• Articolo Sydney, 16 febbraio 2018
    • Dalla soia i filtri in grafene che rendono potabile anche l’acqua del porto

    • Arriva dall’Australia “Graphair”, una nuova tecnologia per produrre filtri, economici ed ecologici, che intrappolino con efficacia gli inquinanti dell’acqua

    acqua

     

    (Rinnovabili.it) – Immaginate di riuscire a ottenere acqua potabile da qualsiasi fonte idrica, non importa quanto inquinata sia. Questo è l’obiettivo di una consistente fetta di ricerca internazionale, che da anni sta testando le proprietà dei filtri in grafene per la potabilizzazione dell’acqua. Questo materiale ha indubbi vantaggi e non solo in campo idrico: la sua estrema sottilizza  – è costituito da uno strato mono atomico di carbonio – ed alta conduttività lo rendono adatto alle più disparate applicazioni, dall’elettronica miniaturizzata ai dispositivi biomedici.

    Definito non a caso il “materiale delle meraviglie”, il grafene mostra un’eccellente abilità nella filtrazione dell’acqua tramite distillazione a membrana, in particolare nella cattura di nanoparticelle, molecole organiche e sali. Fino ad ora, tuttavia, l’alto costo di produzione è stato il più grosso ostacolo alla distribuzione di massa. Un ostacolo che gli scienziati australiani del CISRO sperano di aver superato.

     

    >>Leggi anche Acqua, il clima non dà tregua: in calo le risorse idriche italiane<<

     

    Attualmente, il grafene viene coltivato in un ambiente altamente controllato con gas compressi, alte temperature e processi di lavorazione sottovuoto. I ricercatori Dong Han Seo e Zhao Jun Han hanno messo a punto una nuova tecnologia, battezzata “GraphAir”, che elimina la necessità di un ambiente così controllato, sviluppando il film di grafene da un precursore naturale: i semi di soia.

    Questo processo, spiegano gli scienziati, “è veloce, semplice, sicuro, potenzialmente scalabile”. La tecnologia impiega olio ottenuto dai semi di soia eriscaldato per circa 30 minuti fino ad ottenere “blocchi” di carbonio. Il team ha anche trasformato altri tipi di oli rinnovabili e persino alcuni rifiuti, come quelli rimasti nel barbecue o da cucina, in film di grafene. “Ora possiamo riciclare gli oli usati, che altrimenti sarebbero stati scartati, e trasformarli in qualcosa di utile”, ha aggiunto Seo.

     

    Nei test di laboratorio un filtro di 4 cm2 ha purificato un litro di acqua di mare al giorno tramite distillazione a membrana (processo guidato dal gradiente di pressione del vapore attraverso una membrana porosa e idrofoba). Il team intende ora produrre fogli di format A4 per aumentare di 100 volte la resa. “Tutto ciò che serve è il calore, il nostro grafene, un filtro a membrana e una piccola pompa per l’acqua, speriamo di iniziare le prove sul campo in una comunità in via di sviluppo l’anno prossimo”.

    Tutte le News | Innovazione
    Dal mare acqua potabile e litio grazie alle membrane MOF12 febbraio 2018

    Dal mare acqua potabile e litio grazie alle membrane MOF

    Da un team di ricerca internazionale un nuovo processo di dissalazione efficiente dal punto di vista energetico ed economicamente sostenibile

    cemento08 febbraio 2018

    L’eco-cemento fatto con le ceneri vulcaniche

    Un team di ingegneri ha scoperto che polverizzare la cenere vulcanica e aggiungerla alla miscela cementizia rende il processo più “verde” e il materiale più resistente

    oro05 febbraio 2018

    Il batterio che estrae l’oro dai metalli tossici

    Scoperti i processi molecolari che avvengono all’interno C. metallidurans, il microorganismo che produce piccole pepite d’oro

    supercondensatore31 gennaio 2018

    Da Singapore il supercondensatore elastico che può essere tagliato

    Simile ad un tessuto elastico, il nuovo supercapacitor mantiene quasi il 98% della capacità iniziale di immagazzinare energia elettrica anche dopo 10.000 cicli di stiramento e rilascio

    litio25 gennaio 2018

    In Cornovaglia si testano i satelliti alla ricerca del litio

    Gli esperti ritengono che la Cornovaglia possa contenere significativi depositi del prezioso elemento, la cui domanda globale sta rapidamente aumentando

    Imitando la natura: la batteria pieghevole copia le anguille elettriche19 gennaio 2018

    Imitando la natura: la batteria pieghevole copia le anguille elettriche

    Un team di ricercatori ha copiato la fisiologia del pesce creando una nuova batteria biologica a base di acqua e idroegel

    Cota Forever Battery15 gennaio 2018

     Arriva Cota Forever Battery, la prima batteria AA wireless

    Debutta al CES 2018 di Los Angeles la prima pila ricaricabile smart. Può trasformare qualsiasi apparecchio a batterie in un dispositivo intelligente