalle piste degli aeroporti, riducendo così i costi di manutenzione. In estate, potrebbe invece dare una mano a ridurre gli effetti delle isole di calore.

     

     

    La Power Road è stata testata per la prima volta nel 2013 con la semplice funzione di rimozione della neve. Un altro test è stato lanciato nel mese di luglio 2017 su 500 m² di parcheggio, in una zona di sosta lungo l’autostrada A10, collegando il sistema al vicino immobile. “Questo è il primo test sulla capacità di riscaldamento d’un edificio, la sfida è quella di misurare il contributo di Power Road in questo senso ed è ciò che farà la società di ingegneria Burgeap”.

     

    Power Road

     

    Ma non si tratta solo di esperimenti. La società ha già firmato il primo contratto ripavimentando lo scorso agosto 3.500 m² di parcheggio di una scuola nella città di Pontarlier. Il progetto prevede di collegare il sistema alla rete di teleriscaldamento locale. La tecnologia richiede solo il 15% di tempo in più nei lavori di realizzazione o riparazione ma il costo iniziale è decisamente alto. “Power Road costa circa 250 euro al m². Un po’ più del doppio del prezzo di un rivestimento semplice”, continua Anjolras. “Tuttavia, deve essere messo in prospettiva con i costi  di un aeroporto o una strada chiusi a causa di neve o ghiaccio”.

    Tutte le News | Innovazione
    Edcc, il nuovo cemento ecologico è a prova di terremoto13 ottobre 2017

    Edcc, il nuovo cemento ecologico è a prova di terremoto

    Da un’università canadese arriva un nuovo cemento spray capace di migliorare la resistenza sismica degli edifici

    Alleanza europea delle batterie12 ottobre 2017

    Bruxelles lancia l’Alleanza europea delle batterie

    La Commissione europea si impegna a presentare entro febbraio 2018 un piano strategico che definisca la road map. Il consorzio potrebbe ricevere 2 milioni di euro di finanziamenti

    Addio litio, la nuova batteria al sodio è efficiente e low cost12 ottobre 2017

    Addio litio, la nuova batteria al sodio batte la concorrenza

    Stessa capacità di stoccaggio ma costi ridotti dell’80%: da Stanford arriva l’alternativa agli ioni di litio

    Eni Award 201706 ottobre 2017

    Eni Award 2017, il “Nobel dell’energia” apre ai giovani talenti dell’Africa

    Il Premio Eni Award è nato per valorizzare la ricerca scientifica e l’innovazione in campo energetico e ambientale e per far crescere i giovani. Con lo sguardo all’Africa

    alluminio05 ottobre 2017

    I fogli di alluminio sporco si trasformano in catalizzatori per il biocarburante

    Un ricercatore britannico scopre come riciclare la stagnola usata nella produzione di catalizzatori a base di alluminio. Il prodotto finale è più puro della controparte commerciale

    batterie al litio04 ottobre 2017

    Con l’asfalto le batterie al litio si caricano 20 volte più in fretta

    Nello sviluppare gli anodi delle batterie al litio, i ricercatori hanno utilizzato carbonio poroso ricavato dall’asfalto. Il risultato è davvero stupefacente

    Evaporazione naturale, si studia il suo potenziale energetico28 settembre 2017

    Evaporazione naturale, si studia il suo potenziale energetico

    I ricercatori della Columbia University hanno creato un prototipo di motore a evaporazione che sfrutta i cambiamenti di umidità per funzionare